Norvegese/Pronuncia

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro

La pronuncia norvegese, come quella di molte lingue dello stesso ceppo, conserva alcune caratteristiche arcaiche. In norvegese esistono dei suoni che non sempre corrispondono a quelli delle lettere dell'alfabeto italiano. Ad esempio, la lettera C, che qui in Italia si pronuncia come una C dolce, in Norvegia è interpretata come [se]. Altre caratteristiche della lingua norvegese sono riportate di seguito.

  • La "D" non si pronuncia se posta dopo la "N". Ad esempio "et land" si pronuncia [et lan'].
  • "Kj", "ki" e "ki" vengono pronunciate [ç] (come nella parola tedesca "ich")
  • "Skj", "sj" e "sk+i/y/ø/øy" si pronunciano con la alveopalatale fricativa come nella parola italiana "*sci*enza".
  • "Ng" è pronunciata con la velare nasale che non prevede il suono accentuato della [g].
  • Inoltre la "g" è muta quando è succeduta dalla "j" (es.: gjerne ['jèяnə]).
  • Le vocali a volte possono avere un suono lungo, come ad esempio in pike (ragazza), che in teoria si pronuncerebbe [piike]. Per indicare la pronuncia raddoppiata della vocale, la parola pike si scriverà [pi . ke]. La vocale norvegese è solitamente breve davanti a due consonanti, però davanti ai digrammi rl, rn, rs, rd e rt diventa lunga, e di conseguenza la r è semimuta.
  • L'accento cade in linea di massima sulla prima sillaba; sulla seconda generalmente cade nelle parole che iniziano con i prefissi be- e for-: betaling (pagamento) è pronunciato [be'taling], forklare (spiegare) è pronunciato [for'klare]. L'accento cade sull'ultima sillaba nella maggior parte dei vocaboli di importazione straniera: student (studente) si pronuncia [stü'dent]. Nel caso di parole composte, vi sono più accenti tonici: innførselstoll (dazio) si pronuncia [inn'försels'toll].