Spagnolo/Grammatica/Passato prossimo

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Método A: Libro de texto
Método B: Gramática esencial y avanzada

Il passato prossimo (pretérito perfecto) in spagnolo ha la stessa struttura di quello italiano, ossia ausiliare + verbo al participio passato. Un'importante differenza dall'italiano è che, mentre in italiano si usa l'ausiliare essere per i verbi intransitivi, in spagnolo invece si usa sempre l'ausiliare haber.

Pronome soggetto Ausiliare Verbo al participio passato
Yo he escuchado/bebido/vivido
has
Él/ella/usted ha
Nosotros/nosotras hemos
Vosotras/vosotras habéis
Ellos/ellas/usted han

Participio passato[modifica]

Il participio passato non si declina mai per genere e per numero col complemento oggetto come può succedere in italiano.

  • ¿Has visto mis documentos? Sí, los he visto: están allí
  • Hai visto i miei documenti? Sì, li ho visti: sono lì

In spagnolo, come in italiano, esistono participi passati irregolari. Ne seguono alcuni di essi.

  • abrir: abierto
  • cubrir: cubierto
  • decir: dicho
  • escribir: escrito
  • hacer (fare): hecho
  • morir: muerto
  • poner: puesto
  • pudrir (putrefare): podrido
  • romper: roto
  • solver (solvere): suelto
  • ver (vedere): visto
  • volver (tornare): vuelto

Generalmente, formano allo stesso modo i participi passati anche i verbi che finiscono con -poner, -solver, -cer, -brir, -volver, -ver ecc. Per esempio, "devolver" diventa devuelto, "contradecir" diventa contradicho, "resolver" diventa resuelto ecc.

Uso[modifica]

Il passato prossimo si usa per esprimere azioni avvenute in periodi non ancora conclusi o in passati recenti. È spesso accompagnato quindi da espressioni come este año, este mes, esta semana, hoy, esta mañana ecc.

  • Hoy me he levantado a las siete Oggi mi sono alzato alle sette
  • Ha ido a comprar leche È andato a comprare il latte