Vai al contenuto

Etica della salute/Capitolo 5

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Indice del libro
Ingrandisci
Anemone coronaria con 6 petali che creano la Stella di David

Salute mentale[modifica | modifica sorgente]

Per approfondire, vedi Disturbi mentali e Salute mentale.

La Bibbia descrive in dettaglio la psicopatia paranoica e forse l'epilessia del Re Saul, e altri nella Bibbia e nel Talmud soffrono di allucinazioni visive e uditive, pazzia e "possesso da parte di demoni o spiriti".[1] Poiché la follia ha implicazioni legali, i rabbini del Talmud hanno cercato di definirla nel modo più specifico possibile:

« I nostri rabbini hanno insegnato: chi è considerato un pazzo? Chi esce solo di notte, e chi passa la notte in un cimitero, e chi si strappa le vesti. È stato insegnato: Rabbi Huna ha detto: deve farle tutte [per essere considerato pazzo]. Rabbi Johanan ha detto: Anche se [fa solo] una di loro [è considerato pazzo]. È stato insegnato: chi è considerato pazzo? Colui che distrugge tutto ciò che gli viene dato. »
(B. Hagigah 3b–4a)

Maimonide osserva, tuttavia, che queste azioni devono ovviamente essere interpretate come esempi, non come una definizione esaustiva di follia.[2] Moshe Halevi Spero, uno psicologo ortodosso contemporaneo, suggerisce criteri specifici per determinare i disturbi mentali nei casi di una persona che si suicida o di una donna che chiede un aborto o il permesso di usare dispositivi contraccettivi per motivi di salute mentale. Scrive: "Generally speaking, shtus [insanity] might denote one who has lost the ability to reason or make reality-based judgments. Shtus may also signify the loss of emotional control.[3]

Il Talmud consentiva di accendere una candela in violazione delle regole dello Shabbat per una donna in travaglio al fine di farle evitare un'angoscia psichica.[4] Citando quel precedente, Nahmanide (XIII secolo) includeva specificamente la malattia mentale nella categoria del "salvare la vita" (pikkuah nefesh) in modo che quasi tutti gli obblighi e i divieti potessero essere messi da parte per salvare la salute mentale di una persona così come la sua salute fisica.[5]

La cosa importante da notare qui è che la tradizione ebraica vede la malattia mentale come una malattia e non come una colpa morale. L'ebraismo quindi non tratta la malattia mentale come qualcosa per cui ci si dovrebbe pentire o essere puniti, ma piuttosto come qualcosa che si dovrebbe cercare di prevenire o curare come parte degli obblighi ebraici generali di prendersi cura di se stessi e di guarire.

Note[modifica | modifica sorgente]

Per approfondire, vedi Serie misticismo ebraico, Serie maimonidea e Serie delle interpretazioni.
  1. Preuss, Biblical and Talmudic Medicine, cap. 11; Gorlin, "Mental Illness".
  2. M.T. Laws of Testimony 9:9–11.
  3. 86. Spero, Judaism, 175, 174–78.
  4. B. Shabbat 128b.
  5. (EN) Nahmanides, Writings, vol. 2, p. 43.