Israele – La scelta di un popolo/Appendice 4

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Statua di Yehuda Ha-Levi a Caesarea, Israele
Frontespizio dell'edizione in ebraico del Kuzari (Varsavia, 1880) – in PDF sfogliabile

Ha-Levi e il Kuzari[modifica]

Di recente, lo studioso israeliano Yohanan Silman ha affermato che le ultime sezioni del Kuzari, quelle che sembrano essere più filosofiche, furono scritte prima delle sezioni precedenti, quelle che sembrano essere più teologiche. Seguire questa tesi, quindi, richiederebbe di interpretare le sezioni precedenti in modo più letterale e le sezioni successive in modo più figurato per spiegare la posizione finale di Yehuda Ha-Levi. Si veda Bein Filosoph Le-Mavi: Hitpat’hut Haguto Shel Rabbi Tehudah Halevi Be-Sefer Ha-Kuzari (Ramat-Gan, 1985), 134 segg.; 239, segg. Se dovessi seguire Silman, ciò richiederebbe il mio approccio al testo di Kuzari non come un'opera di pensiero integrale e, quindi, non sarei in grado di trarre alcune delle conclusioni che ho tratto nella rispettiva sezione del mio studio.

Come tutti i tentativi di isolamento delle diverse fonti (Quellenscheidung) in un'opera accolta dai posteri come un classico unitario, tale tentativo presuppone che si possa tornare a una lettura "originale" del testo. Tuttavia, il metodo è discutibile. In primo luogo, le conclusioni tratte per mezzo di questo metodo (che si è affermato nel diciannovesimo secolo da studiosi che sono stati influenzati dall'"alto criticismo" della Bibbia) sono sempre provvisorie. In secondo luogo, sembra presumere che il redattore finale di un'opera letteraria tratta da fonti composite (per non parlare del fatto che il redattore sia anche lo stesso autore di tali fonti) avrebbe potuto fare un lavoro migliore nel rielaborare queste fonti in modo da evitare contraddizioni specifiche e incongruenze più generali. In terzo luogo, non tratta del fatto che quando i testi vengono letti nel contesto di una tradizione continua, soprattutto religiosa, la Tendenz della tradizione è sempre più sintetica che analitica. Quest'ultima è in definitiva a favore della prima (che lascia ancora un ampio raggio di azione per le ricerche storico-critiche all'interno di una tradizione religiosa – pace vari fondamentalismi). In altre parole, ciò che avrebbe potuto benissimo essere in origine frammentario viene successivamente preso dai posteri come unitario. Nel caso di Yehuda Ha-Levi, o di qualsiasi altro teologo il cui pensiero è entrato a far parte della tradizione dell'ebraismo, quel pensiero deve essere considerato sistematico (sheetati) con apparenti contraddizioni interiori interpretate e reinterpretate in nome dell'ordine unitario. Questo è il senso in cui leggo Ha-Levi (o Maimonide, ecc.). E poiché lo leggo nel contesto di una tradizione più ampia con cui mi identifico, la mia critica nei suoi confronti è più sintetica che analitica, cioè io critico (con grande rispetto) punti che non sembrano rientrare nella più ampia Tendenz della tradizione piuttosto che punti che sembrano suggerire le sue proprie (di Ha-Levi) incongruenze interne.

Altri progetti e collegamenti[modifica]

Searchtool.svg Per approfondire, vedi Serie misticismo ebraico.