Wikijunior Il sistema solare/Terra

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

La Terra[modifica]

La Terra, il nostro pianeta, detto anche "pianeta blu" a causa del colore che si vede dallo spazio, è l'unico tra quelli finora conosciuti che permette la vita di milioni di milioni di specie di esseri viventi. Ovviamente, gli scienziati pensano che non sia l'unico in tutto l'universo, ma come è possibile tutto ciò?

La Terra si trova nel nostro Sistema Solare; fa parte dei pianeti interni (Mercurio, Venere, Terra, Marte), formati da rocce e metalli, detti anche pianeti terrestri, appunto, ed è il più grande tra questi. Essa è in una particolare posizione, quasi al centro e in questo modo non fa né troppo caldo né troppo freddo, come invece accade agli altri pianeti. Sulla sua superficie si può trovare l'acqua in tutti e tre gli stati (solido, liquido, gassoso), e in prevalenza allo stato liquido, circa il 70% (gli oceani), su cui emergono piccole terre su cui noi umani viviamo. Inoltre, la Terra è rivestita dall'atmosfera, principalmente fatta da azoto ed ossigeno, che ci protegge, alleviando i raggi del Sole. Un po' come l'azione della crema solare sulla nostra pelle, l'atmosfera ci evita "scottature" e ci crea un clima perfetto.

L'inizio di tutto[modifica]

La Terra che conosciamo noi oggi è molto diversa da come era in origine! Infatti, tutti i pianeti erano un po' diversi, e hanno subito varie trasformazioni. Gli scienziati pensano che tutto abbia avuto inizio circa 4,5 miliardi di anni fa, con il famoso "Big Bang", un'enorme esplosione di energia che creò le galassie, le stelle, i pianeti... Insomma, tutto l'universo! Originariamente la nostra amata Terra era un po' più piccola rispetto alle dimensioni attuali, ed era un palla incandescente che eruttava continuamente lava ed era soggetta a costanti "bombardamenti" di meteoriti! Non c'era ancora la vita, che arriverà molto più tardi. Insomma, era invivibile! "Ma da dove arrivò l'acqua?". Si pensa che l'acqua che ora forma gli oceani e i due poli, sia arrivata grazie ad alcuni meteoriti che la contenevano allo stato solido, insieme a tutti i minerali e i metalli come l'oro e l'argento. Dopo diversi milioni di anni di continue eruttazioni, che contribuirono alla formazione dell'atmosfera, rendendola ricca di idrogeno, e "bombardamenti" di meteoriti, la Terra si raffreddò. Intanto la Luna ancora non c'era ma arriverà molto presto! Infatti, probabilmente essa si formò circa 50 milioni di anni dopo il "Big Bang". Gli scienziati pensano che essa si sia formata grazie allo scontro tra la nostra giovane Terra e un altro prototipo di pianeta, conosciuto come Theia, grande più o meno come Marte. Dopo questo scontro, alcuni pezzi dei due pianeti andarono ad unirsi alla Terra, a causa della gravità che essa esercita, mentre altri si accumularono tra loro, dando vita ad una massa più piccola rispetto alla Terra, formata da roccia e che, per la forza di gravità, iniziò a girare attorno, appunto, al nostra giovane pianeta.

L'asse terrestre[modifica]

La Terra è un geoide, cioè un palla leggermente schiacciata ai poli. Essa ha un immaginario asse, che la attraversa dal Polo Sud al Polo Nord. L'asse terrestre è una sottile linea immaginaria, come l'Equatore. Ma attenzione! Questo asse non è perfettamente dritto, anzi, è posizionato leggermente in diagonale.

I movimenti della Terra[modifica]

Come sappiamo, la Terra non sta ferma, ma compie due giri: il movimento di rotazione e il movimento di rivoluzione.

Il movimento di rotazione[modifica]

Il movimento di rotazione è il giro completo che la Terra compie girando su se stessa, ruotando attorno al suo immaginario asse. Il giorno è l'insieme di tutte le ore che ci impiega, cioè 24 ore. Questo movimento determina l'alternarsi del dì e della notte. Quando una porzione della Terra è illuminata, si ha il dì; quando, dopo il suo giro e cambiando posizione, la facciata non è più illuminata, si ha la notte.