Luoghi comuni da sfatare/Scienza

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Ripa- Furor poético.jpg

CopertinaLuoghi comuni da sfatare/Copertina
Luoghi comuni da sfatare sulla botanica
  1. Botanica capitolo 1Luoghi comuni da sfatare/Botanica capitolo 1
  2. Botanica capitolo 2Luoghi comuni da sfatare/Botanica capitolo 2
  3. Botanica capitolo 3Luoghi comuni da sfatare/Botanica capitolo 3
Luoghi comuni da sfatare sugli animali
  1. Animali capitolo 1Luoghi comuni da sfatare/Animali capitolo 1
  2. Animali capitolo 2Luoghi comuni da sfatare/Animali capitolo 2
  3. Animali capitolo 3Luoghi comuni da sfatare/Animali capitolo 3
Luoghi comuni da sfatare su altri argomenti
  1. StoriaLuoghi comuni da sfatare/Storia
  2. Scienza‎Luoghi comuni da sfatare/Scienza‎
  3. Cibo e cucinaLuoghi comuni da sfatare/Cibo e cucina
  4. Altri argomenti capitolo 1Luoghi comuni da sfatare/Altri argomenti capitolo 1
  5. Altri argomenti capitolo 2Luoghi comuni da sfatare/Altri argomenti capitolo 2
  6. Altri argomenti capitolo 3Luoghi comuni da sfatare/Altri argomenti capitolo 3

Astronomia[modifica]

Un'immagine satellitare di una sezione della grande muraglia cinese, disposta diagonalmente dall'angolo inferiore sinistro a quello superiore destro (da non confondere col più visibile fiume diretto in senso opposto). La regione rappresentata è 12 × 12 km.
  • Si sostiene spesso che la grande muraglia cinese sia l'unico oggetto creato dall'uomo ad essere visibile dalla Luna. Questo assunto è falso. Nessuno degli astronauti dell'Apollo ha affermato di aver visto alcun oggetto di fattura umana dalla Luna, e persino gli astronauti che orbitano attorno alla Terra possono vederla a malapena, ma riescono a vedere senza difficoltà le luci cittadine sulla parte di Terra non esposta al sole.[1] Si crede che il luogo comune sia stato diffuso nell'epoca di Richard Halliburton, prima dell'atterraggio sulla Luna. All'astronauta Jay Apt si attribuisce la frase "...la grande muraglia è quasi invisibile da sole 180 miglia di altezza."[2]

Biologia[modifica]

  • Un comune errore circa i camaleonti è che cambierebbero il loro colore principalmente per camuffarsi. In realtà, cambiano colore per regolare la temperatura o come forma di comunicazione.[3] Alcune specie, come il Bradypodion taeniabronchum, usano il cambiamento di colore come una forma efficace di camuffamento.[4]
  • Si crede che i lemming comettano un suicidio di massa durante le migrazioni, gettandosi da un dirupo. Secondo la leggenda, lo farebbero per evitare che il numero di esemplari nel branco aumenti a dismisura. Tale diceria, che non ha alcun supporto scientifico, sembra derivare da un "documentario" del 1958 della Disney intitolato White Wilderness, che include varie scene, costruite ad arte, di lemming che sembrano buttarsi da un'alta scogliera [5]. Ancora antecedente è una storia, sempre della Disney e ideata da Carl Barks, intitolata in italiano Il lemming con il ciondolo e imperniata su questa diceria. Inoltre, durante gli anni 90, tale leggenda è stata alla base di un omonimo videogioco che ha dato nuova linfa a tale miscredenza. Nel videogioco, infatti, i Lemmings sono creature che, incapaci di distinguere ed evitare i pericoli, camminano verso una morte certa, mentre il giocatore ha il compito di salvarli.

Fisica[modifica]

  • Contrariamente al pensiero comune[6], l'effetto Coriolis non determina la direzione in cui ruota l'acqua in una vasca di drenaggio o di uno sciacquone. In generale, l'effetto Coriolis è significativo solo su grande scala, come ad esempio nei sistemi di previsioni del tempo o delle correnti oceaniche[7]. Inoltre, la maggior parte dei WC immette acqua nella tazza da un angolo, provocando una rotazione troppo veloce per essere significativamente interessata dall'effetto di Coriolis.[8]
  • L'idea che un fulmine non cada mai due volte nello stesso posto è una delle più diffuse miscredenze riguardo tali fenomeni atmosferici. Si arriva addirittura a pensare che, in caso di temporale in un luogo non riparato, collocarsi dove è già caduto un fulmine sia un metodo sicuro per evitare di essere colpiti. In realtà si tratta della cosiddetta fallacia dello scommettitore, che può essere spiegata con un puro calcolo probabilistico: una volta che un fulmine è caduto in un determinato punto, la probabilità che il successivo caschi in quello stesso punto rimane esattamente identica. Facendo una proporzione tra l'estensione del temporale e la grandezza dell'area colpita da un singolo fulmine, risulta la probabilità di prevedere il luogo di caduta di un fulmine rimane comunque estremamente bassa. Inoltre, tale teoria è confutata nel momento stesso in cui, nell'area interessata, sono presenti oggetti prominenti e conduttivi, come antenne o parafulmini. Per esempio l'Empire State Building di New York viene colpito da un fulmine circa 100 volte all'anno.
  • Negli atomi gli elettroni non si muovono su orbite ellittiche attorno al nucleo, come fanno i pianeti attorno ad una stella. La loro posizione è invece descritta attraverso gli orbitali atomici.

Chimica[modifica]

  • L'acqua pura non è un buon conduttore di elettricità.[9]. Tuttavia, in situazioni concrete come nella vasca da bagno, allagamenti o sotto la doccia l'acqua contiene delle impurità (elettroliti) che rendono l'acqua un buon conduttore.

Note[modifica]

  1. Space Station Astrophotography, NASA, 24 marzo 2003. URL consultato il 13 gennaio 2011.
  2. Great Walls of Liar, Snopes.com. URL consultato il 13 gennaio 2011.
  3. Rulon Clark, Chromatophores allow chameleons to change colors, in Ask a Scientist!, Cornell Center for Materials Research. URL consultato il 25 giugno 2011.
  4. Emma Young, Chameleons fine-tune camouflage to predator's vision, in New Scientist, 21 maggio 2008. URL consultato il 25 giugno 2011.
  5. http://www.snopes.com/disney/films/lemmings.htm
  6. Bad Coriolis, Ems.psu.edu, 16 ottobre 1996. URL consultato il 29 agosto 2009.
  7. Coriolis Force Effect on Drains, snopes.com. URL consultato il 23 giugno 2010.
  8. Which way will my bathtub drain, Usenet Physics FAQ. URL consultato il 7 agosto 2008.
  9. Hilary Ritt, Implementation of Dynamic Visualization in a Middle School Physical Science Classroom (DOC), people.virginia.edu.