Noli me tangere/Gesù è proprio risorto dai morti?

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
"La Risurrezione" di James Tissot (1894)


Presunto Volto di Gesù, dalla Sindone di Torino (1909)

Lo scopo di questo lavoro era di determinare se Gesù fosse risuscitato o meno dai morti storicamente. Vediamo un po' se ci siamo riusciti... Il luogo più naturale per iniziare l'indagine storica sulla risurrezione di Gesù è innanzitutto esaminare i criteri storici usati per giustificare gli eventi storici. Questi criteri non possono screditare un resoconto, ma solo incrementarne l'autenticità.

Prime testimonianze incrementano la storicità di un evento e sono molto apprezzate dagli storici perché forniscono resoconti il più vicino possibile all'evento e in genere contengono uno sviluppo meno leggendario. La testimonianza oculare è un altro tipo di prova che gli storici desiderano perché fornisce un resoconto diretto di un evento. Gli storici vogliono anche avere fonti multiple e indipendenti che descrivono un evento o una persona. Un'attestazione ostile può essere utilizzata per autenticare un'affermazione perché una dichiarazione positiva di un antagonista è contro i suoi interessi. Una testimonianza imbarazzante è descritta come il tipo di testimonianza che ritrae l'autore, o la posizione dell'autore, in una luce negativa. Gli autori non registrerebbero tali eventi se non fossero veri. Infine, il consenso tra gli storici è importante perché si basa su dati storici concordati da una vasta gamma di storici di estrazioni diverse.

Dopo una discussione su quale tipo di testimonianza gli storici desiderino dalle fonti, l'attenzione della nostra ricerca si è spostata sul metodo di C. B. McCullagh per selezionare la migliore spiegazione di dati fatti.[1] Le ipotesi che hanno una forte portata esplicativa, potere e plausibilità, non sono inventate, sono disconfermate da meno credenze accettate e superano tutte le altre ipotesi in queste categorie — sono quelle che forniscono la migliore spiegazione di un evento storico. Questo metodo viene fornito per aiutare a fornire obiettività allo storico durante la visualizzazione dei dati e la rispettiva conclusione.

Infine, il terzo punto di controllo di cui abbiamo discusso era l'approccio basato sui fatti minimi utilizzato nella nostra indagine. Questo approccio cerca solo dati altamente evidenziati e accettati dalla stragrande maggioranza degli studiosi critici. La teoria alla base di questo metodo è che se studiosi critici di diversa provenienza possono concordare i dati, allora ci devono essere buoni motivi per credere ai dati. Pertanto, anche i dati sono altamente evidenziati e questo è ciò che porta gli studiosi di varie provenienze ad accettare i dati.

Dodici fatti storici[modifica]

Nel secondo capitolo, sono stati presentati dodici fatti storici relativi alla risurrezione, nonché alcuni motivi che gli studiosi hanno per crederli. La maggior parte degli studiosi concorda sul fatto che Gesù morì per crocifissione e una delle ragioni più forti di ciò è la critica di Strauss alla teoria del deliquio.[2] La sepoltura di Gesù fu un altro fatto su cui gli studiosi critici concordano perché è anche altamente evidenziato. Allo stesso modo, gli studiosi accettano che dopo la morte di Gesù i suoi discepoli iniziarono a perdere la speranza e provare disperazione. La tomba fu trovata vuota poco dopo la morte di Gesù.[3] Tre forti ragioni per cui gli studiosi ritengono che la tomba fosse vuota sono: i resoconti delle donne sulla tomba, il fattore di Gerusalemme e l'attestazione ostile della tomba vuota.

Dopo la discussione sulla tomba vuota, abbiamo quindi valutato le prove che hanno portato gli studiosi a credere che i discepoli avessero esperienze reali che credevano fossero apparizioni letterali di Gesù risorto. Provengono da diversi resoconti indipendenti: quello di Paolo è il più degno di nota. Dopo queste esperienze, i discepoli furono trasformati dal paurosi nascosti e negatori ad audaci proclamatori di Gesù e della risurrezione.

I discepoli furono trasformati a tal punto da essere disposti a soffrire e morire per la loro fede. I resoconti sul martirio di Giacomo (fratello di Gesù), Paolo e Pietro sono tutti registrati prima della fine del primo secolo. I successivi due fatti presentati furono la conversione dello scettico Giacomo e del persecutore della chiesa Paolo. La conversione di questi due è stata molto importante nelle discussioni sulla resurrezione perché crea difficoltà significative per molte teorie naturalistiche. Gli ultimi quattro fatti sono che la risurrezione diventa centrale nella predicazione cristiana, è predicata in particolare a Gerusalemme, la chiesa cristiana viene fondata e cresce, e la domenica diventa il principale giorno di culto.

Abbiamo quindi preso questi fatti e applicato i criteri di McCullagh per giustificare eventi storici. La risurrezione di Gesù spiega più che adeguatamente tutti i fatti noti in termini esplicativi, di plausibilità e forza probatoria. Inoltre, la risurrezione delucida i fatti senza essere inventata o ad hoc. Tuttavia, quando le teorie naturalistiche vengono applicate ai fatti storici noti, si dimostrano molto problematiche. Mentre spesso possono chiarificare alcuni dei dati, raramente sono in grado di tenere conto di tutti i fatti. Pertanto, è necessario aggiungere più ipotesi, ma rendendo così il resoconto complessivo più elaborato. La resurrezione di Gesù supera in definitiva qualsiasi ipotesi naturalistica ed è la migliore spiegazione dei dati.

Resoconti dei primi testimoni[modifica]

Abbiamo quindi dato uno sguardo più approfondito agli scritti del più famoso convertito cristiano, Paolo. Una cronologia è stata presentata usando gli scritti di Paolo per aiutarci a scoprire chi stava predicando la risurrezione di Gesù e quando. La cronologia ha avuto origine con la morte di Gesù, collocata al 30 d.C. con polemiche minime.[4] Stabilita la morte di Gesù, abbiamo quindi esaminato due testi principali che sono considerati indiscutibilmente scritti da Paolo.

Uno dei testi esaminati proveniva da 1 Cor. 15:3 e segg. Paolo, che è un testimone oculare, fornisce ai Corinzi un credo che si riferisce alla morte, alla sepoltura di Gesù, alla sua risurrezione tre giorni dopo e alle sue apparizioni. Questo ci ha fornito uno dei primi documenti che contengono un riferimento alla risurrezione di Gesù. La maggior parte degli studiosi data 1 Cor. 15 tra il 54 e il 56 d.C.

Uno degli aspetti del credo di 1 Cor. 15 è che Paolo ricorda ai Corinzi una tradizione che ha ricevuto egli stesso e che aveva loro trasmesso.[5] Paolo usa termini tecnici per ricordare ai Corinzi un credo che aveva già dato loro. Avevano ricevuto questa tradizione prima dell'effettiva scrittura di 1 Corinzi. Molti studiosi hanno posto il primo viaggio di Paolo a Corinto nel 49 o 50 d.C. Pertanto, è ragionevole datare questo credo almeno circa una ventina di anni dopo la morte di Gesù.

Tuttavia, se Paolo lo consegnò ai Corinzi e dice che lo aveva ricevuto prima di trasmetterlo, allora da chi e dove Paolo ricevette il credo? È qui che ci siamo rivolti al nostro secondo testo, che è Galati 1 e 2. In questi testi, Paolo scrisse che subito dopo la sua esperienza con Gesù risorto non andò direttamente a Gerusalemme per vedere i discepoli, ma viaggiò in Arabia e tornò a Damasco.[6] Tuttavia, Paolo ci informa che tre anni dopo la sua conversione si recò a Gerusalemme per discutere con Pietro e con gli altri discepoli. Paolo finì per stare con Pietro per quindici giorni e non vide altri discepoli tranne Giacomo, il fratello di Gesù. Molti pensano che durante questo viaggio Paolo abbia ricevuto il contenuto della tradizione che ha poi consegnato ai Corinzi.

Se un'esperienza con Gesù e un viaggio tre anni dopo a Gerusalemme non fossse abbastanza, Paolo fece un altro viaggio a Gerusalemme quattordici anni dopo con Tito e Barnaba insieme lui.[7] Questa volta Paolo fu anche in grado di parlare con Giovanni e con Pietro e Giacomo. Paolo, sempre nel tentativo di assicurarsi che non stesse viaggiando invano, presentò il Vangelo che aveva predicato. Riferisce che gli altri apostoli, che considerava "pilastri", non aggiunsero nulla al suo Vangelo.

Alla fine, quindi, ciò che abbiamo osservato è che tre anni dopo la sua conversione, Paolo aveva fatto un viaggio a Gerusalemme in cui molto probabilmente discusse della risurrezione di Gesù; dopo tutto, Paolo si riferisce a questo come "prima importanza" in 1 Cor. 15:3. La maggior parte degli studiosi, sia conservatori che scettici, hanno datata la conversione di Paolo tra i due e i tre anni dopo la morte di Gesù.[8] Ciò significava che Paolo aveva ricevuto queste informazioni circa cinque anni dopo gli eventi. Tuttavia, se Paolo avesse ricevuto la tradizione, allora coloro che gliela avevano trasmessa avrebbero dovuto averla prima di consegnarla a Paolo. Pertanto, Pietro e Giacomo l'vrebbero avuta prima del loro incontro con Paolo a Gerusalemme, tre anni dopo la conversione di quest'ultimo.

Ciò ha convinto diversi studiosi di un ampio spettro teologico a concludere che il contenuto della tradizione è pervenuto entro circa tre anni o meno dopo l'evento. James D.G. Dunn ha sostenuto che potrebbe anche essere stato entro pochi mesi dalla crocifissione.[9] Questo è assolutamente sorprendente se consideriamo il fatto che potremmo avere resoconti sulla risurrezione di Gesù ragionevolmente entro pochi mesi o anni, in confronto ai documenti che registrano la biografia di Alessandro Magno e che sono registrati quasi 400 anni dopo da Plutarco.

Storiografia moderna[modifica]

L'ultimo capitolo della nostra indagine si è concentrato su alcune potenziali obiezioni metodologiche che potrebbero essere sollevate dallo storico. Bart Ehrman presenta alcune interessanti considerazioni storiche riguardanti i miracoli e il soprannaturale. Uno dei problemi di Ehrman è che i miracoli sono per definizione l'evento meno probabile, ma lo storico può solo registrare l'evento più probabile. Ciò porta quindi Ehrman alla conclusione che anche se nella storia si verificasse un miracolo, lo storico non avrebbe modo di dimostrare che ciò fosse realmente accaduto.[10] Ehrman sostiene anche che lo storico non ha accesso al divino. Gli storici hanno solo gli strumenti per registrare eventi osservabili. Pertanto, lo storico non è in grado di commentare l'azione di Dio nel mondo, che si tratti di miracoli o di Gesù che risorge dai morti.[11]

Tuttavia, abbiamo osservato che la storiografia di Ehrman era problematica per alcune ragioni. Il suo approccio ai miracoli aveva quattro problemi separati. Innanzitutto, ignora l'elemento soprannaturale implicito nel miracolo, creando una definizione eccessivamente semplicistica per miracolo. Secondo, ha definito il miracolo in modo tale da richiedere un rifiuto a priori della possibilità di sapere che si sia verificato un miracolo. Terzo, ha definito i miracoli in modo da enfatizzare la loro probabilità in base alla quantità di prove e non al peso o alla qualità delle prove. Infine, quando viene data l'opzione tra la risurrezione e altre ipotesi naturali, la risurrezione è il miracolo minore e le teorie naturalistiche possono diventare il "miracolo maggiore".[12]

Ehrman ha inoltre problemi metodologici quando sostiene che la resurrezione non poteva essere provata dallo storico perché Dio che risuscita Gesù dai morti è qualcosa che lo storico non può confermare. Primo, sarebbe un errore genetico rifiutare la risurrezione in base alla sua causa poiché gli storici sono tanto soggetti a regole e principi logici quanto coloro che provengono da altre discipline. In secondo luogo, gli storici possono sempre segnalare eventi anche se non sono in grado di spiegarne la causa. Pertanto, possono sempre sostenere che Gesù fosse risorto dai morti. Terzo, Ehrman contraddice la sua stessa metodologia assumendo che Dio sia la causa della risurrezione di Gesù, perché afferma che gli storici non hanno accesso al divino. Tuttavia, sta affermando che il divino è ciò che in realtà ha fatto risorgere Gesù.

Tuttavia, Ehrman è diretto nella giusta direzione quando sostiene che gli storici di ogni fascia dovrebbero essere in grado di concordare i dati storici. Questo è uno dei criteri per l'approccio ai "fatti minimi". Se Ehrman è d'accordo con i dati concordati dagli storici di ogni settore, ma non è d'accordo con la risurrezione come "migliore spiegazione" a causa della sua metodologia, è importante valutare criticamente tale sua metodologia.

Abbiamo visto che la metodologia di Ehrman non solo è problematica, ma ulteriori prove possono essere date per la risurrezione di Gesù grazie alle esperienze pre-morte (NDE). Le NDE altamente evidenziate che possono essere oggettivamente verificate e confermate sono alquanto favorevoli a presupporre un altro reame di vita. Le prove per le NDE sono così forti che il famoso ex-ateo Antony Flew ammise che questo tipo di prove indebolivano significativamente e probabilmente sconfiggevano i suoi argomenti contro l'aldilà.[13]

« ...il maggior corpo al ciel ch'è pura luce:
luce intellettüal, piena d'amore;
amor di vero ben, pien di letizia;
letizia che trascende ogne dolzore.
Qui vederai l'una e l'altra milizia
di paradiso, e l'una in quelli aspetti
che tu vedrai a l'ultima giustizia. »
(Paradiso XXX, 38-45)

Conclusione[modifica]

Quando seguiamo i criteri storici per stabilire eventi storici autentici ed i criteri per determinare la migliore spiegazione, come descritto da McCullagh, la risurrezione di Gesù supera di gran lunga tutte le teorie concorrenti. Quando osserviamo i dodici fatti storici, le prime testimonianze oculari e le prove della NDE, la resurrezione di Gesù si presenta come un vero evento storico. Se gli storici seguono i criteri e le prove storiche, allora possono arrivare alla conclusione che Gesù sia effettivamente risorto dai morti storicamente, indipendentemente dalle opinioni teologiche. Gli storici di ogni rpovenienza dovrebbero essere più che disposti ad asserire che Gesù risuscitò dai morti. Sembra che una delle ragioni per non credere alla storicità della risurrezione di Gesù sia quella di avere una precedente convinzione a non credere nella sua causa o di adottare un approccio storico che proibisca a priori di prendere in considerazione la resurrezione.

Se la storiografia abbandona per un momento il concetto dogmatico e ristretto di realtà in base al quale "i morti non sorgono", allora in linea di principio si può parlare della risurrezione di Gesù come la spiegazione migliore di eventi quali le esperienze delle apparizioni da parte dei discepoli e la scoperta della tomba vuota.[14]

Autoritratto con ישוע

Per riassumere...

Il capitolo d'apertura degli Atti degli Apostoli ci porta sul Monte degli Ulivi, dove gli apostoli di Gesù si congedano dal loro Maestro. Credono, senza capirlo, che Gesù non sia più nella tomba e stia ascendendo al Padre in cielo. Poco importa se questo spettacolo spirituale abbia avuto luogo il terzo giorno dopo la crocifissione o quaranta giorni dopo. Ciò che importa è che in breve tempo il piccolo gruppo impaurito dei seguaci originali di Gesù, ancora nascosti e timorosi del pubblico, all'improvviso subiscono una potente esperienza mistica a Gerusalemme durante la Pentecoste. Colmi del promesso Spirito Santo, questi pusillanimi si trasformano in estatici guerrieri spirituali. Proclamano apertamente il messaggio del Vangelo e la potenza carismatica, impartita loro da Gesù durante il suo ministero, che li ha messi in grado di predicare, guarire ed espellere demoni, irrompe ancora dinamica e si manifesta in parole ed opere. I fuggiaschi terrorizzati ora declamano apertamente, senza alcun timore, la propria fede in presenza delle autorità e guariscono gli infermi in pubblico, all'entrata del Tempio stesso. La realtà del carisma dischiude gli occhi degli apostoli al mistero della risurrezione. La forza spirituale sanatrice della fede stava alla base dell'insegnamento, dell'abilità sanatrice ed esorcizzante di Gesù in vita. Secondo gli evangelisti, egli spesso diceva agli infermi che erano stati sanati: "La tua fede ti ha guarito". In vita, Gesù è riuscito a trasferire la sua potenza spirituale ai discepoli cosicché possono ora esclamare con gioioso stupore: "Signore, anche i demoni si sottomettono a noi nel tuo nome" (Luca 10,17).

Secondo il Nuovo Testamento, l'atto principale del Cristo risorto nella gloria celeste è stato quello di inviare lo Spirito Santo. "Questo Gesù Dio l'ha risuscitato" annuncia Pietro alla folla in Gerusalemme. "Innalzato pertanto alla destra di Dio e dopo aver ricevuto dal Padre lo Spirito Santo che egli aveva promesso, lo ha effuso" sui suoi discepoli (Atti 2,32). L'impatto e la guida dello Spirito permette agli apostoli e discepoli di agire quali testimoni di Gesù. E questo fanno mediante atti carismatici: "Nel mio nome" – si dice Cristo abbia dichiarato – "scacceranno i demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno" (Marco 16,18).

Presentata la scena, esaminiamo ora da un punto di vista esistenziale, storico e psicologico i seguaci galilei originali di Gesù durante il breve periodo che segue la prima domenica di Pasqua. La storia della tomba vuota e le apparizioni del Signore dato per scomparso illumina momentaneamente la loro cupa disperazione con un raggio di speranza. Tuttavia rimangono dubbi... Ma influenzati dallo Spirito si sentono rianimare e riacquisire fiducia, spinti a riprendere la propia missione apostolica: si sentono sempre più sicuri di non essere soli, che Gesù è con loro. Pertanto, quando ricominciano a predicare il Vangelo "con autorità", come faceva in Galilea il loro maestro dei miracoli; quando capiscono che nel nome di Gesù il suo carisma funziona ancora, i loro dubbi svaniscono nella certezza interiore che il Signore crocifisso sta nuovamente con loro, come in passato.[15] La mano d'aiuto che dà loro la forza di continuare l'opera è prova che Gesù è risorto dai morti.

La convinzione della presenza spirituale del Gesù vivente fornisce l'evidenza della rinascita del movimento di Gesù dopo la crocifissione. Tuttavia, è stata l'abilità dottrinale ed organizzativa di Paolo di Tarso che ha permesso al cristianesimo nascente di crescere in una religione mondiale attuabile e potente, centrata sulla resurrezione.

La resurrezione nel cuore delle persone può suscitare una nota di empatia anche tra scettici e cinici moderni. Che si aderisca o meno ad un credo formale, molti uomini e molte donne del ventunesimo secolo riescono a commuoversi e ispirarsi alla presenza affascinante del Gesù reale, vivo nella loro mente per insegnamento ed esempio.[16]

אָמֵן

Note[modifica]

  1. C. Behan McCullagh, Justifying Historical Descriptions, 19.
  2. David Strauss, A New Life of Jesus, 1:408-12.
  3. Anche se non riconosciuto allo stesso livello delle altre informazioni fin qui citate, la maggior parte degli studiosi – circa il settantacinque per cento – sembrano sostenere che la tomba in cui fu sepolto Gesù fu trovata vuota pochi giorni dopo.
  4. La scelta della data del 30 d.C. o quella del 33 d.C. non influisce sull'argomento.
  5. Richard Bauckham, Jesus and the Eyewitnesses, 264-265.
  6. Sembra molto chiaro che per Paolo Gesù avesse per lui più che sufficiente autorità.
  7. Galati 2:1.
  8. James D.G. Dunn, Jesus Remembered, 143; William Lane Craig, "Contemporary Scholarship and the Historical Evidence for the Resurrection of Jesus Christ", 89-95; Gary Habermas e Mike Licona, The Case for the Resurrection, 260 nota 25.
  9. James D.G. Dunn, Jesus Remembered, 855.
  10. Bart Ehrman, The New Testament, 225-226.
  11. Ibid., Cap. 14.
  12. David Hume, "Of Miracles", In Defense of Miracles: A Comprehensive Case for God’s Action in History, 33.
  13. Gary Habermas e Mike Licona, The Case for the Resurrection, 147, 317 nota 34. Flew è deceduto l'8 aprile 2010: mi auguro che i suoi argomenti siano stati definitivamente sconfitti, permettendogli così di accedere ad un "possibile, e fors'anche probabile" Empireo.
  14. Wolfhart Pannenberg, Jesus God and Man, Westminster Press, 1977, 109.
  15. Da notare che anche la letteratura rabbinica riporta che uno dei primi ebrei-cristiani, Jacob di Kfar Sama, offriva di guarire gli infermi "nel nome di Gesù" (Tosefta Ḥullin 2:20-22).
  16. Per questa sezione si veda spec. Géza Vermes, Jesus. The Resurrection, Epilogo, Penguin Books, 2008.