Differenze tra le versioni di "Riflessioni su Yeshua l'Ebreo/Gesù a casa"

Jump to navigation Jump to search
testo
m
(testo)
= Gesù nel suo ambiente materiale =
== Introduzione ==
Parlare oggi di "Gesù l'Ebreo" è un luogo comune. Gesù, figlio di Giuseppe e Maria, residenti a Nazaret, nacque ebreo, visse come ebreo e morì come ebreo. Ma che tipo di ebreo era? Nel corso degli anni, gli studi ci hanno aiutato a capire molto della sua vita e dei suoi insegnamenti basilari e molto è stato fatto anche sul contesto ebraico della sua vita e dei suoi insegnamenti. Tuttavia, molta meno attenzione è stata prestata alle realtà fisiche e materiali che circondano la vita quotidiana e gli insegnamenti di Gesù. L'ebraismo "accademico" di Gesù è spesso un ebraismo "letterario", carente di cultura materiale e archeologia, sebbene di recente siano stati fatti tentativi di concentrarsi sull '"archeologia di Gesù".<ref>Si veda per esempio, James H. Charlesworth, cur., ''Jesus and Archaeology'' (Grand Rapids: Eerdmans, 2006). Cfr. specialmente Charlesworth, "Jesus Research and Archaeology: A New Perspective", in ''Jesus and Archaeology'', 11-63 e la bibliografia ivi citata.</ref> Meno lavoro, tuttavia, è stato dedicato alla cultura materiale e ai ''[[w:realia|realia]]'', o nelle parole di Marianne Sawicki: "Fino a tempi recenti, gli studi su Gesù hanno prestato sorprendentemente poca attenzione alla terra, considerandola semplicemente come una sorta di palcoscenico o piattaforma neutra a sostegno degli eventi raccontati nei Vangeli... Chiunque voglia sapere di Gesù deve cercarlo nel suo territorio nativo, nella sua terra e nel suo paesaggio contestuale".<ref>Marianne Sawicki, ''Crossing Galilee: Architectures in the Occupied Land of Jesus'' (Harrisburg: Trinity Press International, 2000), 3, 7.</ref> Questo è più facile a dirsi che a farsi, tuttavia, o come afferma Peter Richardson: "È difficile usare realia in Galilea, Giudea e Siria meridionale nelle descrizioni del sorgere del movimento di Gesù, in parte perché nessun realia può con certezza essere associato ad esso in queste prime fasi."<ref>Peter Richardson, ''Building Jewish in the Roman East, in Supplements to the Journal for the Study of Judaism'' (Waco: Baylor University Press, 2004), 74.</ref> "L'archeologia cristiana" è ancora molto orientata ai monumenti e dedica ancora molte energie alla ricerca attiva di conferme archeologiche del Nuovo Testamento, concentrandosi sulle questioni "grandi" e non sulle micro-questioni della vita quotidiana.<ref>Kim Bowes, "Early Christian Archaeology: A State of the Field", ''Religion Compass'', 2/4 (2008): 575-619. La maggior parte dei lavori si riferisce alle strutture e alla loro relazione con altre strutture. Sebbene ciò non sia totalmente privo di cultura materiale, gli studi stessi esprimono scarso interesse in quel campo.</ref> Pertanto, la vita materiale e la cultura di Gesù è necessariamente la vita materiale di Gesù l'Ebreo.
 
Ma come si può determinare tale vita materiale? Sorprendentemente, non c'è accordo sulla composizione della "cultura materiale". Ci sono quelli che sottolineano il paesaggio e considerano la cultura materiale come un segmento del proprio ambiente fisico modellato dagli esseri umani. Altri sottolineano gli artefatti, vedendo la cultura materiale come la totalità degli artefatti nella cultura, inclusi i reperti lasciati dal mondo fisico. Il primo sembrerebbe riflettere la citazione di Sawicki ''supra''. L'ultimo potrebbe essere identificato con l'archeologia, ma non lo è. La cultura materiale e l'archeologia sono correlate ma non sono la stessa cosa. Ad entrambi questi punti di vista è possibile aggiungere liberamente le teorie (e talvolta il gergo) del mondo delle scienze sociali che formano il satellite e le sottovisioni, comprese le questioni di [[w:casta|casta]], [[w:parentela|parentela]] e [[w:genere (scienze sociali)|genere]].<ref>Su tutto questo si veda Joshua J. Schwartz, "The Material Realities of Jewish Life in the Land of Israel c. 235-638", in ''The Cambridge History of Judaism'', vol. 4, ''The Late Rabbinic Period'', cur. Steven T. Katz (Cambridge: Cambridge University Press, 2006), 431-33. Limiti di spazio mi impediscono di espandere ulteriormente le questioni metodologiche. Si veda in particolare anche Sawicki, ''Crossing Galilee''.</ref>
 
Inoltre, non è facile determinare cosa componga la cultura materiale "ebraica" in opposizione alla cultura materiale degli ebrei. Pertanto, la vita materiale degli ebrei nella Palestina ellenistico-romana non era molto diversa da quella dei loro vicini non ebrei, sia in termini di vita urbana che rurale. Ciò che era diverso riguardava gli aspetti "ebraici" della vita quotidiana o ''[[w:Halakhah|halakhah]]'', e includeva indicatori materiali etnici e religiosi come i ''[[w:mikveh|mikvaot]]'', o i vasi di pietra, entrambi relativi alla purezza, l'uso di [[w:Talled|frange (''zizzit'' – ebr. ציצית) su un indumento a quattro punte]] o l'uso di elementi religiosi accessori come le "lampade dello [[w:Shabbat|Shabbat]]". Potrebbero esserci state anche alcune piccole differenze nelle procedure agricole e forse negli strumenti e negli attrezzi agricoli. Alcuni tipi di sepoltura, come la sepoltura secondaria, potrebbero essere un indicatore di ebraicità, i profili ossei di animali privi di rappresentazioni di suini e decorazioni aniconiche, senza figure umane o animali, potrebbero anche essere indicatori materiali ebraici (negativi).<ref>Schwartz, "Material Realities" 453-56 e bibliografia.Cfr. anche Jonathan L. Reed, ''Archaeology and the Galilean Jesus: A Re-examination of the Evidence'' (Harrisburg: Trinity Press International, 2000).</ref> Dobbiamo quindi cercare Gesù e il movimento di Gesù nella frequentazione di ''mikvaot'' o nell'uso di strumenti di pietra? Indossavano le frange sui loro indumenti? Riusciremmo a distinguerli da qualsiasi altro ebreo palestinese dell'epoca in termini di cultura materiale e vita quotidiana? Per i nostri scopi, ciò che cerchiamo è la cultura materiale degli ebrei e qua e là un po' di cultura materiale "ebraica". Entrambe probabilmente servirebbero anche come struttura materiale per inquadrare Gesù e i suoi seguaci.
 
 
 
 
9 883

contributi

Menu di navigazione