Giapponese/Il verbo essere

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

In giapponese non esiste un verbo essere, ma una particella chiamata "da dichiarativo", corrispondente al segno hiragana だ. Essa viene affissa dopo il termine che rappresenta lo stato d'essere di una cosa, come si può vedere da questo esempio:

学生だ (Gakusei da), È uno studente.

Tuttavia non è necessario utilizzare il da dichiarativo, anche se così facendo la frase acquista un tono femminile. Nelle domande, invece, il da NON deve assolutamente essere inserito, perché equivarrebbe a chiedere e ad affermare allo stesso tempo. Quando il da non è presente nelle domande, ciò non implica necessariamente che il tono usato sia femminile.

学生 (Gakusei), È uno studente (tono femminile)

学生だ (Gakusei da), È uno studente (tono maschile)

学生? (Gakusei?), (lui/lei) è uno studente? (è errato dire "Gakusei da?")

È possibile esprimere gli stati d'essere anche al negativo, al passato e al passato negativo, utilizzando di volta in volta queste particelle:

  • Presente negativo: ではない (Dewa nai, は in questo caso si legge wa invece di ha);
  • Passato: だった (Datta, ricordate: il fonema tsu つ aggiunto in piccolo prima di un segno ne raddoppia la consonante);
  • Passato negativo: ではなかった (Dewa nakatta).

Vediamo qualche esempio:

学生だった (Gakusei datta), Era uno studente

学生ではない (Gakusei dewa nai), Non è uno studente

学生ではなかった (Gakusei dewa nakatta), Non era uno studente

ATTENZIONE: Queste tre particelle non sono coniugazioni del "da dichiarativo". Ciò si evince dall'esempio qui sotto.

学生だった?(Gakusei datta?), Era uno studente?

Infatti le tre particelle possono, e anzi devono essere utilizzate nelle domande, in quanto specificano il tempo in cui lo stato d'essere ha valore. Solo il "da dichiarativo" non può essere utilizzato.

La forma cortese del verbo essere[modifica]

Il verbo essere in forma cortese è rappresentato dalla particella です (desu), la quale si comporta come il "da dichiarativo":

学生です (Gakusei desu), È uno studente. (tono cortese)

Le sue coniugazioni sono:

  • Presente negativo: ではありません (Dewa arimasen);
  • Passato: でした (Deshita);
  • Passato negativo: ではありませんでした (Dewa arimasen deshita);

A differenza del il desu va obbligatoriamente inserito nelle domande per indicare la loro forma cortese, dunque non è la forma cortese del "da dichiarativo", ma una particella diversa.