La Conoscenza del Che/Capitolo 5

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Ernesto Che Guevara , een der Cubaanse leiders, Bestanddeelnr 920-6239.jpg
Ingrandisci
Ernesto Che Guevara, agosto 1967

CAPITOLO 5: Risultati e discussione[modifica]

Questo Capitolo serve come integrazione della vita di Ernesto Guevara, come descritto nel Capitolo 2, con la teoria della Psicologia Individuale di Alfred Adler, come descritta nel Capitolo 3. Qui esploreremo come la teoria di Adler si relaziona alla vita di Guevara, in particolare ma non limitata alla sua teoria su ordine di nascita, atmosfera familiare, cultura e compiti di vita. Questo Capitolo non cerca di stabilire la causalità, ma piuttosto di esplorare e descrivere la vita di Guevara nel contesto della teoria di Adler.

Sviluppo e struttura della personalità[modifica]

Logica privata[modifica]

Non sperimentiamo la realtà oggettivamente; invece, è soggettivamente filtrata attraverso le nostre lenti personali, cioè ognuno di noi ha il proprio modo di vedere le cose che mette a fuoco il mondo in modo univoco. In tal modo distorciamo o modelliamo la realtà oggettiva per confermare i nostri atteggiamenti interiori (Eckstein, 2008). Secondo Adler, è da questa visione soggettiva della vita che costruiamo una logica privata. La logica privata è l'insieme degli atteggiamenti e delle reazioni che abbiamo nei confronti della vita e del nostro posto in essa. Secondo Peluso (2006) è intorno ai sei anni che si manifesta un primo senso del proprio stile personale. È in questo momento che i bambini prendono decisioni sul loro posto nel mondo. Il clima familiare gioca un ruolo cruciale in relazione allo sviluppo di questa logica privata e dell'eventuale stile di vita (Peluso, 2006).

Guevara si inserì costantemente in un forte ruolo di leadership. Adottò un approccio pratico e voleva essere al centro del cambiamento sociale. Sebbene fosse passato del tempo prima che le sue opinioni politiche si solidificassero in un sistema di credenze, sembrava esserci in lui un desiderio pervasivo di ordine e sentiva quella che pareva essere una forte pressione per sostenere tale ordine (Anderson, 1997). Come ha scritto Peluso (2006), è intorno ai sei anni che i bambini iniziano a prendere coscienza del loro stile personale. Questo fu il periodo in cui Guevara iniziò ad essere esposto alle idee della politica, della rivoluzione e dell'importanza del cambiamento sociale (Anderson, 1997). Sembra che egli credesse fermamente di avere un ruolo molto significativo da svolgere nel mondo, nella lotta per l'ordine, la giustizia e la difesa degli oppressi e delle minoranze. La sua logica privata era quella di condurre tutti alla libertà, costi quel che costi.

Stile di vita[modifica]

Guevara sul somarello, Alta Gracia, Argentina 1933

Lo stile di vita si riferisce a come vivi la tua vita, come gestisci i problemi e le relazioni interpersonali (Boeree, 1997). Adler (come citato in Ansbacher & Ansbacher, 1956) riteneva che l'individuo partecipasse attivamente alla creazione di questo stile di vita. È visto come l'espressione visibile della personalità. La continuità nel comportamento riflette l'orientamento di base di una persona verso la vita che si sviluppa durante l'infanzia da un piano di vita e una logica privata alimentata da obiettivi immaginari autodeterminati (Dinkmeyer et al., 1979). Questo stile di vita è influenzato dalla percezione soggettiva della dotazione genetica e della situazione ambientale (Fouché, 1999). Secondo Adler (come citato in Ansbacher & Ansbacher, 1956), questo stile di vita diventa la risposta impostata per tutta la vita ed è il filo conduttore che intreccia i pensieri, i sentimenti e le azioni di un individuo in uno schema coerente.

In un'epoca in cui sarebbe stato considerato qualcosa di fuori dall'ordinario, Guevara crebbe in una famiglia che aveva sposato punti di vista molto liberali e laici. I suoi fratelli e lui stesso evitavano insieme le lezioni di religione; sua madre era nota per la propria visione liberale della vita e la loro casa era aperta a chiunque volesse entrare (Anderson, 1997). Guevara venne sicuramente influenzato da questo in una certa misura e sicuramente tali considerazioni avrebbero plasmato o contribuito al suo stile di vita.

Guevara si era sempre distinto tra i suoi coetanei. Era noto per essere poco entusiasta dell'igiene personale e dell'aspetto generale; ed era conosciuto per essere ferocemente leale e incrollabile nelle sue convinzioni, indipendentemente dal risultato (Anderson, 1997). Questa caratteristica del suo carattere, tuttavia, era unidimensionale, in quanto si estendeva solo fino alle sue convinzioni politiche e sociali. Secondo Anderson (1997), anche quando Guevara era nello stesso paese della sua famiglia, dedicava loro pochissimo tempo. Trascorreva invece la maggior parte del tempo nel suo ufficio. Quello che possiamo dedurre da ciò è che egli pose il suo impegno per la lotta rivoluzionaria e il cambiamento sociale al di sopra del suo impegno per la famiglia. In altre parole, sentiva appassionatamente i suoi valori politici, il cambiamento sociale e la rivoluzione, e vedeva tutto ciò che contribuiva a queste cose come un bene più grande, e la sua famiglia fu compresa nel bene più grande. Questo di per sé è contrario alle norme sociali. Possiamo quindi affermare che il suo stile di vita è sicuramente contrario a quello che ci si aspetterebbe da un individuo, nello specifico quello cresciuto a metà ’900. Ciò che causò questo non lo sappiamo, ma quello che sappiamo è che egli ebbe un'educazione molto liberale e sappiamo inoltre che il suo nucleo familiare non era decisamente nella media riguardo a opinioni, credenze, morale e comportamento.

Dinamiche motivazionali[modifica]

Inferiorità[modifica]

Tutti soffrono di inferiorità in una forma o nell'altra. Adler (1929) iniziò il suo lavoro teorico concentrandosi sull'inferiorità degli organi, cioè sul fatto che ognuno di noi ha parti più deboli, oltre che più forti, nella nostra anatomia o fisiologia. I bambini nati con organi inferiori sperimentano il proprio corpo, i suoi dolori e le sue debolezze come un fardello. Questi, molto più dei bambini normali, sviluppano sentimenti di inferiorità, si sforzano di compensare queste carenze e di arrivare a una meta in cui prevedono e presumono un sentimento di superiorità. In questo movimento dal basso verso l'alto, da un sentito meno a un presupposto più, sono maggiormente assaliti dalle difficoltà della vita e vivono come se fossero in un paese nemico (Ansbacher & Ansbacher, 1956). Guevara sviluppò l'asma all'età di quattro anni e questi attacchi lo tormentarono per il resto della sua vita (Hunt, 2008).

Compensazione[modifica]

Adler (1929) considerava la lotta per la superiorità (la ricerca della perfezione) come la motivazione umana complessiva che si manifesta come lotta per il potere e l'interesse sociale (Meyer et al., 2003). L'obiettivo della superiorità per ogni individuo è personale e unico, dipende dal significato individuale dato alla vita ed è raggiunto attraverso la compensazione (Ansbacher & Ansbacher, 1956).

Attraverso il processo di compensazione, gli individui rispondono alle inferiorità per compensare le loro carenze. L'organo inferiore (o aspetto del sé) può essere rafforzato e diventare ancora più forte di quanto non lo sia negli altri; o altri organi possono essere sovrasviluppati per compensare il deficit; oppure la persona può compensare psicologicamente il problema organico sviluppando determinate abilità o addirittura determinati stili di personalità (Boeree, 1997).

Non sono le esperienze del bambino a dettare le sue azioni; piuttosto sono le conclusioni che trae dalle sue esperienze. Tra i bambini problematici troviamo migliaia di varietà di bambini viziati che lottano per l'attenzione della madre e resistono a ogni richiesta dell'ambiente (Adler, 1958). Un bambino diventa presto esperto nello scoprire i mezzi con i quali può riuscire meglio ad occupare l'attenzione. La malattia è spesso un rifugio per bambini viziati, poiché quando sono malati sono più che mai coccolati. Accade spesso che un bambino del genere inizi a mostrarsi problematico qualche tempo dopo una malattia e all'inizio sembra che sia la malattia a renderlo un bambino problematico. Il fatto è che il bambino, durante la sua malattia, scopre di poter manipolare i suoi genitori a dargli ciò di cui ha bisogno, che si tratti di attenzioni, cure o limiti (Adler, 1958).

Non possiamo stabilire la causalità, ma possiamo certamente evidenziare una correlazione rilevante nell'ambito di questo studio. Una correlazione interessante è che Guevara sviluppò l'asma l'anno dopo la nascita di sua sorella Celia, nata nel 1929, e sviluppò l'asma nel 1930 (Hunt, 2008): aveva quattro anni. Ciò potrebbe significare che, a livello inconscio, Guevara sviluppò l'asma come mezzo per mantenere il potere in famiglia.

Ricerca della perfezione[modifica]

Guevara con Jorge Masetti, 1958

La ricerca del significato è essenzialmente un movimento verso il raggiungimento dell'obiettivo di identità unica e appartennza. Questo movimento verso un'identità unica è la forza motivante dietro ogni attività umana, che può essere definita un tipo di motivo principale (Dreikurs, 1973).

Quasi tutti cercano un qualche tipo di significato o perfezione. Adler (1929) affermava che gli obiettivi fondamentali della vita, sebbene generalmente sconosciuti alla persona, danno una direzione a tutti i comportamenti. Nella misura in cui gli obiettivi sono allineati con l'interesse sociale, la direzione della vita della persona è utile, positiva e sana. Gli obiettivi di Guevara erano allineati con l'interesse sociale, ma fino a un certo punto. Quando parliamo di interesse sociale, parliamo di un mondo migliore per tutti. Guevara ci credeva e si batteva per questo, ma non possiamo ignorare il fatto che c'erano sicuramente delle carenze quando si trattava della sua vita familiare (Anderson, 1997). Sembra che li considerasse esclusivamente parte dell'umanità e lui stava combattendo per l'umanità. Guevara percepiva lo scopo della sua vita come parte di una lotta contro l'imperialismo (Franklin, 1997).

Dallo stile di vita di Guevara possiamo dedurre che il suo stile era di dissomiglianza con le norme sociali. Era un liberale e un comunista nel vero senso della parola (Anderson, 1997). Per quanto potesse sforzarsi, non fu tuttavia in grado di sfuggire all'essere umano per sé e quindi essere soggetto allo stesso potere di influenza e alle stesse aspirazioni inconsce a cui siamo tutti soggetti. Tra questi stanno il lottare per il potere e l'interesse sociale. È chiaro che l'interesse sociale in una delle sue forme, quello del cambiamento politico e sociale per il bene più grande, fu molto importante nel suo stile di vita e nelle sue motivazioni. Tale interesse sociale informò la sua lotta per il potere. Fin dall'inizio della vita, ci sforziamo di superare l'inferiorità (Adler, 1958), e Guevara ci riuscì in modo piuttosto spettacolare. Era nella sede del potere assoluto quando combatteva per la propria causa. Non solo fu attivo nel cambiare il governo cubano e nel rovesciare il regime esistente, ma effettivamente guidò le truppe che vinsero quella battaglia, e lo fece mentre combatteva la sua inferiorità organica, cioè l'asma di cui soffriva fin dall'infanzia (Anderson , 1997).

Un altro modo di riflettere su come il nostro comportamento sia intenzionale e diretto a un obiettivo, si riferisce al concetto di priorità numero uno di Kefir (come citato in Eckstein, 2008). Kefir (come citato in Eckstein, 2008) ha originariamente definito quattro priorità numero uno, vale a dire: comfort, piacere, controllo e superiorità. Basandoci semplicemente su ciò che sappiamo della logica privata e dello stile di vita di Guevara, possiamo identificare il suo motivo principale e la priorità numero uno come quello di ottenere la superiorità. Questo non si estende solo alla superiorità sugli altri, ma a un livello più intrinseco e personale, potrebbe riflettere l'acquisizione di superiorità sul suo essere fisico, o almeno compensare la sua fragilità con quello che è chiaramente il rovescio della medaglia. Il Che era un soldato, un guerrigliero, viveva in condizioni orrende, e si impegnava in comportamenti che lui, come medico, avrebbe sicuramente saputo che sarebbero stati assolutamente contrari a quelli che erano i suoi bisogni fisici, dato il fatto che era fragile, malaticcio e asmatico (Anderson, 1997; Hunt, 2008). In questo caso, possiamo vedere che la tensione di Guevara per la superiorità si manifestò in una compensazione fisica e psicologica. Psicologicamente parlando, la sua inferiorità organica avrebbe potuto portarlo a sentirsi inferiore alle persone che erano in salute migliore. Nel suo tentativo di lottare per la perfezione, compensò la sua malattia andando oltre ciò che le persone più sane sarebbero state capaci e disposte a fare. In questo modo, compensò la sua inferiorità organica.

Interesse sociale[modifica]

La nozione di interesse sociale non deve essere confusa con l'adattamento per cieca obbedienza o conformità all'autorità. Nazionalismo, razzismo, sessismo e ageismo troppo spesso caratterizzano le norme sociali prevalenti. La ribellione o il confronto di tali sistemi e individui caratterizza le aspirazioni di un mondo migliore per tutte le persone (Eckstein, 2008). L'interesse sociale paradossalmente può assumere la forma della disobbedienza civile per preservare l'ambiente. La ribellione può effettivamente avere una notevole attenzione per la comunità. Gli obiettivi di tale ribellione sono motivati da un senso di interesse sociale, una preoccupazione per il bene più alto di tutto e tutti. Un maggiore impegno verso principi universali come la nonviolenza e le libertà civili fondamentali sono esempi contemporanei di interesse sociale ribelle (Eckstein, 2008).

Questo è vero per Guevara, ed è abbastanza chiaro dal suo stile di vita, dalle sue convinzioni e dal modo in cui esercitò il suo potere politico. Guevara adottò un atteggiamento machiavellico nei confronti delle sue idee e dei suoi sforzi rivoluzionari. Credeva nella lotta armata e che semplicemente non c'era altro modo per assicurare il cambiamento sociale (Hunt, 2008). Per Machiavelli e per Guevara il fine giustificava i mezzi. Guevara era ferocemente leale alla sua causa e chiunque dalla sua parte fosse considerato un traditore veniva giustiziato (Anderson, 1997). Molte persone persero la vita durante la Rivoluzione cubana, alcune per mano di Guevara (Berman, 1997), ma questo era qualcosa che si sentiva a suo agio nell'accettare semplicemente perché per lui l'obiettivo finale valeva il sacrificio di vite umane.

Contesto sociale[modifica]

Che Guevara in visita alla Universidad de Oriente, Cuba 1961

Cultura[modifica]

I sentimenti di inferiorità non sono di per sé anormali. Sono la causa di tutti i miglioramenti nella posizione dell'umanità. Il progresso si verifica solo quando le persone sentono la loro ignoranza e il loro bisogno di miglioramento. È il risultato degli sforzi degli esseri umani per migliorare la loro intera situazione, per conoscere di più l'universo ed essere in grado di controllarlo meglio. In effetti, sembra che tutta la nostra cultura umana sia basata su sentimenti di inferiorità (Ansbacher & Ansbacher, 1956).

Dal 1870, l'Argentina era diventata politicamente più stabile. Fino a quel momento, era stata bilanciata in uno stato di perpetua tensione tra ferocia e illuminismo. Tale fu il risultato del processo di cambiamento da paese tormentato dalla guerra a repubblica democratica indipendente. Nell'Argentina del 1927 il cambiamento politico e sociale era inevitabile, ma non era ancora arrivato (Anderson, 1997).

Sarebbe stato difficile per chiunque non avere un qualche interesse o idea del clima politico in Argentina tra l'inizio e la metà del 1900. Il cambiamento era inevitabile. Guevara, come tutti gli altri, sarebbe stato influenzato da questo imminente cambiamento. I fattori culturali e politici in gioco, insieme allo sviluppo della sua logica privata e del suo stile di vita, informarono lo stile della personalità descritto in questo Capitolo.

Famiglia[modifica]

Che Guevara e figlia, con Antonio Núñez Jiménez, Cuba 1963

Atmosfera familiare[modifica]

Il sentimento sociale innatamente posseduto dall'individuo e la misura in cui si esprime, è legato all'atmosfera familiare complessiva e alle conclusioni che l'individuo ne trae. Quindi, la famiglia, o l'equivalente familiare, è il gruppo sociale prototipico per il bambino (Peluso, 2006).

La parte del padre nella vita familiare è importante quanto quella della madre (Adler, 1958). Il compito del padre è dimostrare di essere un buon marito per sua moglie, padre per i suoi figli e membro della società. Deve essere in grado di risolvere i problemi della vita, cioè l'occupazione, l'amicizia e l'amore, e deve cooperare alla pari con la moglie nella cura e nella protezione della sua famiglia. L'influenza del padre sui figli è così importante che molti di loro lo considerano, per tutta la vita, come il loro ideale o come il loro più grande nemico. La funzione che tutti si aspettano sicuramente da un padre è una soluzione del problema dell'occupazione. Deve essere in grado di sostenere se stesso e la sua famiglia. Con il suo stesso atteggiamento aiuta a preparare i propri figli al compito dell'occupazione (Adler, 1958).

Guevara Lynch, tuttavia, non risolse i problemi dell'amore o dell'occupazione. Sebbene ci fossero stati molti tentativi da parte di Lynch di trovare un lavoro e un reddito stabili, la famiglia finì per vivere dell'eredità di Celia. A questo si aggiunse il fatto che le personalità di Lynch e Celia si scontravano frequentemente e che Lynch fosse noto per le sue relazioni con altre donne (Anderson, 1997).

Tra il 1932 e il 1935, Paraguay e Bolivia combatterono un conflitto intermittente e sanguinoso per il controllo del Gran Chaco condiviso dai due paesi. Ernesto Guevara Lynch seguì da vicino questo conflitto e a un certo punto si dichiarò disposto a prendere le armi in difesa del Paraguay (Anderson, 1997). Preso dall'entusiasmo del padre, Guevara iniziò a seguire l'andamento della guerra. Da adulto, Guevara ricordò la passione di suo padre per il conflitto e, con toni affettuosi e sarcastici, raccontò agli amici argentini delle roboanti intenzioni di suo padre di unirsi ai combattimenti. Per il figlio, riassumeva una delle verità agrodolci su suo padre, un uomo ben intenzionato che aveva passato la vita a escogitare progetti, ma che raramente era riuscito a ottenere qualcosa di concreto (Anderson, 1997). Si potrebbe addirittura dire che Guevara abbia compensato l'inferiorità del padre.

Suo padre non sembrò mai capire cosa facesse appassionare Guevara, così come non capiva mai completamente sua moglie. Per lui, Celia era imprudente e attratta dal pericolo ed era in colpa per aver trasmesso questi tratti a suo figlio (Anderson, 1997). Guevara Lynch, al contrario, ammetteva di essere eccessivamente prudente, irritato e sempre preoccupato per i pericoli e i rischi della vita. Per certi versi, era il più materno dei due genitori, mentre Celia era confidente e co-cospiratrice di suo figlio. Esagerato o no, il famoso temperamento collerico di Guevara Lynch fu qualcosa che trasmise al figlio maggiore (Anderson, 1997).

La loro famiglia disordinata venne descritta come "bohémien". La famiglia osservava poche convenzioni sociali. Fu Celia che diede l'impressione più notevole di libera pensatrice. Poiché c'erano sempre persone che andavano e venivano dai Guevara (Anderson, 1997), potremmo dire che il senso della famiglia per Guevara era in qualche modo distorto. C'era una tendenza molto più forte verso una prospettiva focalizzata sulla comunità rispetto a una prospettiva individualistica su vita, famiglia e mondo in generale. Ciò è chiaro nel modo in cui Guevara visse la sua vita. Fu assolutamente impegnato nella sua causa per il bene più grande. Sacrificò la sua vita e quella di molti altri nel tentativo di creare un mondo migliore per la maggioranza.

Guevara è stato descritto come un leader severo e talvolta duro. Sembrava avere poco senso degli effetti intimidatori che le sue parole potevano avere sugli altri. Era altrettanto severo con Aleida e la sua stessa famiglia. Una volta le fu ordinato di restituire un dono di un paio di scarpe di pelle italiane, perché il cittadino cubano medio non indossava scarpe di pelle importate. Le fu negato l'uso dell'auto per portare uno dei bambini all'ospedale durante una malattia e fu costretta a usare l'autobus "proprio come tutti gli altri". Quando iniziò il razionamento del cibo, Guevara scoprì che la sua propria famiglia mangiava bene grazie a uno speciale integratore alimentare; indagò, scoprì che era vero e ritirò il beneficio alimentare. Semplicemente non permetteva alla sua famiglia di ricevere favori speciali (Anderson, 1997, p. 568).

Se Guevara fosse stato o meno così severo come suggeriscono queste storie, la sua vedova non lo disse mai; sentiva il dovere di proteggere l'immagine dell'uomo che era diventato un mito internazionale, e insistette sul fatto che egli fu "un uomo senza difetti" (Anderson, 1997, p. 568).

Ordine di nascita[modifica]

Guevara nel 1933

Secondo Orgler (1963), il figlio più grande si trova in una situazione unica in quanto, poiché la sua nascita è stata accolta con tanta gioia, diventa il centro dell'attenzione e si abitua a essere applaudito per tutto ciò che dice e fa. Una tragedia si verifica per questo bambino quando nasce un fratello, poiché il bambino viene sostanzialmente detronizzato ed è quindi costretto a condividere questa attenzione con il nuovo bambino. Si rende conto che non è più il sovrano onnipotente. Si teorizza che più il bambino è stato coccolato, più intensamente sentirà la perdita e più duramente lotterà per mantenere il potere percepito (Orgler, 1963).

Il tempo che trascorre prima di questa detronizzazione è importante per l'impressione che fa sul bambino e per il modo in cui questa impressione viene utilizzata. Se il tempo è di tre anni o più, questo evento incontra uno stile di vita già stabilito e viene percepito di conseguenza. Quando l'intervallo di tempo è minore, l'intero processo si svolge senza parole e concetti; pertanto non è suscettibile di correzione da esperienze successive (Ansbacher & Ansbacher, 1958). Certo, se i genitori hanno permesso al primogenito di sentirsi sicuro del loro affetto, se sanno che la loro posizione è solida con lui e, soprattutto, se sono preparati all'arrivo di un figlio più piccolo e il primogenito è stato formato a collaborare nella sua cura, la crisi passerà senza effetti negativi (Ansbacher & Ansbacher, 1958).

Tra questi bambini più grandi troviamo individui che sviluppano uno sforzo per proteggere gli altri e aiutarli. A volte sviluppano un forte talento per l'organizzazione. D'altra parte, anche lo sforzo di proteggere gli altri può essere esagerato nel desiderio di mantenere quegli altri dipendenti e di dominarli (Ansbacher & Ansbacher, 1958). Questo è ancora una volta vero per Guevara. Possiamo descrivere il suo comportamento e la scelta professionale come lo sforzo di proteggere e aiutare gli altri, ma questo è stato distorto dall'atteggiamento machiavellico che ha assunto nei confronti di tale sentimento protettivo. Ciò dimostra che non è possibile separare le influenze e che tutte le esperienze nella vita del bambino si aggiungeranno a un quadro generale e a una visione della vita. Questo punto di vista servirebbe a contraddire ciò che è stato precedentemente menzionato sullo sviluppo dell'asma di Guevara. Tuttavia, può anche servire ad illustrare come lui, e l'umanità, funzionano in un continuum. Come è stato detto, possiamo descrivere alcune delle opinioni di Guevara come completamente allineate con la teoria di Adler, ma con alcune lievi distorsioni lungo il percorso. Ciò che questo illustra quindi è che tutti noi operiamo lungo il continuum, ma non siamo meno influenzati dall'esperienza di vita.

I primogeniti tendono ad essere relativamente solitari e più conservatori degli altri bambini della famiglia (Boeree, 1997). Una volta che hanno assaporato il potere e ne rimangono suoi adoratori (Orgler, 1963). I figli maggiori di solito hanno una certa autorità sui fratelli più piccoli, e così imparano i vantaggi del potere. Questo sviluppa il loro interesse per l'autorità e la legge, e fanno in modo che l'autorità sia mantenuta. I bambini più grandi spesso diventano ottimi funzionari di servizio civile o governativi, e sono noti per la loro coscienziosità. Sono spesso a capo di grandi organizzazioni perché hanno dovuto imparare ad organizzarsi in tenera età (Orgler, 1963). Sebbene questo sia vero per Guevara, egli assunse certamente una natura ribelle nel suo carattere che può essere attribuita alla sua educazione liberale.

A volte i bambini che hanno perso il loro potere, il piccolo regno che governavano, comprendono meglio di altri l'importanza del potere e dell'autorità. Quando crescono, amano partecipare all'esercizio dell'autorità ed esagerare l'importanza delle regole e delle leggi. Tutto dovrebbe essere fatto secondo regole e nessuna regola dovrebbe essere infranta; il potere dovrebbe essere sempre mantenuto nelle mani di coloro che ne hanno diritto. Influenze come queste nell'infanzia danno una forte tendenza al conservatorismo (Ansbacher & Ansbacher, 1956). Potremmo dire che Guevara fosse conservatore nelle sue idee, in quanto ne era completamente inflessibile. Qualsiasi sfida al suo sistema di credenze era vista, nel migliore dei casi, come un attacco e, nel peggiore, come un tradimento. Era noto per le sue opinioni dure e il trattamento a volte duro dei subalterni, della sua gente. Apprezzava l'integrità sopra ogni altra cosa. A molti sembrò esageratamente troppo serio riguardo alla rivoluzione, inesorabilmente moralista e bacchettone (Anderson, 1997).

Compiti della vita[modifica]

Interessi sociali[modifica]

Poiché questo è stato menzionato prima, non sarà esplorato troppo in profondità qui. In sintesi, per quanto riguarda il compito degli interessi sociali di Guevara, prese certamente a cuore il concetto. Mostrò certamente una conoscenza e una passione per il bene più grande dell'umanità, credendo fermamente che ci fosse una vita migliore per tutto il genere umano e che potesse essere raggiunta (Anderson, 1997). Ciò è chiaro. Tuttavia, Guevara si concentrò su un aspetto particolare di questo e apparentemente scartò tutti gli altri. Quando parliamo di interesse sociale, parliamo di un mondo migliore per tutti. Guevara ci credeva e si batteva per questo, ma non possiamo ignorare il fatto che ci fossero sicuramente delle carenze quando si trattava della sua vita familiare. Sembra che li considerasse esclusivamente parte dell'umanità e lui infatti stava combattendo per l'umanità!

Amore e matrimonio[modifica]

Il problema dell'amore è che è un compito per due persone. Sebbene questo possa rivelarsi un compito nuovo per la maggior parte, la difficoltà può essere superata se queste due persone hanno sviluppato un interesse per i loro simili, perché allora possono imparare più facilmente a interessarsi l'uno dell'altro. Potremmo anche dire che per una soluzione completa di questa cooperazione a due, ogni partner deve essere più interessato all'altro che a se stesso. Questa è l'unica base su cui l'amore e il matrimonio possono avere successo (Adler, 1958).

Dal loro incontro nel dicembre 1953, in Guatemala, gran parte della vita di Guevara in Guatemala ruotava attorno a Hilda Gadea, che sarebbe diventata la sua prima moglie. Hilda si prese cura di lui, gli prestò libri e parlò senza sosta con lui della psicoanalisi, dell'Unione Sovietica, della rivoluzione boliviana e degli eventi quotidiani in Guatemala (Hunt, 2008). Hilda rimase incinta di Guevara che, cosa onorevole da fare, la sposò il 18 agosto 1955 in Messico. L'estate successiva nacque la sua prima figlia, Hilda Beatriz Guevara Gadea (Anderson, 1997).

La soluzione del problema dell'amore e del matrimonio nella nostra vita pratica e sociale è la monogamia. C'è sempre la possibilità di una rottura in tale relazione, ma è più facile da evitare se consideriamo il matrimonio e l'amore come un compito sociale che ci si presenta, un compito che dobbiamo risolvere. Le rotture nella relazione monogama di solito si verificano perché uno o entrambi i partner non comprendono il matrimonio e il compito dell'amore dal punto di vista dell'interesse sociale (Adler, 1958). In questo Guevara fallì. Mentre non possiamo dire che Guevara fosse un noto donnaiolo, non possiamo nemmeno dire che fosse un marito fedele a Hilda. Secondo Anderson (1997), nella primavera del 1958, mentre era nelle montagne della Sierra Maestra e mentre era sposato con Hilda, iniziò una relazione con una donna di nome Zoila Rodriguez. Zoila era una ragazza madre di 18 anni e viveva nella fattoria di suo padre quando incontrò Guevara. Iniziò ad aiutare i ribelli facendo piccole commissioni e alla fine Guevara le chiese di rimanere nel suo gruppo permanentemente. Aiutava in cucina e in ospedale. Alla fine di quell'anno, l'esercito ribelle era andato avanti e Guevara aveva lasciato Zoila con il suo mulo, chiedendole di prendersi cura dell'animale. Fu detto da un suo uomo che mentre c'erano molte donne che "impazzivano" per Guevara, egli era sempre molto severo e rispettoso in quel senso, ma Zoila gli piaceva davvero (Anderson, 1997, p. 311). Tuttavia, in seguito, mentre viveva a Cuba e sposato con la sua seconda moglie, Aleida, Guevara fu descritto come fermamente monogamo, contrariamente alla maggior parte degli uomini cubani dell'epoca, che avevano una seconda e talvolta terza moglie (Anderson, 1997).

Dopo aver rovesciato il governo cubano, la vita personale di Guevara cominciò a divenire complessa. All'epoca Guevara aveva una relazione con Aleida March e doveva inevitabilmente affrontare Hilda, che arrivò dal Perù con la loro figlia di tre anni, Hildita, al seguito. Hilda registrò l'incontro nelle sue memorie. Qui descrisse come Ernesto le aveva detto d'essere con un'altra donna, e insieme avevano concordato il divorzio: Hilda sarebbe rimasta a Cuba; lei e Guevara avrebbero divorziato e lui avrebbe sposato Aleida. Il 22 maggio 1959 ottenne il divorzio da Hilda. Il 2 giugno lui e Aleida si sposarono. Ebbero quattro figli: Aleida, Camilo, Celia ed Ernesto (Anderson, 1997).

Secondo Adler (1958) le persone che sono più spontaneamente interessate al benessere dell'umanità hanno maggiori probabilità di avere figli, e coloro che non sono interessati, consciamente o inconsciamente, ai loro simili, rifiutano o esitano ad assumersi questo fardello della procreazione. Le persone che sono sempre esigenti e in attesa, senza mai dare, tendono a non amare i bambini. Sono interessati solo a se stessi e considerano i bambini un fastidio. Possiamo dire, quindi, che per una soluzione piena del problema dell'amore e del matrimonio è necessaria la decisione di avere figli (Adler, 1958).

Guevara trascorreva poco tempo con la sua famiglia e, anche quando era a casa, passava ore chiuso nel suo ufficio a leggere, scrivere e studiare. Non c'era mai molto tempo per stare con Aleida o con i bambini, poiché si sentiva obbligato al dovere. La domenica pomeriggio era tutto ciò che poteva dedicare alla sua famiglia (Anderson, 1997). Nell'Appendice D, il rapporto distante di Guevara coi suoi figli è illustrato dalle lettere che aveva inviato loro mentre era impegnato in lotte in altri paesi. Possiamo quindi asserire che essenzialmente Guavara fallì nel compito della paternità. Sebbene Adler stesso non descriva un compito specifico relativo alla genitorialità, ma piuttosto sottolinei l'effettivo desiderio di avere figli come compito, possiamo tranquillamente presumere in base a ciò che sappiamo di Adler, che poiché egli si basa sull'interesse sociale come fondamento, la genitorialità potrebbe e dovrebbe essere considerata un'estensione del mettere gli altri prima di se stessi. Guevara non fece questo in relazione ai suoi figli e alla sua famiglia (Anderson, 1997).

Siamo sempre più preparati se il matrimonio dei nostri genitori è stato armonioso. I bambini ottengono la loro prima impressione di come sia il matrimonio dalla vita dei loro genitori. Se i genitori non sono in grado di cooperare, sarà loro impossibile insegnare la cooperazione ai propri figli (Adler, 1958).

Guevara Lynch e Celia avevano entrambi un temperamento focoso e si dice che i loro combattimenti si siano trasformati in regolari incontri di chi urlasse più forte. Questi litigi furono attribuiti ai loro continui problemi economici e all'incapacità di Guevara Lynch di trovare lavoro. Secondo uno degli amici intimi di Celia, la vera fonte della discordia erano le relazioni di Guevara Lynch con altre donne. Quando nel 1947 partirono per Buenos Aires, il loro matrimonio ormai era finito (Anderson, 1997).

Secondo Adler (1958), l'attrazione fisica della vita adulta si allena già nell'infanzia. L'impressione che il bambino ottiene riguardo alla simpatia e all'attrazione, le impressioni date dai membri del sesso opposto nelle sue immediate vicinanze sono l'inizio dell'attrazione fisica. Quando un ragazzo ottiene queste impressioni dalla madre, dalle sorelle o dalle ragazze intorno a lui, la sua selezione di tipi fisicamente attraenti in età avanzata sarà influenzata dalla loro somiglianza con questi membri (Adler, 1958).

Guevara viene ricevuto all'aeroporto Rancho Boyeros de L'Habana il 14 marzo 1965 al suo ritorno un suo lungo tour internazionale. Nella foto da sinistra: Fidel Castro, Carlos Rafael Rodriguez, il presidente cubano Osvaldo Dorticos e Aleida March. Sono presenti, ma non visibili in questa fotografia, Raul Castro e la figlia di nove anni del Che, Hilda Guevara Gadea

Celia insegnò a Guevara come leggere e scrivere e come parlare francese. Fu essenzialmente la prima persona a insegnarglielo. Era una donna liberale e forte. Era conosciuta per la sua individualità di libero pensiero (Anderson, 1997). Questo tema chiaramente pervase la sua vita. Quando Guevara incontrò Hilda Gadea, che sarebbe diventata la sua prima moglie, assunse rapidamente il ruolo; si prese cura di lui, gli prestò libri e gli parlò senza sosta della psicoanalisi, dell'Unione Sovietica, della rivoluzione boliviana e degli eventi quotidiani in Guatemala (Hunt, 2008). Questa relazione non durò e poi incontrò e in seguito sposò Aleida March. La più giovane di sei figli, Aleida proveniva da una famiglia di emigrati spagnoli un tempo benestanti che avevano perso la loro ricchezza. Quando Aleida si era laureata, era diventata un membro attivo del Movimento clandestino 26 luglio. Alla fine divenne il principale collegamento per il Movimento e si guadagnò la reputazione di essere estremamente audace, contrabbandando armi e bombe in tutta la provincia sotto la sua gonna (Anderson, 1997). Venne descritta come una persona senza paura, completamente dedicata e molto seria. Date le loro convinzioni divergenti, formarono una coppia improbabile. Aleida proveniva dalla fazione all'interno della rivoluzione cubana più disprezzata da Guevara. Lei veniva dal llano, era anticomunista e conservava ancora alcuni dei pregiudizi sociali con cui era stata educata. Al contrario, Guevara era un comunista radicale, l'arcinemico della maggior parte dei di lei colleghi. Era comunque degna di rispetto, perché era innegabilmente coraggiosa, avendo dimostrato ripetutamente di saper affrontare la morte (Anderson, 1997).

Occupazione[modifica]

Che Guevara col braccio ferito, in missione diplomatica, 1961

Si può facilmente riconoscere lo stile di vita di una persona dal modo in cui gestisce il compito dell'occupazione. In contrasto con le persone che falliscono nella loro occupazione, ce ne sono altre che vivono solo per la loro professione e non fanno altro. Questi fanatici dell'occupazione hanno anche un atteggiamento sbagliato nei confronti della vita. Un'eccessiva enfasi sulla loro professione di solito significa una fuga dalla soluzione di altri problemi. Non avere tempo per altro è spesso il motivo addotto per evitare i compiti imposti dall'interesse sociale e dall'amore. Il successo professionale dà loro il riconoscimento desiderato nella loro lotta per la superiorità (Orgler, 1963).

Guevara letteralmente dedicò la propria vita al suo lavoro. Vedeva la lotta rivoluzionaria come il suo obiettivo di vita assoluto. Sebbene ci fosse un tentativo di risolvere l'altro compito esistenziale dell'amore e del matrimonio, quelli dell'occupazione e dell'interesse sociale sembrano essersi fusi, diventando uno e fondamentalmente l'unica forza trainante della sua vita. La conclusione è rafforzata dal fatto che aveva chiaramente fallito nel compito dell'amore e del matrimonio.

Uno sforzo esagerato per il riconoscimento è un ostacolo a grandi risultati. Adler (1958) ha inoltre spiegato che l'ambizione esagerata impedisce un risultato davvero grande in quanto produce troppa tensione mentale nelle persone e inibisce il pieno sviluppo delle loro capacità (Adler, 1958). Nel Capitolo 2 è stato descritto come, dopo la caduta del regime di Batista, Guevara iniziò gradualmente a impegnarsi nel consolidamento del nuovo governo cubano e nelle sue politiche. Venne sempre più coinvolto nella politica quotidiana (Hunt, 2008). Tuttavia, si stancò rapidamente di questo ruolo e iniziò a fare piani per essere coinvolto altrove nella lotta rivoluzionaria armata, che era la passione della sua vita (Hunt, 2008). Questo potrebbe essere visto come un voler evitare gli altri compiti della vita.

È chiaro da ciò che in Guevara rimaneva una forte pulsione ad essere attivamente coinvolto nella lotta rivoluzionaria. Tanto che lasciò Cuba e cercò di avviare rivoluzioni in altre parti del mondo (Anderson, 1997). Sappiamo che in quelle parti fallì, cercando di applicare ad altre lotte una teoria rivoluzionaria che era chiaramente errata (McCormick, 1998). Da ciò si può dedurre che, in primo luogo, l'effettivo successo della lotta sia stato secondario rispetto alla lotta stessa, il che ci porta a ritenere che l'importanza primaria fosse sul riconoscimento, forse la fama/infamia che ne derivò, o che vi fosse una qualche dinamica e validazione derivante dall'essere il poster child della rivoluzione. Abbiamo visto che anche prima della sua morte, Guevara divenne tale poster child (McCormick, 1998) e forse ne godette. Sapendo quello che sappiamo di suo padre, possiamo anche arrivare a dire che forse stava cercando disperatamente di essere l'antitesi dell'uomo per il quale ebbe poco rispetto.

In secondo luogo, possiamo dedurre che in queste lotte vi era un significato assoluto attribuito a un ruolo attivo, anziché passivo. Non era abbastanza per lui essere coinvolto nella gestione quotidiana del governo, anche se di successo. Aveva semplicemente bisogno di essere in campo, con la pistola in mano e la vita delle persone alla sua mercé. Era seguito, amato e riverito per le sue convinzioni e, in base alle sue azioni, sembrava che questo fosse più importante per lui di qualsiasi altra cosa. Forse questa è un'affermazione dura, ma la realtà della situazione è che indipendentemente dal contesto, dall'educazione, dalla cultura, dall'ordine di nascita e dall'atmosfera familiare, abbiamo il libero arbitrio e la mente in grado di prendere decisioni ogni giorno che riguardano non solo le nostre vite ma quelle delle persone intorno a noi. Nel caso di Guevara, queste sono le vite dei suoi figli, dei suoi genitori, dei suoi fratelli e di sua moglie. Quando usiamo l'approccio teleologico di Adler all'impegno umano, possiamo dire che Guevara era attratto dall'obiettivo di essere l'eroe, e per alcuni l'antieroe, ma fintantoché stava sul piedistallo, era contento.

« Personalmente ho notato qualcosa che non avevo mai sentito prima: il bisogno di vivere. Sarà meglio che venga corretto nella prossima occasione. »
(Guevara, citato da Anderson, 1997, p. 327)

Il succitato è un estratto dal diario di Guevara scritto nel giugno 1958, in risposta a una piccola vittoria sull'esercito di Batista ad Altos de Merino. Questa citazione conferma che Guevara era assolutamente disposto a dare la vita per quello che percepiva come il bene più grande. Sappiamo che la sua strategia non fu necessariamente di successo, essendo stata efficace solo nella rivoluzione cubana e da nessun'altra parte (McCormick, 1998), e ciò ci potrebbe far domandare quanto di tale sacrificio di vita per il bene più grande fosse per il bene più grande, e quanto servisse da escapismo.

Tipi psicologici[modifica]

Nel Capitolo 3 (Sezione 1.7) sono stati discussi i diversi tipi psicologici delineati da Adler. Guevara sembra essere una combinazione di due tipi, vale a dire il tipo dominante e il tipo socialmente utile. Secondo Adler (come citato in Boeree, 1997), i tipi dominanti sono caratterizzati da una tendenza a essere assertivi e talvolta aggressivi verso gli altri. La loro energia, la forza della loro lotta per il potere personale, è così grande che tendono a sopraffare qualsiasi cosa o chiunque si metta sulla loro strada. I più energici tra loro sono i bulli e i sadici; quelli un po' meno energici feriscono gli altri facendo del male a se stessi (autodistruttivi).

Se dovessimo applicare questo a Guevara, saremmo piuttosto duri, e credo che quel suo lato dominante sia temperato dall'altro lato, cioè quello socialmente utile. Le persone socialmente utili sono le persone sane, quelle che hanno sia interessi che energia sociali (Boeree, 1997). Il tipo socialmente utile sembra essere quello che, nella sua infanzia, è stato meno esposto al sentimento di inferiorità, che ha mostrato poche inferiorità organiche evidenti e che non è stato soggetto a forti irritazioni, così da potersi sviluppare indisturbato, imparare ad amare vita e di venire a patti con essa (Ansbacher & Ansbacher, 1956).

Sappiamo che Guevara fu in effetti esposto all'inferiorità d'organi (asma ecc., Hunt, 2008), e che compensò questo in certi modi. Quindi potremmo dire che, mentre egli si sviluppò indisturbato e fece una valutazione positiva della vita, esiste sicuramente un elemento del tipo dominante che informò il suo sviluppo della personalità e lo portò alla struttura della personalità descritta in questo Capitolo.

Riassunto del Capitolo[modifica]

In questo Capitolo la vita di Ernesto Guevara, come descritta nel Capitolo 2, è stata integrata con la teoria della Psicologia Individuale di Alfred Adler, come descritta nel Capitolo 3. Qui abbiamo esplorato come la teoria di Adler si colleghi alla vita di Guevara, rispetto allo sviluppo e struttura della personalità, alle dinamiche motivazionali, ambiente sociale, famiglia, compiti di vita e tipologie psicologiche. Questo Capitolo è servito per esplorare la vita di Guevara e metterla in parallelo con la teoria adleriana, esaminandone le aplicazioni.

CheLaCoubreMarch.jpg