Rumeno

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Flag of Romania.svg

Le basi

Lezioni

Il rumeno è una lingua romanza parlata principalmente in Romania e Moldavia, come pure in alcune parti dell'Ungheria, Serbia e Montenegro, Bulgaria e Ucraina. Fa parte del gruppo romanzo della famiglia di lingue indoeuropee. È più facile da imparare se si conosce già una lingua legata come spagnolo, catalano, francese, portoghese o italiano.

Le più strettamente legate sono le altre lingue romanze, l'italiano di più, ma delle conoscenze di spagnolo, francese o portoghese potrebbero essere molto utili, specialmente per le somiglianze lessicali e della struttura grammaticale. Un po' di conoscenza di grammatica latina potrebbe essere anch'essa utile.

Anche le più distanti lingue indoeuropee hanno molte similitudini grammaticali e molte parole in comune, poiché molte lingue, come l'inglese, hanno preso in prestito molte parole dal latino.

È utile conoscere la lingua se si viaggia in Romania, specialmente nelle aree rurali. Molte persone che conoscono l'inglese e/o il rumeno, capiranno alcune delle relative, specialmente spagnolo, francese o italiano.

Notare che in rumeno, ci sono forme formali e informali per interagire con le persone. Quelle informali sono tu e voi, corrispondenti agli identici pronomi in italiano. Si usa tu quando si interagisce con amici o persone che si conoscono bene. Quando si interagisce con sconosciuti, si usa Dumneavoastră o . Dumneavoastră è usato per pronomi sottolineati, che sono opzionali, vă è usato per pronomi non sottolineati, che sono obbligatori per oggetti diretti e indiretti. Per esempio, vă multumesc significa "Grazie" (caso accusativo, oggetto diretto), e vă dau un telefon significa "Ti telefono" (caso dativo, oggetto indiretto). La forma formale di comunicazione richiede la forma della seconda persona singolare di tutti i tempi verbali, anche quando si interagisce con una sola persona (questo è simile alla costruzione francese e, per estensione, tedesca). Usare la forma singolare può essere considerato rude o anche insulto.


Altre risorse sui progetti della Wikimedia Foundation: