Filosofia dell'amicizia/Valore

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
"Amicizia", olio di Petrona Viera (XX sec.)

Valore e giustificazione dell'amicizia[modifica]

L'amicizia gioca chiaramente un ruolo importante nella nostra vita; in larga misura, i vari studi dell'amicizia mirano a identificare e chiarire tale ruolo. In questo contesto, è importante capire non solo perché l'amicizia può essere preziosa, ma anche ciò che giustifica amicizie particolari.

Come scrisse Aristotele nel IV secolo p.e.v., "Nessuno sceglierebbe di vivere senza amici, anche se avesse tutti gli altri beni". Anche i ricchi e potenti, egli sostiene, hanno bisogno di amici se non altro per avere qualcuno a cui concedere la propria generosità e per aiutarli a proteggere i loro interessi. Per Aristotele l'amicizia è uno dei beni più importanti che possediamo come esseri umani e senza di essa egli crede che non saremmo sicuramente in grado di prosperare. Pertanto, quando Aristotele sostiene che l'amicizia è "indispensabile per la vita",[1] non dovremmo intenderlo nel senso che non potremmo continuare a vivere se non avessimo amici, ma piuttosto che l'amicizia è necessaria per una vita completa e felice.

La discussione sull'amicizia, tuttavia, è stata purtroppo molto trascurata nel pensiero moderno. (Quando è stata l'ultima volta, ad esempio, che avete notato la pubblicità di un seminario sull'argomento?) C. S. Lewis sostiene che la ragione di questa negligenza è che l'amicizia sembra essere – in apparenza comunque – la meno necessaria di tutte le forme di amore:

« L'amicizia è – in un senso per niente dispregiativo – il meno naturale degli amori; il meno istintivo, organico, biologico, gregario e necessario... Senza [l'amore sessuale] nessuno di noi sarebbe stato generato e senza [l'amore dei genitori] nessuno di noi sarebbe stato allevato; tuttavia possiamo vivere e riprodurci senza amicizia. La specie, considerata biologicamente, non ne ha bisogno.[2] »

L'amicizia ha anche un inevitabile elitismo al riguardo che dà fastidio alle tendenze liberali moderne. In quasi ogni concezione dell'amicizia è inclusa una dicotomia implicita o palese tra "noi" e "loro". L'amicizia ci costringe a fare la distinzione tra coloro che sono tra i ranghi dei nostri amici e quelli che non lo sono.

La mancanza di interesse per la dimensione morale dell'amicizia è davvero una sfortuna, dal momento che molte delle più importanti questioni morali che gli esseri umani affrontano quotidianamente hanno a che fare con i nostri rapporti tra amici. La maggior parte di noi probabilmente passa tutta la vita senza mai dover prendere decisioni riguardo all'aborto, all'eutanasia e questioni simili, ma tutti dobbiamo affrontare i vari obblighi e difficoltà che inevitabilmente sorgono dalle nostre relazioni con i nostri amici più cari. In un momento o nell'altro, lottiamo tutti con domande sulla portata dei nostri obblighi nei confronti dei nostri amici e dei loro obblighi nei nostri confronti e probabilmente sperimentiamo tutti un tradimento per mano di coloro che consideriamo amici fidati. L'amicizia, in poche parole, è spesso l'arena centrale in cui viviamo le nostre vite morali.

Dobbiamo quindi considerare attentamente il valore, o i valori, dell'amicizia. Un modo per interpretare la questione del valore dell'amicizia è in termini dell'individuo che considera se essere (o continuare ad essere) impegnato in una data amicizia: perché dovrei investire un tempo considerevole, dell'energia e delle risorse, in un amico piuttosto che in me stesso? Cosa rende l'amicizia utile per me, e quindi come dovrei valutare se le particolari amicizie che ho sono buone amicizie o no?

Nelle prossime due Sezioni, esamineremo il "valore individuale" e il "valore sociale" dell'amicizia.

Note[modifica]

  1. Aristotele, Etica Nicomachea, 1155a5.
  2. C.S. Lewis, The Four Loves, Harper Collins, 1998, p. 55.