Supercomputer/TX-0

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
  1. DefinizioneSupercomputer/Definizione
  2. StoriaSupercomputer/Storia
  3. Tassonomia di FlynnSupercomputer/Tassonomia di Flynn
  4. Calcolo paralleloSupercomputer/Calcolo parallelo
  5. HardwareSupercomputer/Hardware
  6. PipelineSupercomputer/Pipeline
  7. Processore vettorialeSupercomputer/Processore vettoriale
  8. CacheSupercomputer/Cache
  9. Uniform Memory AccessSupercomputer/Uniform Memory Access
  10. Non-Uniform Memory AccessSupercomputer/Non-Uniform Memory Access
  11. Raffreddamento a liquidiSupercomputer/Raffreddamento a liquidi
  12. RAIDSupercomputer/RAID
  13. SoftwareSupercomputer/Software
  14. Legge di AmdahlSupercomputer/Legge di Amdahl
  15. OccamSupercomputer/Occam
  16. MPISupercomputer/MPI
  17. PVMSupercomputer/PVM
  18. openMosixSupercomputer/openMosix
  19. Misura delle prestazioniSupercomputer/Misura delle prestazioni
  20. UtilizziSupercomputer/Utilizzi
  21. Elenco di computer: · Macchina AnaliticaSupercomputer/Macchina Analitica · ColumbiaSupercomputer/Columbia · ENIACSupercomputer/ENIAC · ILLIAC IVSupercomputer/ILLIAC IV · CDC 6600Supercomputer/CDC 6600 · CDC 7600Supercomputer/CDC 7600 · CDC CyberSupercomputer/CDC Cyber · CDC STAR-100Supercomputer/CDC STAR-100 · ETA10Supercomputer/ETA10 · TX-0Supercomputer/TX-0 · SAGESupercomputer/SAGE · Cray-1Supercomputer/Cray-1 · Cray-2Supercomputer/Cray-2 · Cray X-MPSupercomputer/Cray X-MP · IBM 7030Supercomputer/IBM 7030 · Zuse Z1Supercomputer/Zuse Z1 · Zuse Z2Supercomputer/Zuse Z2 · Zuse Z3Supercomputer/Zuse Z3 Elenco attuale dei 500 computer più potenti al mondo - TOP500Supercomputer/Elenco attuale dei 500 computer più potenti al mondo - TOP500

Il TX-0 (acronimo di Transistorized eXperimental computer ZERO spesso chiamato tixo) era un supercomputer totalmente a transistor con una memoria di sistema della notevole capacità (per i tempi) di 64.000 parole di 18 bit. Il TX-0 venne attivato nel 1956 e rimase operativo per tutti gli anni 60. Tra il 1956 e il 1958 fu il più veloce supercomputer del pianeta fino a quando fu superato dal sistema SAGE.

Sviluppato dai Lincoln Laboratory del Massachusetts Institute of Technology utilizzava largamente i transistor e era in effetti il primo esperimento su vasta scala di un computer basato su transistor con una tale memoria di sistema. Il sistema in effetti era una versione a transistor del computer Whirlwind, un altro progetto dei Lincoln Labs. Ma mentre il Whirlwind riempiva il paino di un edificio il TX-0 occupava una singola stanza ed era veloce. Come il Whirlwind il TX-0 era equipaggiato con uno schermo inserito in un contenitore da oscilloscopio di 12 pollici. L'uscita era uno schermo di 512 x 512 pixel in uno schermo di 7 x 7 pollici.

Il TX-0 non è stato progettato per essere utilizzato come sistema a se stante. La macchina disponeva di una memoria di 64.000 parole e quindi utilizzava un indirizzamento a 16 bit ma per ridurre i costi si decise di utilizzare parole di soli 18 bit. Venivano utilizzati solo 2 bit per le istruzioni infatti la macchina disponeva solo di quattro istruzioni. Queste istruzioni consentivano di memorizzare un dato, sommare dei dati e effettuare un salto. La quarta istruzione consentiva di accedere a una seconda serie di istruzioni che potevano essere utilizzate singolarmente o collegate. Queste istruzioni addizionali richiedevano ulteriori 10 microsecondi per essere eseguite.

Con il termine del TX-0 i lavori del laboratorio si concentrarono sul progetto TX-1. Tuttavia il progetto dovette affrontare molte difficoltà per via della complessità e in seguito venne riconvertito ad un progetto più modesto il TX-2 del 1958. Il nucleo della memoria per il tempo era molto grande e buona parte deriva da quello del TX-0 che fu cannibalizzato per realizzare il TX-2. In seguito il TX-0 non è stato considerato molto interessante e prestato semipermanententemente al laboratori di elettronica del MIT dal giugno del 1958 dove è diventato il centro di quello che in seguito è diventato il MIT Artificial Intelligence Lab.

Trasportato al dal lincoln Labs con solo 4 K di memoria il computer non era più costretto a utilizzare 16 bit per indirizzare la memoria e in seguito si espanse il numero di istruzioni portandole da 4 a 16 e un registro indice venne aggiunto. Questo rese la programmazione della macchina molto più semplice ma consentiva l'espansione della memoria a 8 K. L'espansione della memoria consenti lo sviluppo di mote grandi innovazioni dell'informatica come il riconoscimento della voce, il riconoscimento della scrittura e vennero sviluppati molti progetti come programmi di scrittura e debugger.