Scrivere in modo sostenibile usando il testo semplice con Pandoc e Markdown/Principi

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Indice del libro

Ispirati dalle migliori pratiche in una varietà di discipline, siamo stati guidati dai seguenti principi:

  1. Sostenibilità. Il testo semplice garantisce la trasparenza e risponde agli standard di conservazione a lungo termine. MS Word potrebbe in futuro fare la fine di Word Perfect, ma il testo semplice rimarrà sempre facile da leggere, catalogare, estrarre e trasformare. Inoltre, il testo semplice consente il controllo delle versioni del documento, utile per la collaborazione e nell’organizzazione delle bozze. I tuoi file di testo in chiaro saranno accessibili su telefoni cellulari, tablet o, forse, su un terminale di bassa potenza in alcune biblioteche remote. Il testo semplice è retrocompatibile e a prova di futuro. Qualunque sia, il software o l’hardware successivo sarà in grado di capire i tuoi file di testo.
  2. Preferenza per i formati leggibili dall’uomo. Quando scrivi in Word o Google Documenti, ciò che vedi non è ciò che ottieni. Il file .doc contiene caratteri di formattazione nascosti generati automaticamente, creando un livello di composizione offuscato che rende difficile alll’utente la risoluzione di eventuali problemi. Qualcosa di semplice come incollare un’immagine o un testo dal browser può avere effetti imprevedibili sulla formattazione del documento.
  3. Separazione di forma e contenuto. Scrivere e formattare allo stesso tempo è fonte di distrazione. L’idea è di scrivere prima e formattare in seguito, il più vicino possibile al momento della pubblicazione. Un compito come il passaggio dal formato Chicago a quello MLA dovrebbe essere indolore. I redattori di riviste che desiderano risparmiare tempo su formattazione e copia inutili dovrebbero essere in grado di fornire agli autori un modello di formattazione che si occupi della minuzie della composizione.
  4. Supporto per l’apparato accademico. Il flusso di lavoro deve gestire con eleganza note a piè di pagina, immagini, caratteri internazionali e bibliografie.
  5. Indipendenza dalla piattaforma A mano a mano che i vettori di pubblicazione si moltiplicano, dobbiamo essere in grado di generare una molteplicità di formati tra cui proiezione di diapositive, stampa, web e mobile. Idealmente, vorremmo essere in grado di generare i formati più comuni senza rompere i riferimenti bibliografici. Anche il nostro flusso di lavoro deve essere portatile: sarebbe bello poter copiare una cartella su una chiavetta e sapere che contiene tutto il necessario per la pubblicazione. Scrivere in testo semplice significa che puoi condividere, modificare e archiviare facilmente i tuoi documenti praticamente in qualsiasi ambiente. Ad esempio, un programma scritto in Markdown può essere salvato come PDF, stampato come volantino e convertito in HTML per il web, tutto dallo stesso file. Entrambi i documenti web e di stampa devono essere pubblicati dalla stessa fonte e avere un aspetto simile, preservando il layout logico del materiale.

Markdown e LaTeX rispondono a tutti questi requisiti. Abbiamo scelto Markdown (e non LaTeX) perché offre la sintassi più leggera e disordinata (quindi, mark down) e perché se abbinato a Pandoc consente la massima flessibilità di output (inclusi i file .docx e .tex).[1]

Note[modifica]

  1. Non ci sono buone soluzioni per arrivare direttamente a MS Word da LaTeX