Blender CAM/Per chi ha fretta…

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Per chi ha fretta…[modifica]

Vediamo il minor numero di operazioni possibile per generare un percorso in Blender CAM. Dopo aver importato e posizionato l’oggetto nella scena seguendo i passi riportati nel paragrafo Prima apertura, andiamo a creare un nuovo progetto premendo il tasto + nella scheda CAM operations della Properties window.

Bc006.png


apparirà un nome di default Operation_1 e nella scena di Blender verrà visualizzato lo spazio lavoro di una macchina virtuale: il pezzo deve essere al di sotto dello zero nell'asse Z pena la mancata generazione del percorso. E' invece possibile far calcolare il percorso di un pezzo che si trovi all'infuori dell'area virtuale della macchina negli assi X ed Y; sarà cura dell'utente riposizionare lo zero assoluto per evitare percorsi che portino in fine corsa gli assi macchina.

Per posizionare invece automaticamente il pezzo portiamoci nella scheda CAM Material size and position e premiamo Position object, l’operazione allineerà l’oggetto nel margine inferiore sinistro dello spazio virtuale macchina in corrispondenza dell’origine degli assi. Possiamo intervenire sullo slider radius around model per aumentare la dimensione del blocco di lavoro.

Bc007.png

Le misure del blocco generato dalla scheda CAM Material size and position determinerà l'area di lavoro dell'utensile in funzione della strategia usata.


Nella scheda CAM Machine settiamo il postprocessor (esempio EMC-LinuxCNC).

Ora non resta che scegliere una delle tante strategie preimpostate (nell’esempio scelgo Rou Ball 3.0 Block All dalla scheda CAM Operations) e clicchiamo Calculate path.

Bc008.png


Andiamo ora ad esportare il percorso premendo il tasto Export gcode (se la checkbox Auto export è abilitata non serve, il file era già stato scritto nel disco con Calculate path). Troveremo il file generato nella propria home directory (GNU/Linux) o nella directory di lavoro di Blender CAM (Windows). Possiamo ispezionare il file gcode con un semplice editor di testo

Bc009.png


oppure farlo simulare a CAMotics

Bc010.png


Se la simulazione ci convince possiamo inviarlo alla nostra CNC.