Interlingua/Ortografia

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Ortografia[modifica]

Le pubblicazioni ufficiali dell'Unione Mondiale per l'Interlingua (U.M.I.) e per omogeneità le pubblicazioni a carattere pubblico, come pure questa grammatica e dizionario, utilizzano la cosiddetta ortografia storica o etimologica in quanto la maggioranza delle lingue fonte pure la utilizza. Si tratta della conservazione dei gruppi di lettere th, rh, ph, ch, e y, i quali sono la trascrizione latina di particolari lettere dell'alfabeto greco assenti nel nostro alfabeto e che costituiscono la grafia originale delle molte parole internazionali di antica origine greco - latina. Se è pur vero che l'italiano e lo spagnolo le hanno semplificate in t, r, f, c, e i, c'è in esse come una 'dignità culturale' per cui la loro conservazione rimanda alla loro origine (vedi appendice n. 3 per una vasta scelta di esempi). La semplificazione è tuttavia ammessa (secondo le regole esposte nell'appendice n. 4), a condizione di non mescolare le due ortografie.

Nome della lettera greca Trascrizione Esempio Semplificazione
theta th theologia teologia
rho rh rheuma reuma
phi ph philosophia filosofia
chi ch chrisma crisma
ipsilon y dyspepsia dispepsia

L'Interlingua assume inalterate (salvo leggere alterazioni ortografiche) parole internazionali nella forma stessa nella quale si presentano nelle lingue d'origine e nella quale si sono imposte e sono riconoscibili internazionalmente. Esse pure conservano la pronuncia della lingua d'origine (vedi ampia selezione nell'appendice n. 5). Esempi: (dal francese) charme, chauffeur, nonchalance, nuance, (dall'inglese) ¬budget, club, handicap, (dal tedesco) nickel, röntgen, (dallo spagnolo) guerrilla, rancho, (dall'italiano) intermezzo, schizzo. Nell'adottare vocaboli provenienti da lingue dalla grafia non-latina (p.es. arabo, cinese, russo) si usano le seguenti trascrizioni:

Il suono 'sci' viene trascritto sh o ch (p.es. chacal, chaco, chocolate, geisha, gulash, hashish, sha, sheik). Il suono 'ci' viene trascritto tch (p.es. tsarevitch).