Cinese/Storia

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

La maggior parte dei linguisti classifica tutte le variazioni del cinese come parti della famiglia Sino-Tibetana e crede che ci sia stata una lingua originale, denominata Proto-Sino-Tibetano, simile al Proto indoeuropeo, da cui si sono avute le lingue di Tibeto-Burman e il Sinitico. I rapporti fra il cinese e le altre lingue del Sino-Tibetano sono ancora poco chiari e rappresentano ancora una zona di ricerca attiva, come il tentativo di ricostruire il proto-Sino-Tibetano. La difficoltà principale in questo sforzo è che, mentre c'è una documentazione molto buona che permette di ricostruire i suoni antichi del cinese, non c'è documentazione scritta riguardo alla divisione fra proto-Sino-Tibetano e cinese. In più, molte delle lingue che permetterebbero di ritrovare il proto-Sino-Tibetano sono documentate o comprese male. La categorizzazione dello sviluppo del cinese è un argomento di dibattito. Uno dei primi sistemi è stato inventato dal linguista svedese Bernhard Karlgren; ciò che segue è una revisione moderna del suo sistema.

Il Cinese Antico (上古漢語), a volte conosciuto come "cinese arcaico", la lingua comune durante prima e media Dinastia Zhou (XI - VII secolo a.C.), i cui testi includono iscrizioni su manufatti bronzei, la poesia Shijing, la storia del Shujing , e parti del Yijing e I Ching. I lavori sulla ricostruzione del cinese antico iniziarono con i filologi della Dinastia Qing. Gli elementi fonetici trovati nella maggior parte dei caratteri cinesi inoltre forniscono i suggerimenti alle loro antiche pronunce. Il cinese antico non era interamente privo di flessione verbale. Ha posseduto un sistema di suoni ricco in cui aspirazione o la respirazione hanno differenziato le consonanti.

Il Cinese del periodo medio (中古漢語) era la lingua usata sotto la Dinastia Sui, la Dinastia Tang e la Dinastia Song (VII-X secolo d.C.). Può essere diviso in un primo periodo, a cui si riferisce il dizionario 切韻 (D.C. 601) Qieyun ed un periodo tardo nel X secolo, che il dizionario Guangyun 廣韻 ci mostra benissimo. Bernhard Karlgren denomina questa fase "cinese antico". I linguisti sono sicuri nell'avere una buona ricostruzione di come il cinese medievale suonasse. La prova per la pronuncia viene da parecchie fonti: moderne variazioni dialettali, dizionari e trascrizioni straniere. Proprio come il Proto-Indo-Europeo poté essere ricostruito dalle lingue indoeuropee moderne, così il cinese medievale è ricostruito dai dialetti moderni. In più, i filologi cinesi antichi hanno dedicato una quantità grande di sforzo nella ricapitolazione del sistema fonetico cinese con "tabelle di rime" e queste tabelle servono da base per il lavoro dei linguisti moderni. Per concludere, le traduzioni fonetiche cinesi delle parole straniere inoltre forniscono l'abbondanza degli indizi circa la natura sulla fonetica del cinese medievale. Tuttavia, tutta la ricostruzione è sperimentale; gli eruditi hanno indicato, per esempio, che provare a ricostruire cantonese moderno dalle rime del moderno Cantopop darebbe un'immagine molto inesatta della lingua.

Lo sviluppo delle lingue cinesi parlate dai primi periodi storici al presente è stato complesso. L'albero linguistico indicato qui mostra come le divisioni principali attuali della lingua cinese si siano sviluppate da un linguaggio comune iniziale. Il confronto con la mappa qui sopra darà una certa idea delle complessità che sono rimaste fuori. Per esempio, la lingua Min che è concentrata nella provincia di Fujian contiene cinque suddivisioni ed il cosiddetto linguaggio nordico Bei yu (che è denominato Mandarino), inoltre contiene le suddivisioni chiamate, quali il Yunnan hua ed il Sichuan hua.

Chinese language tree

Molti Cinesi che vivono nel nord della Cina, nel Sichuan e in un vasto arco dal nordest (Manchuria) al sud-ovest (Yunnan), usano vari dialetti del mandarino come loro lingua (vedere le tre regioni colorate gialle e marroni nella cartina sopra). La prevalenza del mandarino nella Cina del nord è in gran parte il risultato della geografia, vale a dire le pianure della Cina del nord. Al contrario, le montagne ed i fiumi della Cina del sud hanno promosso la diversità linguistica. La presenza del mandarino in Sichuan è in gran parte dovuto ad una peste del XII secolo. Questa peste, che può essere collegata con la morte nera, spopolò la zona, portando a stanziamenti successivi nella Cina del nord. Fino al XX secolo, i cinesi residenti nella Cina del sud non hanno mai parlato mandarino. Tuttavia, malgrado la miscela di funzionari che parlano i vari dialetti cinesi, il mandarino di Nanjing è diventato dominante non prima dell'impero di Qing, che rese il Manchu la lingua ufficiale.

Dal XVII secolo, l'impero aveva installato Accademie (正音書院 Zhengyin Shuyuan) nel tentativo di conformare la pronuncia al modello di Pechino (Pechino era capitale di Qing), ma questi tentativi ebbero poco successo. Il mandarino di Nanjing infine è stato sostituito nella corte imperiale con il mandarino di Pechino durante gli ultimi 50 anni della dinastia Qing, verso la fine del XIX secolo. Per la popolazione in genere, anche se le variazioni del mandarino erano già ampiamente parlate in Cina, non c'era uno standard della lingua mandarina.I 'non-Mandarini' della Cina del sud inoltre hanno continuato a parlare i loro dialetti regionali nella loro vita quotidiana.La nuova corte mandarina di Beijing è stata limitata.

Questa situazione è cambiata con la creazione (sia nella PRC che nella ROC) di un sistema educativo della scuola elementare obbligato a insegnare il mandarino. Di conseguenza, il mandarino ora è parlato fluentemente dalla maggior parte della gente in continente Cina e dentro Taiwan. A Hong Kong, la lingua di formazione ed il parlato convenzionale rimane il Cantonese, ma il mandarino sta diventando sempre più influente.

Influenze sulle altre lingue[modifica]

Il Cinese è un membro della famiglia del Sino-Tibetano, e così è collegata con il Tibetano e il Burmese, ma è geneticamente indipendente dal Coreano, Vietnamita e dal Giapponese. Tuttavia, queste lingue (e le loro culture collegate) sono state influenzate fortemente dal Cinese nel corso della storia. Coreano e giapponese hanno sistemi di scrittura che impiegano caratteri cinesi, denominati Hanja e Kanji, rispettivamente. In Corea del sud è usato generalmente Hangul, ma l'Hanja è usato come una specie di neretto (in Corea del nord lo Hanja è usato senza continuità). Il Giappone ha pensato di abbandonare l'uso dei caratteri cinesi dal XX secolo, ma essendo profondamente radicati nella cultura giapponese non sono stati aboliti. Il Vietnamita inoltre ha arrestato generalmente l'uso dei caratteri cinesi ma questi possono ancora essere visti facilmente nell'alfabeto fonetico moderno vietnamita.