Bivona/Diga Castello

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Bivona
Sommario
Categoria · Copertina · Bibliografia · Sviluppo · modifica il template
il paese | la storia | i monumenti | il Ducato | il circondario storico | le chiese
la Santuzza | le personalità legate alla città | lo Stemma Comunale | i Sindaci
il Castello | i monti | la Diga Castello | la stazione meteo
il dialetto | la vita religiosa | la comunità ebraica | la località: Santa Filomena | le tradizioni


La Diga Castello (o Lago di Magazzolo) è un bacino artificiale della Sicilia. Si trova nei territori dei comuni di Bivona ed Alessandria della Rocca, in provincia di Agrigento, nell'area dei monti Sicani.

Descrizione[modifica]

La Diga Castello

L'Ente Sviluppo Agricolo della Regione Sicilia avviò il progetto per la realizzazione della Diga Castello nella seconda metà degli anni sessanta, ma i lavori, compiuti dalla società Antares srl[1], cominciarono nel 1976 e terminarono nel 1985.

Essa è oggi uno degli invasi più grandi della Sicilia occidentale. Le sue acque sono impiegate per uso civile in favore di un consorzio di comuni della provincia di Agrigento[2] che a tale scopo impiega l'impianto di potabilizzazione di Santo Stefano Quisquina. Inoltre, specialmente nei mesi estivi, le acque dell'invaso servono le esigenze irrigue dei terreni situati nelle valli dei fiumi Verdura, Magazzolo e Platani.

Dal 2009 è in esercizio un impianto di sollevamento che assicura il collegamento idrico Sosio-Verdura-Diga Castello, che assicura una portata di 400 litri al secondo.

Note[modifica]

  1. Antares S.r.l..
  2. Comuni consorziati con il "Voltano S.p.A.": Agrigento, Porto Empedocle, Favara, Raffadali, Comitini, Aragona, San Biagio Platani, Sant'Angelo Muxaro, Sant'Elisabetta e Joppolo Giancaxio.