Cronologia delle invenzioni/XVIII secolo

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
(dal 1701 al 1800)
CopertinaCronologia delle invenzioni/Copertina

In ordine alfabetico:

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z

Invenzione Anno Inventore Caratteristiche dell'invenzione
1745
von Kleist, Ewald Jürgen GeorgEwald Jürgen Georg von Kleist
L'invenzione della bottiglia di Leida viene generalmente attribuita al fisico olandese Pieter van Musschenbroek, che la presentò alla comunità scientifica internazionale nel 1746, battezzandola con il nome della propria città natale, Leida, sede dell'università presso la quale egli ricopriva la cattedra di professore. È tuttavia appurato che Ewald Jürgen Georg von Kleist, un ex studente della stessa università di Leida di origini prussiane, aveva costruito la bottiglia indipendentemente già nell'anno precedente.
1782 Nel suo primo volo, il 14 dicembre del 1782, la spinta di sollevamento fu così forte che essi ne persero il controllo. Stanti questi successi, i fratelli Montgolfier decisero di svolgere una dimostrazione pubblica del funzionamento dell'aerostato ad aria calda, e stabilire così la paternità dell'invenzione. Realizzarono quindi un apparecchio a forma di pallone sferico , realizzato con tela di sacco e tre strati interni di carta sottile. Il 4 giugno del 1783 (alcune fonti erroneamente indicano la data del 5 giugno) l'aerostato fu fatto volare nella prima dimostrazione pubblica ad Annonay, di fronte a un gruppo di notabili degli "etats particulars". Il volo coprì circa 2km, durò 10 minuti e raggiunse l'altitudine stimata di 1.600-2.000 metri.
1799
Volta, Alessandro
La pila voltaica (pila di Volta) fu il primo generatore statico di energia elettrica mai realizzato. Inventata da Alessandro Volta intorno al 1800, essa costituisce il prototipo della batteria elettrica moderna. L'invenzione venne annunciata in una lettera rivolta a Joseph Banks, presidente della Royal Society di Londra, datata 20 marzo 1800, in cui lo stesso Volta ne dà anche la prima descrizione.