Cinese/Cinese parlato

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

I sette gruppi principali sono:

5 - 7 suddivisioni, tutte reciprocamente incomprensibili).

I linguisti che distinguono dieci anziché sette gruppi importanti allora separerebbero il Jin dal mandarino, il Pinghua dal cantonese e lo Hui dal Wu. Ci sono inoltre molti più piccoli gruppi che ancora non sono classificati, come: il Dialetto di Danzhou, parlato a Danzhou, sull'isola di Hainan; lo Xianghua 乡话 (da non confondere con Xiang 湘, parlato a occidente nell'Hunan; e lo Shaozhou Tuhua, parlato a nord nel Guangdong. (Vedi la lista dei dialetti cinesi per un elenco completo di diversi dialetti all'interno di questi grandi, vasti raggruppamenti). C'è inoltre il Mandarino standard, ufficialmente usato dalla Repubblica popolare cinese, Repubblica di Cina (Taiwan), e Singapore. Il mandarino standard è basato sul Dialetto di Pechino, ovvero il mandarino come è parlato a Pechino, e il governo cerca di imporlo a tutta la nazione come linguaggio nella comunicazione. Quindi è usato dal governo, dai mezzi di comunicazione e nell'istruzione nelle scuole, eppure non è la lingua parlata dalla gente.

C' è polemica intorno alla terminologia usata per descrivere le suddivisioni del cinese, con chi preferisce denominare il cinese una lingua e le relative suddivisioni dialetti, ed altri che preferiscono denominare il cinese famiglia di lingue e le relative suddivisioni linguaggi. Ciò anima più di un dibattito. D'altra parte, anche se la lingua di Dungan è collegata strettamente al mandarino, non molta gente lo considera "cinese", perché è scritto in cirillico ed è parlato vicino Dungan, all'esterno della Cina, da persone non considerate affatto cinesi.

È comune per chi parla cinese poter parlare parecchie variazioni della lingua. Tipicamente, nella Cina meridionale, una persona potrà parlare col funzionario il mandarino standard, il dialetto locale ed occasionalmente un altro dialetto regionale, come il Cantonese. Tali poliglotti vogliono frequentemente giocare fra il mandarino standard ed il dialetto locale, secondo la situazione. A volte, i vari dialetti sono mescolati da altri, secondo l'influenza geografica. Una persona che vive dentro Taiwan, per esempio, mescolerà comunemente le pronunce, le frasi e le parole da mandarino standard e Taiwanese e questa miscela è considerata socialmente adatta a molte circostanze.

Il cinese è una lingua o una famiglia di lingue?[modifica]

Il cinese parlato contiene molte varianti regionali e spesso è incomprensibile. In Occidente, molta gente è a conoscenza del fatto che le lingue romanze derivano dal Latino, e ciò offre aspetti comuni da un lato mentre sono reciprocamente incomprese dall'altro. Lo sviluppo linguistico del cinese è simile, mentre il contesto sociopolitico è abbastanza differente. In Europa, la frammentazione politica ha generato stati indipendenti che sono approssimativamente grandi come le province cinesi. Ciò ha generato un desiderio politico di generare modelli culturali e letterari separati fra le nazioni e standardizzare la lingua all'interno di ogni nazione. In Cina, un campione culturale e letterario unico (cinese classico e successivamente, il cinese vernacolare) hanno continuato ad esistere mentre allo stesso tempo la lingua parlata fra le città e le contee differenti ha continuato a divergere, un po' come in Europa, come il risultato delle dimensioni del paese, della mancanza di comunicazione, delle montagne e della geografia. Come esempio, la Cina del sud montagnosa mostra diversità linguistica più accentuata della Cina pianeggiante del nord. C'è persino un detto in cinese, 南船北馬 (Pinyin: nán chuán bei ma), "le barche nel sud e i cavalli nel nord". Le pianure della Cina del Nord permettono di attraversare con facilità usando un cavallo, ma la vegetazione densa e le montagne ed i fiumi numerosi del sud hanno impedito lunghi viaggi. Nella Cina meridionale, il mezzo di trasporto più efficiente era la barca. Per esempio, Wuzhou è una città da che dista circa 120 miglia a N da Guangzhou, capitale del Guangdong della provincia nel sud. D'altra parte, Taishan è soltanto 60 miglia a sud-ovest di Guangzhou, ma parecchi fiumi devono essere attraversati per arrivarci.

A causa di questo, il dialetto parlato in Taishan, rispetto al dialetto parlato in Wuzhou, è molto diverso dal cantonese standard parlato in Guangzhou (Ramsey, 1987). Questa diversità nelle forme e nella comunanza parlate nella forma scritta ha generato un contesto linguistico che è molto differente da quello europeo. Per esempio, in Europa, la lingua di una nazione è stata standardizzata solitamente per essere simile a quella della capitale, rendendo facile, per esempio, classificare una lingua come francese o spagnola. Ciò ha avuto l'effetto di affinare le differenze linguistiche. Un coltivatore da un lato di un confine modella il suo discorso in un modo mentre un coltivatore dall'altro lato in un altro. Inoltre, la lingua scritta viene modellata su quella della capitale e l'uso del discorso locale o delle miscele di discorso locale sarebbe considerato inferiore alla media ed errato. In Cina, questa normalizzazione non è accaduta.

Più vicina alla situazione della Cina è quella dell'India. Benché l'India non sia stata storicamente unificata come la Cina, parte delle lingue multiple, parlate da molto tempo, sono state unite in vari stati e molte - vedi la lista delle lingue indiane- fino alle ultime decadi non sono state standardizzate dalla politica. Il Sanscrito ha svolto un ruolo di lingua scritta comune per secoli. In India, tuttavia, la condizione delle lingue differenti discendenti del Sanscrito come lingue separate non è in questione; 18 sono le lingue ufficiali.

Pochi linguisti sosterrebbero seriamente che cantonese e mandarino siano la stessa lingua nel senso del termine, ma per la classificazione popolare di una varietà di discorso come una lingua o un dialetto, le considerazioni linguistiche non sono spesso importanti quanto quelle culturali o nazionalistiche. Nella auto-descrizione, i cinesi considerano il cinese come una singola lingua, in parte a causa della lingua scritta comune. Per descrivere i dialetti, la gente cinese usa tipicamente il dialetto del posto , per esempio "dialetto di Pechino" (北京話/北京话) per il modo di parlare di Beijing o "dialetto di Shang-Hai" (上海話/上海话) per il modo di parlare di Shang-Hai. Spesso non c'è neppure alcuna consapevolezza fra la gente che questi vari "dialetti" sono categorizzati in "lingue" basate su chiarezza reciproca, comunque nelle zone di grande diversità (quale il sud-est) si pensa ai dialetti come raggruppati nelle categorie Wu, Hakka. Così anche se in molte zone della Cina del nord sono abbastanza omogenee, nelle zone della Cina del sud, le città importanti possono avere dialetti che sono soltanto marginalmente comprensibili persino ai più vicini, c'è la tendenza a considerare tutti questi come variazioni di una unica lingua cinese. Nel concetto di lingua cinese in sé, le divisioni fra i "dialetti" differenti sono principalmente geografiche piuttosto che basate sulla distanza linguistica. Per esempio, il dialetto di Sichuan è considerato come distinto dal dialetto di Pechino come il cantonese, malgrado il fatto che linguisticamente sia il dialetto di Sichuan che il dialetto di Pechino siano entrambi dialetti del mandarino per i linguisti ma non per i cantonesi.

A causa di questa percezione di unicità della lingua cinese dalla maggior parte di coloro che la parlano, alcuni linguisti rispettano questa terminologia ed usano la parola "lingua" per il cinese e "dialetto" per il cantonese, ma i più seguono il requisito di chiarezza e considerano il cinese essere un gruppo di lingue, poiché queste lingue appaiono reciprocamente incomprensibili e mostrano una variazione paragonabile alle lingue romanze. Poiché molte zone sono rimaste linguisticamente varie a lungo, non è sempre chiaro se il parlato di una regione particolare della Cina dovrebbe essere considerato di diritto una lingua o un dialetto di un'altra lingua e molte delle lingue non hanno confini precisi fra loro. Ethnologue ne elenca quattordici, ma il numero varia fra sette e diciassette secondo quanto è rigoroso il criterio di chiarezza. La distinzione fra una singola lingua e una famiglia di lingue ha tratti politici importanti e la quantità di emozione messa in questa edizione risulta dalle implicazioni politiche. Per qualcuno, descrivere il cinese come lingue differenti implica che la Cina dovrebbe realmente essere considerata un insieme di nazioni e sfida la nozione dell'unica razza cinese Han. Qualche cinese trova scomoda l'idea che il cinese non sia una sola lingua, poiché questa percezione potrebe alimentare secessionismi. I sostenitori dell'indipendenza taiwanese si sono fatti promotori di una formazione con lingua Hakka. Per altri descrivere il cinese come lingua multipla porta alla nozione che singola lingua cinese e implicitamente un solo stato cinese è antica, oppressiva, artificiale e fuor di realtà.

Tuttavia, i collegamenti fra origine etnica, politica e lingua possono essere complessi. Per esempio, molti Wu, Min, Hakka e cantonesi considerano le loro lingue come lingue parlate separate e la razza cinese di Han come una singola entità, senza considerare queste due posizioni come contraddittorie; invece considerano la razza di Han come un'entità caratterizzata da un'enorme diversità interna. Inoltre, il governo della Repubblica popolare cinese dichiara ufficialmente che la Cina è una nazione multietnica e che il termine stesso "cinese" si riferisce ad un più vasto concetto chiamato Zhonghua minzu comprendente gruppi che non parlano affatto cinese, come Tibetani, Uighur e Mongoli (quelli che parlano cinese e sono considerati "cinesi" dal punto di vista dello straniero sono denominati "cinesi di Han" — questo è visto come concetto etnico e culturale, non politico). Similmente, in Taiwan si possono trovare i sostenitori dell'unificazione cinese, interessati a promuovere la lingua locale, e i sostenitori dell'indipendenza di Taiwan che hanno poco interesse all'argomento. E, in analogia all'idea cinese del Zhonghua minzu, l'identità Taiwanese incorpora aborigeni di Taiwan, per niente considerati cinesi di Han perché parlano lingue austronesiane, perché migrati prima dei cinesi di Han a Taiwan e perché geneticamente e culturalmente collegati agli Austronesiani della Polinesia.