Giapponese/Forme onorifiche

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Nel linguaggio di media cortesia si usa l'ausiliare "masu" per la coniugazione gentile.Quando ci si rivolge a dei superiori è opportuno però usare particolari forme.

Verbi[modifica]

Accanto ai verbi normali vi sono verbi onorifici,che possono essere di rispetto oppure di umiltà.Quelli di rispetto si usano solo per la seconda persona,mentre quelli di umiltà solo con la prima persona. Qui sono riportati in forma piana,ma devono essere rigorosamente in forma gentile.Infatti,coniugarli in forma piana sarebbe un paradosso.Spesso sono poi aggiunti dei prefissi onorifici,oお e goご.

Normale Rispetto Umiltà
ある aru essere INESISTENTE  ござる gozaru
いる iru essere いらっしゃる irassharu  おる oru
である de aru essere でいらっしゃる de irassharu でござる de gozaru 
する suru fare なさる nasaru  いたす itasu
見る miru vedere ご覧になる goran ni naru 拝見する haiken suru
食べる taberu mangiare 召し上がる meshiagaru 頂く itadaku
飲む nomu bere 召し上がる meshiagaru 頂く itadaku
行く iku andare いらっしゃる・おでになる irassharu-odeninaru 参る mairu
来る kuru venire COME IKU
言う iu dire おっしゃる ossharu 申し上げる mōshiageru
知る shiru sapere ご存知であるgozonji de aru 存じておる zonjite oru
会う au incontrare INESISTENTE お目にかかる ome ni kakaru
たずねる tazuneru chiedere INESISTENTE 伺うukagau
寝る neru dormire お休みになる oyasumi ni naru INESISTENTE
着る kiru vestirsi お召しになる omeshi ni naru INESISTENTE

Regolari[modifica]

I verbi senza un onorifico specifico hanno un procedimento regolare per averlo.La coniugazione è uguale e sempre presente.

  • rispetto:oお-base indefinita(il verbo finisce con Iい e non Uう)- ni naruになる/daだ (linguaggio colloquiale).
  • umiltà:oお-base indefinita-itasuいたす/suruする (linguaggio colloquiale)
  • composti di suru(solo la forma di rispetto):goご-base-nasaruなさる

Gozaimasu[modifica]

Quando "gozaru" è davanti a un aggettivo in I,

  • se finisce con "ai" o "oi" diventano "ō"(takai desu高いです>takō gozaimasu高こうございますè alto)
  • se finisce con "ii" o "ui" diventano "ū".

Idiomatiche[modifica]

  • ありがたいarigatai riconoscente > ありがとうございます arigatō gozaimasugrazie
  • 早いhayai veloce,rapido > お早うございますohayō gozaimasubuongiorno
  • めでたいmedatai felice > おめでとうございますomedetō gozaimasuauguri

Dare e ricevere[modifica]

N.B. Con "me" ed "io" si intende una persona qualunque che può essere a qualsiasi grado.

  • Quando io do a un molto superiore, si usa sashiageruさし上げる. Attualmente di uso quasi generale.
  • Quando io do a un mediamente superiore, si usa ageruあげる. Attualmente di uso quasi generale.
  • Quando io do a un uguale, si usa ataeru与える. Da evitare se si parla di persone. 
  • Quando io do a un inferiore, si usa yaruやる. Attualmente si riferisce soprattutto ad animali e familiari.
  • Quando un inferiore dà a me, si usa kureruくれる.
  • Quando un superiore dà a me, si usa kudasaruくださる. E' un verbo onorifico di rispetto che significa abbassare.
  • Quando io ricevo da un superiore, si usa itadakuいただく. E' un verbo onorifico di umiltà.
  • Quando io ricevo da un inferiore/familiare, si usa morauもらう. Attualmente di uso quasi generale.
  • Quando io ricevo da un uguale, si usa uketoru受けとる.
  1. Morau,yaru,kureru si usano normalmente negli ambiti familiari.
  2. I familiari sono considerati uguali.

Forma te[modifica]

Il verbo dare,sempre usando il vocabolo giusto nel contesto appropriato, vogliono dire fare un favore. Per esempio:

  • 先生に書きて上げますsensei ni kakite agemasu,scrivo per il maestro.

Se si usa itadaku o morau,si esprime di ricevere un favore.

Prefissi e suffissi[modifica]

Prima dei sostantivi possono essere apposti i prefissi onorifici o,goお、ご. Dopo i nomi di persona,sia comuni che propri,si possono apporre i suffissi san,sama(più gentile) さん、様.

  • N.B. Sama viene usato di regola per i destinatari di lettere.

Questi prefissi e suffissi possono indicare anche cose senza alcun rapporto con le persone, e anche cose che appartengono ad altri(in questo caso,cade l'aggettivo possessivo).