Poesie (Palazzeschi)/Il passo delle Nazarene

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Il componimento presenta, come spesso avveniva nella raccolta precedente, delle figure femminili. Nella fattispecie sono delle suore descritte nella loro vita quotidiana.

Dati essenziali
Titolo Il passo delle Nazarene
Anno 1907
Raccolta originale Lanterna
Metro senari, novenari e misure maggiori, ritmo ternario come nella precedente raccolta. Uso generoso di rime, ma senza schema preciso

Rispetto alla raccolta precedente, la novità di questa poesia consiste nella moltitudine di figure che si muovono velocemente a destra e a sinistra. Ciò crea un effetto dinamico inedito per Palazzeschi anche se la scena al contempo conserva una sua natura statica: infatti, il movimento si ripete da cent’anni come quelle di Cavalli bianchi.

I motivi cristiani (chiesa, convento, preghiera ecc.) hanno perduto completamente il loro valore religioso; essi sono ormai parte di un paesaggio, di una composizione ottica che deve buona parte del suo effetto dal gioco cromatico sul bianco e nero. Lo svuotamento di contenuti della parola avvicina questa poesia a correnti letterarie come quella del crepuscolarismo e futurismo. Elementi importanti della composizione - di carattere prettamente speculare - sono:

  • i due conventi, che fanno da punto di partenza e di arrivo;
  • l'antitesi tra andare e venire nelle diverse direzioni;
  • l'antitesi tra le suore nere e le suore bianche.

La scena, seppure all'aperto, appare come incorniciata da una torre bianca ed una nera e dai rispettivi conventi.

Collegamenti esterni, testo[modifica]