Le strutture basilari del pensiero ebraico/Appendice I

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Maimonides.jpeg
Ingrandisci
Mōsheh ben Maymōn (ebr. משה בן מימוּן – ar. أبو عمران موسى بن ميمون بن عبيد الله القرطبي, Mūsā ibn Maymūn ibn ʿAbd Allāh al-Qurṭubī al-Isrāʾīlī – gr. Μωησής Μαϊμονίδης Mōēsēs Maimonidēs), incisione medievale

Ulteriori notizie sulla vita di Maimonide nella Spagna andalusa[modifica]

La Spagna era la patria di grandi e prolifici studiosi. I rabbini in Spagna erano cittadini del mondo. Tra questi c'erano Samuel HaNagid (993-1056), Solomon Ibn Gabirol (1021-1058), Yehuda Ha-Levi (1075-1141) e Abraham Ibn Ezra (1089-1164). Studiosi spagnoli come Hasday Ibn Shaprut e Samuel HaNagid, erano eccellenti linguisti e servivano i califfi in ruoli diplomatici, di consulenza e di studio (Kraemer, 2018, pp. 45-48).

Pertinente all'educazione di Maimonide fu la presenza del grande rabbino Isaac Alfasi (1013-1103) che arrivò in Spagna dal Marocco in tarda età e divenne il capo della yeshivah a Lucena. Il suo Sefer ha-Halachot, che era una prima codificazione della Legge derivata dal Talmud babilonese, divenne in seguito un punto fermo del programma di studi nelle yeshivot spagnole in contrasto con quelle di Babilonia dove studiavano il Talmud quasi esclusivamente (Kraemer, 2008, p. 57). Ad Alfasi successe il suo studente Yoseph Ibn Migash (1077-1141) come capo della yeshivah e fu insegnante del padre di Maimonide. Anche Maimonide lo considerava il suo insegnante e scrisse brillantemente su di lui: "Poiché la mente di quell'uomo sul Talmud stupisce, lo sa Dio, chiunque mediti le sue parole e la profondità del suo apprendimento, in modo che di lui si può effettivamente dire, Prima di lui non ci fu alcun re (2 Re 23:25) a modo suo (Maimonides, 1995, Introduction). Ovunque nei suoi scritti si riferisca a "i miei insegnanti", il Rambam si riferisce ad Alfasi e Ibn Migash. Scrive inoltre nella sua introduzione al Commentario alla Mishnah che non fu d'accordo con Alfasi non più di dieci volte.