Pragelatese

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Introduzione[modifica]

Il pragelatese è una lingua neolatina occidentale appartenente alla famiglia delle lingue occitane parlata in alta val Chisone nei Comuni di Pragelato e Sestriere. Rispetto alle altre varianti occitane delle valli pinerolesi, presenta notevoli influenze dalle varianti della val Susa e del francese, per questo motivo, per esempio, i parlanti delle confinanti bassa val Chisone e val Germanasca hanno difficoltà di comprensione.

Essendo espressione di una cultura alpina prevalentemente orale ed essendoci stati pochi autori di opere scritte, non si può identificare una grafia di riferimento. Le opere scritte in pragelatese sono basate su grafie principalmente derivate da quella concordata (Escolo dou Po), ma date le particolarità fonetiche di questa variante è stato sempre necessario rimaneggiarla.

Nonostante il pragelatese sia riconducibile ad un territorio di dimensioni abbastanza ridotte, si possono identificare alcune sottovarianti al suo interno. Sono rimaste poche informazioni sul pragelatese della val Troncea perché è stata la prima area della zona a subire spopolamento, nelle borgate più a monte (Sestriere borgata e Grand Puy, per esempio) si trovano suoni in generale più chiusi e alcuni dittonghi si trasformano in suoni vocalici più brevi e più chiusi, nelle borgate poste sul fondovalle la parlata si ha una maggior affinità con le varianti delle comunità più a valle.

Il pragelatese è una variante estremamente interessante perché è una variante di occitano anomala perché notevolmente influenzata dal francese e dal francoprovenzale, dato che il suo territorio di riferimento è alla parte più alta della val Chisone, ai confini della val Susa e delle valli francesi del Brianzonese. Il numero di parlanti è in costante diminuzione, dato che le lingue diffuse nel comune di Pragelato attualmente sono l'italiano, il piemontese, il rumeno e il francese, con una popolazione di parlanti pragelatesi attivi molto anziana. Una discreta comunità di pragelatesi emigrati a Pinerolo rappresenta la seconda maggior comunità dopo quella di Pragelato.