Kdenlive/Ottenerlo e installarlo

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.

Kdenlive è disponibile già pacchettizzato nei principali repository delle seguenti distribuzioni e derivate: Debian, Fedora, Ubuntu, OpenSuse, ArchLinux, Slackware, Gentoo e FreeBSD. E' inoltre possibile compilarlo dai sorgenti in GNU/Linux, FreeBSD e PowerPC.

Installare Kdenlive da pacchetti binari[modifica]

Il sistema più semplice per installare Kdenlive nelle recenti distribuzioni GNU/Linux è tramite il gestore del software (UbuntuSoftwareCenter, YaST, Synaptic, Software Manager ecc.) oppure da terminale, ma a causa delle restrizioni sulle licenze imposte in alcune dipendenze potrebbe essere necessario abilitare precedentemente un repository di terze parti o un PPA, per questo i passaggi variano in funzione della distribuzione e verranno trattati separatamente anche in relazione alla versione del sistema operativo. Kdenlive si appoggia ad alcuni pacchetti che svolgono specifiche azioni come dvdauthor per l'authoring video (creazione DVD), xine o vlc per il player video, dvgrab per la cattura del flusso audio/video da firewire, genisoimage per la creazione di immagini iso, recordmydesktop per lo screencast, mlt per la riproduzione multimediale e l'editing video, frei0r-plugins per gli effetti video e così via. Tali dipendenze sono risolte automaticamente dal gestore dei pacchetti anche se in taluni casi vanno installate a richiesta perché non strettamente necessarie.

Debian Stable/Testing[modifica]

Aprire il terminale, incollare il seguente comando e digitare la password di root:

su

installare il pacchetto e le relative dipendenze con:

aptitude install kdenlive

Ubuntu 15.10 e precedenti[modifica]

Aggiungere il PPA:sunab ed installare il pacchetto con le relative dipendenze aprendo il terminale ad incollando il seguente comando:

sudo add-apt-repository ppa:sunab/kdenlive-release && sudo apt-get update && sudo apt-get install kdenlive

Fedora[modifica]

Aggiungere il repository RPMFusion-free incollando nel terminale il seguente comando (Fedora 22 e successive):

su -c 'dnf install http://download1.rpmfusion.org/free/fedora/rpmfusion-free-release-$(rpm -E %fedora).noarch.rpm'

Ora aggiornare il sistema ed installare il pacchetto e le relative dipendenze con:

su -c 'dnf update && dnf install kdenlive'

Per versioni fino alla 21:

su -c 'yum install --nogpgcheck http://download1.rpmfusion.org/free/fedora/rpmfusion-free-release-$(rpm -E %fedora).noarch.rpm'

Ora aggiornare il sistema ed installare il pacchetto e le relative dipendenze con:

su -c 'yum update && yum install kdenlive'

RHEL6/CentOS[modifica]

Aggiungere il repository RPMFusion-free incollando nel terminale il seguente comando

su -c 'yum localinstall --nogpgcheck http://download1.rpmfusion.org/free/el/updates/6/i386/rpmfusion-free-release-6-1.noarch.rpm'

Ora aggiornare il sistema ed installare il pacchetto e le relative dipendenze con:

su -c 'yum update && yum install kdenlive'

Linux Mint[modifica]

Aprire il terminale ed incollare il segente comando:

sudo apt-get install kdenlive

oppure tramite il Software Manager

OpenSuse 42.1[modifica]

Aprire il terminale ed incollare il seguente comando:

sudo zypper install kdenlive

Arch Linux[modifica]

Aprire il terminale ed incollare il seguente comando:

sudo pacman -S kdenlive

Il pacchetto è presente all'interno del repository Extra abilitato di default.

Mageia[modifica]

Aprire il terminale ed incollare il seguente comando:

sudo urpmi kdenlive

Oppure da Mageia Control Center>Software Management>Install & Remove Software

Knoppix 7.6[modifica]

In Knoppix 7.6 è già presente Kdenlive 15.12

Ark Linux[modifica]

Ark Linux include Kdenlive e tutto ciò che serve. Basta eseguire

apt-get install kdenlive

o selezionare kdenlive nel Mission Control -> Installa Software.

Mandriva[modifica]

È possibile installare kdenlive 0.5 (i686/MMX) in Mandriva 2007 installando i seguenti 4 pacchetti backported da cooker:

A partire da Mandriva 2008.0, kdenlive 0.5 (i586/no MMX) è disponibile direttamente attraverso la distro, e può essere installeto usando il centro di controllo. Una versione leggermente migliore, che corregge un baco delle presentazioni senza le transizioni luma, e che utilizza le istruzioni MMX, è disponibile da kdenlive-0.5.

I sorgenti RPMS sono qui:

Gentoo[modifica]

Gli utenti Gentoo possono installare kdenlive semplicemente usando portage. La versione 0.4 è disponibile in portage dall'aprile 2007, 0.5 uscirà presto.
Prima di tutto, se non si ha sincronizzato il proprio albero portage da tanto tempo, fare

emerge --sync

Poi, dato che alcune dipendenze (e kdenlive stesso) sono mascherate dalla parola chiave "testing",

nano -w /etc/portage/package.keywords

e aggiungere le righe seguenti (regolare secondo la propria architettura):

media-libs/mlt ~x86
media-libs/mlt++ ~x86
media-video/dvgrab ~x86
media-video/kdenlive ~x86

Ora si può semplicemente fare:

emerge -av kdenlive

Tutto ciò installerà la versione 0.4. Se si desidera installare la versione 0.5, prenderla da qui, direttamente dal bugzilla Gentoo.

La versione attuale SVN è altrettanto disponibile, ecco le istruzioni...

Kdenlive versione SVN[modifica]

Il 24 novembre, sempre nel bugzilla Gentoo, è stato postato un ebuild kdenlive-svn pienamente funzionante: kdenlive-9999.ebuild.

È possibile installarlo con portage facendo un overlay di terze parti nel modo seguente

mkdir /usr/local/portage/

Aggiungendo questo a /etc/make.conf

PORTDIR_OVERLAY="/usr/local/portage"

Per poi fare uno spot per kdenlive,

mkdir /usr/local/portage/media-video
mkdir /usr/local/portage/media-video/kdenlive

sacricare da bugzilla l'ultimo ebuild kdenlive-9999, salvarlo nella cartella appena create e farne il digest.

cd /usr/local/portage/media-video/kdenlive
ebuild kdenlive-9999.ebuild digest

Ora siamo pronti per fare l'emerge,

emerge -pv =media-video/kdenlive-9999

se tutto sembra a posto, emerge!

Vedere http://gentoo-wiki.com/HOWTO_Installing_3rd_Party_Ebuilds per ulteriori dettagli sugli ebuild di terze parti.

C'è anche un overlay kdenlive-svn disponibile su [1]

Questo ebuild non è ancora stato aggiornato alla nuova convenzione per i nomi di Sourceforge per cui se non funziona, modificare l'ebuild per cambiare

https://svn.sourceforge.net/svnroot/kdenlive/trunk/kdenlive

in

https://kdenlive.svn.sourceforge.net/svnroot/kdenlive/trunk/kdenlive

(se non funziona, per favore cancellate questo paragrafo)

Slackware 12.0[modifica]

I pacchetti Slackware Kdenlive e tutte le librerie necessarie sono disponibili sui repository slacky.eu [2] nelle cartelle /multimedia e /libraries.

Pardus[modifica]

Il pacchetto Pardus PiSi di Kdenlive 0.5 è pronto per l'installazione tramite la gestione pacchetti. Basta battere "kdenlive " nella barra di ricerca e fare clic sul pulsante installa o installarlo da console tramite il comando:

sudo pisi it kdenlive

Se si desidera si può compilare Kdenlive dal repository svn con i comandi seguenti:

sudo pisi build http://svn.pardus.org.tr/pardus/2008/desktop/kde/kdenlive/pspec.xml

e

sudo pisi it kdenlive*.pisi

Compilazione delle librerie[modifica]

Installazione da SVN[modifica]

  • Controllare di aver installato tutte le librerie prima di provare a compilare Kdenlive!!!
  • Installare le librerie nell'ordine elencato nella pagina.
  • La gran parte delle librerie e dei file di intestazione dovrebbero essere già impacchettati per la distribuzione GNU/Linux che si sta utilizzando.
  • Installare solo i pacchetti richiesti:
    • i file di sviluppo di QT e KDE (è richiesto KDE >= 3.4) forniti con la gran parte delle distribuzioni (normalmente chiamati qt-devel e kdelibs-devel. Per gli utenti debian, vedere debian-desktop.org per un ambiente di sviluppo KDE recente).
    • Unsermake (non necessario ma migliora la compilazione). Pacchetto fornito con molte distribuzioni.
    • SDL: fornito con molte distribuzioni. Installare il pacchetto di sviluppo: SDL-dev e SDL-image-dev.
    • Audio / video e altre librerie (si dovrebbe riuscire a trovare il pacchetto binario per tutte queste librerie per la propria distribuzione):
      • Gdk-Pixbuf (gdk-pixbuf, gdk-pixbuf-dev) (non più necessaria)
      • libsamplerate (libsamplerate, libsamplerate-dev)
      • OGG (libogg, libogg-dev)
      • Vorbis (libvorbis, libvorbis-dev)
      • libdv (libdv, libdv-dev)
      • Ladspa (ladspa-sdk)
      • libJack (libjack-dev)
      • Ladspa plugins (swh-plugins)
      • SOX (sox, sox-dev)
      • libXML2 (libxml2, libxml2-dev)
      • libmad (libmad-dev)
    • Opzionali:
      • Libquicktime (libquicktime, libquicktime-dev)
      • Theora (libtheora, libtheora-dev)
    • FFMPEG (file di sviluppo libavformat, versioni recenti + libswscale, libswscale-dev):

se non si riesce a trovare un pacchetto recente per libavformat-dev o libswcale-dev (suggerimento per Ubuntu: provare http://ubuntu.tonio.homelinux.org), scaricare la versione di sviluppo svn:

svn checkout svn://svn.mplayerhq.hu/ffmpeg/trunk ffmpeg

opzioni raccomandate per la configurazione di ffmpeg:

./configure --enable-gpl --enable-shared --enable-libvorbis --enable-libogg --enable-pp --enable-swscaler

Per Kubuntu 7.10 (Gutsy) è possibile installare tutti i pacchetti necessari per il building SVN eseguendo sulla riga di comando:

## NOTA questo potrebbe installare il desktop KDE su Ubuntu! Un bel po' di software!
sudo apt-get install libsmpeg-dev libsdl-image1.2-dev unsermake kde-devel qt3-dev-tools
libquicktime-dev libswscale-dev gdk-pixbuf-dev libsamplerate-dev libogg-dev libvorbis-dev
libdv4-dev ladspa-sdk libjack-dev swh-plugins sox-dev libxml2-dev libmad0-dev libswscale-dev
libavformat-dev libx264-dev liba52-0.7.4-dev liblame-dev libcgicc1-dev liblame-dev libfaad2-dev
libfaac-dev libxvidcore4-dev liba52-0.7.4 liba52-0.7.4-dev libx264-dev checkinstall
build-essential subversion python2.4 liblame-dev libfaad2-dev libfaac-dev libxvidcore4-dev
liba52-0.7.4 liba52-0.7.4-dev libx264-dev checkinstall build-essential subversion cmake

La versione stabile mlt 0.2.4 è necessaria per Kdenlive 0.5.
È possibile installare mlt 0.2.4 o fare un checkout MLT da SVN:

svn co https://mlt.svn.sourceforge.net/svnroot/mlt/trunk/mlt mlt

Opzioni di configurazione raccomandate per MLT:

./configure --prefix=/usr --enable-gpl --disable-mmx --avformat-swscale --enable-motion-est

Tutte le altre opzioni di configurazione di MLT sono abilitate in maniera predefinita.

Si potrebbe aver bisogno di --avformat-ldextra se ffmpeg/libavcodec è stato creato con alcune librerie esterne come libmp3lame o libvorbis. Il mio ld.so non lo richiede, sembra che alcuni sistemi/ambienti invece lo vogliano.

NOTE 1: assicurarsi che il risultato di configure non dia errori per moduli/avformat, dato che ciò significherebbe che FFMpeg non è stato installato correttamente. Assicurarsi che i pacchetti swh-plugin e ladspa-sdk siano installati, questi pacchetti forniscono effetti sonori. MLT ha molte dipendenze, ma si otterrà un avvertimento in merito al momento dell'esecuzione del comando ./configure.

NOTE 2: se si sta usando (K)Ubuntu e il comando ./configure... si blocca con errori del tipo:

./configure: 37: function: not found
./configure: 93: function: not found
./configure: 174: build_config: not found
...
./configure: 191: build_pkgconfig: not found

Modificare il file ./configure e sostituire la prima riga "#!/bin/sh" con "#!/bin/bash" e rieseguire, o semplicemente pattere: bash ./configure ..... Questo problema è dovuto dal fatto che (K)Ubuntu Edgy ha la dash shell come predefinita invece della bash. Dash è attualmente data per meno compatibile con gli scripting.

svn co https://mlt.svn.sourceforge.net/svnroot/mlt/trunk/mlt++ mlt++

Debian Unstable[modifica]

I pacchetti binari Debian sono forniti da Christian Marillat. I pacchetti includono l'ultima versione di sviluppo di ffmpeg e quindi sono spesso molto aggiornati. Per esempio, mlt include il module kdenlive e avformat-swscale.

Aggiungere le righe seguenti al vostro file /etc/apt/sources.list:

# Experimental
deb http://www.debian-multimedia.org experimental main
deb-src http://www.debian-multimedia.org experimental main
# Unstable
deb http://www.debian-multimedia.org sid main
deb-src http://www.debian-multimedia.org sid main
# Testing
deb http://www.debian-multimedia.org testing main
deb-src http://www.debian-multimedia.org testing main

Se non l'avete ancora fatto, importate la chiave di Marillat:

gpg --keyserver pgp.mit.edu --recv-keys 1F41B907
gpg --armor --export 1F41B907 > key.asc
sudo apt-key add key.asc

Poi fare semplicemente

sudo apt-get build-dep kdenlive

Per la compilazione di Kdenlive 0.5 svn da sorgenti, servirà anche:

sudo apt-get install mlt libmlt0.2.3 libmlt-dev libmlt++0.2.3 libmlt++-dev

Compilazione di kdenlive[modifica]

Checkout Kdenlive da SVN:

svn co https://kdenlive.svn.sourceforge.net/svnroot/kdenlive/trunk/kdenlive kdenlive

NOTA: una volta scaricato il pacchetto svn completo, è possibile aggiornare la propria copia del sorgente svn locale scaricando solo le parti aggiornate.

Se si è già scaricato l'archivio svn in ~/kdenlive in precedenza basta fare semplicemente

cd ~/kdenlive 

e poi battere:

svn update.

per ottenere l'archivio aggiornato solo delle parti variate nel frattempo

Configurare Kdenlive, compilare e installare:

cd kdenlive ; \
cmake . ;\
make ; \
sudo make install

Attenzione al punto (.) dopo il comando cmake. È importante!

Ora siete pronti per usare Kdenlive. Buon divertimento!

Compilazione di kdenlive, ffmpeg e mlt assieme - il modo facile[modifica]

La cosa migliore per i tester è di scaricare una versione SVN aggiornata delle librerie ffmpeg e mtl quando si aggiorna kdenlive. Dato che non è un'impresa troppo facile, ho creato un semplice script bash per fare tutto il lavoro ripetitivo e un po' problematico.

Scaricare la versione aggiornata dello script builder dal forum.

o meglio da

Scaricatelo, salvatelo nella propria directory root dei sorgenti (nel mio caso /home/espinosa/src), rinominatelo kdenlive_builder (preferibilmente), marcatelo come eseguibile, in console cambiare la directory nella root dei sorgenti e usarlo in questo modo:

./kdenlive_builder.sh getsources - chiama svn per ottenere i sorgenti da tutti i sottoprogetti per la prima volta
./kdenlive_builder.sh updatesources - chiama svn per aggiornare i sorgenti per tutti i sottoprogetti
./kdenlive_builder.sh clean      - chiama make clean per tutti i sottoprogetti
./kdenlive_builder.sh build      - chiama configure e make e make install per tutti i sottoprogetti
./kdenlive_builder.sh info       - stampa i numeri di revisione e le date per ogni componente

Poi eseguire kdeinlive dalla directory di destinazione scelta. Il percorso <vostra home>/build/kdenlive/bin è (normalmente) predefinito; questo può essere cambiato semplicemente modificando lo script kdenlive_builder (modificare la riga "export DEST_DIR=..." prima di eseguire lo script). La via preferibile è di usare la console, fare cd in ~/build/kdenlive/bin, impostare il PATH per includere la directory corrente

export PATH=.:$PATH

per poi eseguire il binario

kdenlive

.

Questo script è utile in special modo per i tester dato che supporta più versioni installare in qualsiasi directory (home, opt, o local) includendo più versioni ffmpeg e mtl. Inoltro questo è il modo per ottenere il giusto insieme di librerie principali aggiornate, per evitare problemi inerenti le versioni vecchie o errate della distribuzione di mlt e di ffmpeg.

Se si verificano problemi con lo script, prima di tutto controllare il forum.

NOTA: lo script non fornisce nessun controllo sulle librerie o sui file di intestazione richiesti da kdenlive, ffmpeg e mlt, come SDL, liblame, libx264 ecc.
Leggere attentamente la sezione dei prerequisiti per accertarsi di avere ogni pacchetto necessario (tutti i pacchetti -dev) installato.