Ascoltare l'anima/Parte I

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
"BrainChain" Willem den Broeder 2001 .png
Ingrandisci
Brain Chain, di Willem den Broeder (2001)

EMOZIONI ALL'OPERA[modifica]

Per migliaia di anni le persone hanno pensato che ci fosse una connessione profonda e speciale tra le emozioni e le arti. Nella Repubblica, Platone si lamentò notoriamente che una delle ragioni per cui la poesia ha spesso una così cattiva influenza morale sulle persone è che fa appello alle loro emozioni piuttosto che alla loro ragione, la parte "più alta" dell'anima. L'idea che le emozioni siano intimamente connesse alle arti è stata ripresa da Aristotele e ne ha dato una svolta più comprensiva. Da allora, c'è stata una convinzione diffusa tra i pensatori occidentali che ci sia una relazione speciale tra le arti e le emozioni.[1]

Fino a tempi molto recenti, tuttavia, c'era scarso consenso su cosa siano realmente le emozioni e su come operano effettivamente, quindi è stato difficile giudicare esattamente come funzionano in relazione alle arti. Questa situazione ha ora cominciato a cambiare. Negli ultimi trent'anni circa, c'è stato un aumento della ricerca sulle emozioni in discipline diverse come psicologia sperimentale e clinica, neurobiologia, antropologia, sociologia e filosofia. Ora abbiamo un'idea molto migliore di cosa siano le emozioni. Non che ci sia un consenso completo: tutt'altro. Le teorie concorrenti sono diffuse. Ma nondimeno c'è un crescente consenso sull'emozione e su quali siano i suoi ingredienti più importanti.

Ho scritto questo libro per far valere le intuizioni della moderna ricerca psicologica ed empirica sulle emozioni in merito a questioni sul nostro coinvolgimento emotivo con le arti. Comincio quindi esponendo una teoria dell'emozione, che è supportata dalle migliori prove del lavoro empirico attuale, e quindi alla luce di questa teoria esamino alcuni dei modi in cui le emozioni funzionano nelle arti. Il libro è rivolto a chiunque sia interessato alle emozioni e al loro funzionamento, nonché a chiunque sia interessato alle arti e alla filosofia delle arti, in particolare alle domande sull'espressione emotiva nelle arti, sull'esperienza emotiva delle arti e, più in generale, interpretazione nelle arti.

La Parte I riguarda le emozioni, cosa sono, perché le abbiamo e come funzionano. Dobbiamo avere una solida conoscenza di cosa siano le emozioni prima di andare ad affrontare questioni più difficili sulle emozioni e le arti. Parte II riguarda la letteratura e le emozioni, in particolare le reazioni emotive che le persone hanno nei confronti di poesie, opere teatrali, romanzi e altri tipi di letteratura. Dobbiamo rispondere emotivamente a poesie e romanzi per comprenderli correttamente? I buoni romanzi possono educarci emotivamente sulla vita? Qual è il ruolo della struttura in un romanzo o in una poesia nel guidare le nostre risposte emotive? Parte III si occupa dell'espressione emotiva. Sposta la discussione dalle reazioni emotive del pubblico e si rivolge invece all'espressione delle emozioni degli artisti: scrittori, compositori, pittori, coreografi, cineasti e così via. L'idea che le arti siano espressioni di emozioni nei loro creatori era assiomatica nel movimento romantico alla fine del diciottesimo secolo e per gran parte del diciannovesimo secolo, ed è ancora un'idea con molti aderenti. Dimostro come il modo in cui le persone oggi concepiscono l'espressione artistica non può essere svincolato dalle sue radici nel Romanticismo. L'ultima parte del libro, Parte IV, riguarda la musica, sia l'espressione delle emozioni nella musica che le reazioni emotive del pubblico alla musica. È spesso considerato paradossale che la musica strumentale "pura" apparentemente priva di contenuto possa esprimere o suscitare emozioni. Spiego come una corretta comprensione delle emozioni può aiutarci a risolvere questo apparente paradosso.

Comincio, quindi, con le emozioni: amore, rabbia, paura, gelosia, dolore, vergogna e molte altre. Il mio obiettivo nella Parte I è stabilire una teoria dell'emozione che attinga al lavoro recente in psicologia sperimentale, neuroscienze e altre discipline empiriche. La teoria che espongo e difendo è una teoria che ritengo possa spiegare meglio le testimonianze attualmente disponibili sulle emozioni. In altre parole, le cose possono cambiare man mano che arrivano più risultati dalle scienze empiriche, ma in questo momento la migliore evidenza disponibile suggerisce che la mia teoria o qualcosa di molto simile è la più plausibile in offerta.

Il Capitolo 1 è dedicato alle teorie dell'emozione che enfatizzano la cognizione o i "giudizi". Le intuizioni della teoria cognitiva devono essere preservate in qualsiasi teoria dell'emozione soddisfacente, ma ci sono molte ragioni per cui la cognizione o il giudizio non possono essere l'ingrediente essenziale dell'emozione, come sostiene la teoria del giudizio. Il Capitolo 2 esamina i risultati della psicologia e delle neuroscienze e getta le basi per la teoria che sviluppo nel Capitolo 3, in cui l'emozione è trattata essenzialmente come un processo, in cui un tipo speciale di "valutazione affettiva" automatica induce cambiamenti fisiologici e comportamentali caratteristici ed è seguito da quello che chiamo "monitoraggio cognitivo" della situazione. Sebbene di solito ci sia molta attività cognitiva in corso nel processo emotivo, il processo stesso è sempre avviato da una valutazione affettiva automatica che si verifica prima della riflessione. È perché le emozioni sono innescate da una valutazione affettiva automatica che sono in qualche modo immuni alla valutazione come razionali o irrazionali: sono, come suggerisce Edith Wharton nella seguente frase, "più profonde della ragione":

« She felt a warning tremor as she spoke, as though some instinct deeper than reason surged up in defense of its treasure. But Darrow's face was unstirred save by the flit of his half‐amused smile. »
(Edith Wharton, The Reef)

Note[modifica]

  1. Dico "pensatori occidentali" perché parlerò principalmente della cultura occidentale, ma queste idee non sono limitate all'Occidente. C'è un'antica tradizione nell'estetica indiana, ad esempio, di associare opere letterarie e musicali a particolari emozioni.