Vai al contenuto

Ecco l'uomo/Morte

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Indice del libro
"Cristo con corona di spine", olio di Carl Heinrich Bloch", 1890
"Cristo con corona di spine", olio di Carl Heinrich Bloch", 1890

La morte di Gesù[modifica | modifica sorgente]

Tutti e quattro i Vangeli sono unanimi nel dire ch l'esecuzione sanzionata da Ponzio Pilato come governatore della Giudea (26-36 e.v.) avvenne il giorno prima del Sabbath, quindi di venerdì. Questo, secondo i Sinottici, era il giorno santo principale di Pesach, dato che seguiva il Seder e quindi, secondo il calendario ebraico, doveva essere il quindici di Nisan. Nel Vangelo di Giovanni, tuttavia, era appena prima di Pasqua — il quattordici di Nisan. Questa datazione, che attesta il forte e fittizio carattere narrativo di quest'ultimo Vangelo, ha un significato teologico: Gesù avrebbe dovuto morire al tempo della macellazione dell'agnello pasquale.

Secondo Marco 15:27, Gesù fu crocifisso insieme a due ladroni sulla collina del Golgotha ("luogo del teschio", גולגולת) fuori delle mura di Gerusalemme e, secondo Luca 23:35-37, venne accompagnato dal disprezzo e derisione degli astanti. La narrazione pre-marciana della Passione non fornisce particolari aggiuntivi ed indica soltanto che Gesù fu "crocifisso alla terza ora" e "morì alla nona ora". Calcoli astronomici e di calendario suggeriscono il 30 e.v. come il più probabile anno di morte.[1]

"Cristo in croce", olio di Léon Bonnat, ca.1874
"Cristo in croce", olio di Léon Bonnat, ca.1874

Note[modifica | modifica sorgente]

Per approfondire, vedi Biografie cristologiche.
  1. Theissen e Merz, Historical Jesus, cit., 572; Roloff, "Jesus von Nazareth", Vol.4, col. 466.