Filosofia dell'amicizia/Sociale

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
"La sposa riluttante e le amiche", olio di Auguste Toulmouche (1866)

Valore sociale dell'amicizia[modifica]

Un altro modo per interpretare la questione del valore dell'amicizia è in termini più sociali: qual è il vantaggio per la società di avere i suoi membri impegnati in rapporti di amicizia? Telfer (1970-1971, 238) risponde che l'amicizia promuove il bene generale "fornendo un grado e un tipo di considerazione per il benessere degli altri che non può esistere al di fuori di esso". Blum (1980) concorda, sostenendo che l'amicizia è un'importante fonte di eccellenza morale proprio perché essenzialmente sottende l'agire per il bene del proprio amico, un tipo di azione che può avere un notevole valore morale.[1]

Cocking & Kennett (2000) contestano questa opinione secondo cui atti di per sé amichevoli sono moralmente buoni, sostenendo che "io potrei essere un ottimo amico. Potrei però non essere perfettamente virtuoso" (287). I due ricercatori sostengono questa conclusione, nel loro studio dell'amicizia come "diretta e interpretata" dall'amico, sostenendo che "ho la stessa probabilità di essere diretto dal tuo interesse nel gioco d'azzardo al casinò come dal tuo interesse per il balletto" (286) . Tuttavia, Cocking & Kennett sembrano non essere sufficientemente sensibili all'idea, che accettano (cfr. 284), che gli amici si preoccupano di promuovere il benessere reciproco. Poiché, se mi preoccupo del tuo benessere e ti trovo in procinto di intraprendere un corso d'azione immorale, non dovrei, contrariamente a quanto suggerito da Cocking & Kennett, permetterti ciecamente di indurmi a unirmi a te; piuttosto, dovrei cercare di fermarti o almeno farti dubitare se stai facendo la cosa giusta — mediante il mio dirigerti e interpretarti. In questo contesto, Koltonski (2016) asserisce che ci si dovrebbe assicurare che il proprio amico si impegni adeguatamente nella deliberazione morale, per poi affidarsi al giudizio del proprio amico su cosa fare, anche quando si è in disaccordo con la conclusione morale, poiché tale deferenza è una questione di rispettare correttamente l'agenzia morale dell'amico.

Queste risposte al valore sociale dell'amicizia sembrano applicarsi ugualmente bene all'amore: nella misura in cui l'amore implica essenzialmente sia una preoccupazione per la persona amata per se stessa, sia, di conseguenza, un'azione al posto suo per il suo bene, l'amore dimostra lo stesso valore sociale. Friedman (1989), tuttavia, sostiene che l'amicizia stessa è socialmente preziosa in un modo in cui l'amore non lo è. Interpretando l'intimità dell'amicizia in termini di condivisione dei valori, Friedman osserva che l'amicizia può comportare il sostegno reciproco, in particolare, di valori non convenzionali, che possono essere un importante stimolo al progresso morale all'interno di una comunità — dato che "i nostri impegni con determinate persone sono, in pratica, necessari contrappesi ai nostri impegni verso orientamenti morali astratti e, a volte, possono avere la precedenza su di essi" (6). Di conseguenza, l'istituzione dell'amicizia è preziosa non solo per gli individui ma anche per la comunità nel suo insieme.

Searchtool.svg Per approfondire, vedi Serie dei sentimenti.

Note[modifica]

  1. A supporto e con affermazioni simili, si veda Annis 1987.