Analisi chimica qualitativa/Interferenze

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Le sostanze interferenti sono quelle la cui presenza determina una diversa risposta della reazione analitica in esame.

Interferenze positive: danno lo stesso tipo di segnale della specie che si ricerca. Es.: Pb2+ dà interferenza positiva nella ricerca di Ba2+ come CrO42-
Interferenze negative: diminuiscono o sopprimono il segnale. Es.: F- dà interferenza negativa nella ricerca di Fe3+ con SCN-, nella ricerca di Al3+ con i normali reattivi, ecc.
Interferenze mascheranti: confondono il segnale atteso. Es.: Fe3+ dà interferenza mascherante nella ricerca di Co2+ con SCN-.

In alcuni casi l’azione degli interferenti può sfruttarsi a scopo analitico. Ad esempio, l’uso del CN- (interferenza negativa nella precipitazione del Cu2+ come solfuro) per determinare Cd2+ in presenza di Cu2+.

Proporzione limite[modifica]

Rapporto tra concentrazione della specie che si ricerca e concentrazione di interferenza, misurato quando la reazione diventa non più percettibile.

Quando il rapporto è maggiore di PL, la resa è ancora positiva. Se il rapporto è minore di PL, non si osserva risposta.

Interferenze.JPG