Geografia generale ed economica/I Patrimoni UNESCO

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Indice del libro

Storia[modifica]

L'UNESCO è stata fondata durante la Conferenza dei Ministri Alleati dell'Educazione che si riunì la prima volta a Londra nel 1942 nel pieno della seconda guerra mondiale.

Già a partire dal 1942 si manifestò tra i ministri europei, e per iniziativa della Gran Bretagna, l'esigenza della creazione di un organismo sovranazionale in grado di diffondere la cultura della pace, della democrazia e dell'uguaglianza.

L'Italia è stata ammessa l'8 novembre 1947 e attualmente l'Agenzia Specializzata delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e lo Sviluppo conta 195 Stati Membri e 9 Membri Associati.

Caratteristiche[modifica]

Il quartier generale dell'UNESCO è a Parigi ed opera programmi di scambio educativo, scientifico e culturale da Uffici Regionali. I progetti sponsorizzati dall'UNESCO comprendono programmi scientifici internazionali; programmi di alfabetizzazione, tecnici e di formazione degli insegnanti; progetti regionali e di storia culturale; e cooperazioni internazionali per conservare il patrimonio culturale e naturale del pianeta e per preservare i diritti umani.

Una delle missioni dell'UNESCO è quella di mantenere una lista di patrimoni dell'umanità. Questi sono siti importanti culturalmente o dal punto di vista naturalistico, la cui conservazione e sicurezza è ritenuta importante per la comunità mondiale.

L'UNESCO è rappresentato da propri ambasciatori.

L'UNESCO è stato a volte al centro di controversie. Durante gli anni settanta e ottanta le nazioni occidentali, specialmente gli Stati Uniti e il Regno Unito, ritenevano che venisse usato dai paesi comunisti e dal terzo mondo, come forum per attaccare l'occidente. L'UNESCO sviluppò un piano chiamato "Nuovo Ordine Internazionale dell'Informazione", per fermare le presunte bugie e la disinformazione che veniva diffusa nelle nazioni in via di sviluppo.

Costruire la pace nelle menti degli Uomini e delle Donne[modifica]

Questo impegno è alla base delle Nazioni Unite, istituita dopo la "grande e terribile" seconda guerra mondiale per creare e mantenere la pace attraverso accordi economici, sociali o politici. Ma questo non è più sufficiente oggi. Le fondamenta della pace devono ancora essere posato, con l'aiuto delle agenzie specializzate che compongono il sistema delle Nazioni Unite come l'UNESCO. Da oltre 60 anni, UNESCO ha assunto quella missione in conformità con la sua costituzione che afferma che, "poiché le guerre nascono nell'animo degli uomini, è nella mente degli uomini che devono essere costruite le difese della pace". A questo proposito, la stessa Costituzione evidenzia che "una pace basata esclusivamente sugli accordi politici ed economici dei governi non sarebbe una pace che potrebbe garantire il sostegno unanime, sincero e duraturo dei popoli del mondo, e che la pace deve pertanto essere fondata, se non deve avere esito negativo, la solidarietà intellettuale e morale dell'umanità".

Le sette meraviglie del mondo moderno[modifica]

Nel 2000, durante le olimpiadi di Sydney, fu lanciato un referendum su internet per stabilire le "nuove sette meraviglie del mondo". L'esito della selezione fu resa nota il 7 luglio 2007. L'iniziativa non era però legata all'UNESCO ma promossa da una società svizzera, la New Open World Corporation.

La muraglia cinese[modifica]

Realizzata nel 215 a.C. e Misura ben 8.851,8 km, anche se secondo recenti stime la reale lunghezza sarebbe di 21.196,18 km.

Petra (Giordania)[modifica]

Si tratta di un sito archeologico, Patrimonio Unesco dell'Umanità dal 1985

Cristo redentore (Rio de Janeiro)[modifica]

In cima al Monte Corcovado, a 700 metri s.l.m.

Machu Picchu (Perù)[modifica]

Machu Picchu è un sito archeologico Inca situato in Perù

Chichén Itzá (Messico)[modifica]

E un importante complesso archeologico maya situato nel Messico

Colosseo (Roma)[modifica]

E semplicemente come Amphitheatrum, è il più grande anfiteatro del mondo.

Taj Mahal (India)[modifica]

situato ad Agra, nell'India settentrionale, è un mausoleo fatto costruire nel 1632 dall'imperatore moghul Shah Jahan in memoria della moglie preferita