La prosa ultima di Thomas Bernhard/Introduzione

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Thomas Bernhard, 1987


INTRODUZIONE[modifica]

Questo mio studio indaga su specifici testi di prosa scritti da Thomas Bernhard tra il 1975 e il 1986. Concentrandomi su alcuni aspetti di comunicazione e speranza ricorrenti in tali opere in prosa, intendo dimostrare che Bernhard non è principalmente il nichilista ossessivo e contrastante come molti scritti critici lo hanno descritto; al contrario, è uno scrittore le cui narrazioni in prosa di questo periodo non solo cercano attivamente di coinvolgere il lettore, ma rivelano anche idealismo, rigore morale e, soprattutto, affermazione di vita e valori centrati sull'uomo sotto forma di speranza e felicità . In questa introduzione allo studio, comincio esaminando la reputazione di Bernhard tra i critici e il grande pubblico, prima di descrivere in dettaglio il metodo che ho adottato per esporre e analizzare gli aspetti pertinenti di comunicazione e speranza nelle opere in prosa di Bernhard dopo il 1975.

La reputazione di Bernhard[modifica]

Molti resoconti della vita e degli scritti di Bernhard iniziano appropriatamente descrivendo gli eventi drammatici che circondano la sua morte — che non fu resa pubblica fino a quando non furono trascorsi quattro giorni e fu sepolto al Grinzinger Friedhof di Vienna.[1] Il testamento formulato con cura, l'annuncio deliberatamente programmato alla stampa della sua morte, persino la successiva apertura dei suoi documenti postumi (contro i desideri di Bernhard nelle sue ultime volontà) a un gruppo di accademici selezionati, sono tutti opportunamente sensazionali per uno scrittore che aveva gestito con grande abilità la sua reputazione pubblica e immagine durante la carriera di scrittore.[2] Anche se molti austriaci non avevano letto una sola parola delle sue narrazioni in prosa, sapevano però tutto di Thomas Bernhard: era il caparbio "Nestbeschmutzer" (= "sporca nido") che non aveva amore o rispetto per il suo paese; era il frainteso patriota austriaco che, come Anton Wildgans e Robert Musil prima di lui, aveva denigrato pubblicamente la sua nativa Austria;[3] era, allo stesso tempo, l’"Alpen-Beckett" il cui nichilismo e la propensione ad esprimere ripetutamente l'assenza di significato della vita non conoscevano limiti, ed era tuttavia una grande figura letteraria il cui aspetto pubblico umoristico e divertente verso la fine della sua carriera lo aveva reso una celebrità dei media e un nome familiare in Austria.[4] Il pubblico sapeva esattamente che aspetto aveva Bernhard, sapeva dove abitava, sapeva che guidava una vecchia Mercedes immacolata, vedevano persino l'esatta formulazione delle sue volontà. L'unica area della sua vita che rimase alquanto misteriosa fu la sua scrittura, e in particolare le sue narrazioni in prosa.

In un articolo scritto poco prima della morte di Bernhard, Helen Chambers struttura l'analisi critica delle opere di Bernhard in cinque categorie: "l’elenco dei temi"; l’"uso ripetuto di parole chiave"; tendenza dei "critici" ad imitare il suo stile "; la pratica di "confrontarlo con altri scrittori" e, infine, "l’affermazione che Bernhard scrive lo stesso libro più e più volte".[5] Le conclusioni di Chambers nel suo saggio, secondo cui le esagerazioni di Bernhard non solo distorcono ma anche demistificano o chiariscono alcuni aspetti della realtà, sono in contrasto con molte delle idee proposte sul suo lavoro dalla critica tradizionale.[6] Le sue categorie forniscono un interessante punto di partenza per l'analisi della prosa narrativa di Bernhard poiché riflettono trascuratezza nell'esame testuale; solo una delle sue cinque voci ("parole chiave") indica una preoccupazione diretta per lo stile di Bernhard — e gli studi sulle parole chiave bernhardiane sono stati o brevi o incorporati in argomenti più ampi e sostanziali.[7] Tutte le altre categorie affrontano solo in modo obliquo o involontario la questione di come Bernhard costruisca il suo testo (la lista dei temi), o eludono il problema: imitazione dello stile di Bernhard; confronto con altri scrittori e filosofi (studia più influenza e storia intellettuale che analisi stilistica) e che scrive lo stesso libro con lievi variazioni. Sebbene, in teoria, vi sia spazio in queste ultime tre categorie per studiare il modo in cui Bernhard scrive, in pratica tale questione è stata troppo spesso trascurata dalla letteratura secondaria sulla prosa di Bernhard.

Wendelin Schmidt-Dengler, probabilmente il più importante e prolifico critico di Bernhard, illustra chiaramente come l'accoglienza critica dell'opera di Bernhard sia arrivata a mettere in ombra le sue indipendenti qualità letterarie:

« Bernhards Aktionen haben immerhin dafür gesorgt, daß sich der Wirbel darum zwischen ihn und seine Texte schiebt, daß sie ein Objektiv für das abgeben, was in seinem im engeren Sinne literarischen Werk aufscheint. Dariiber hinaus scheint es, daß gerade durch diese Auftritte die Bernhard-Rezeption nicht unwesentlich gesteuert wird. [...] So hat sich die Rezeption der Texte Bernhards weitgehend emanzipiert von dem, was seine erzählenden und dramatischen und lyrischen Texte denn auch bewirken können. Bernhard ist zur Kunstfigur geworden, und sein Werk läßt sich nicht mehr ablosen von der Wirkung, die es gehabt hat.[8] »

Schmidt-Dengler qui riassume sinteticamente il problema principale relativo alle analisi critiche di Bernhard: la combinazione della ricerca di pubblicità da parte di Bernhard con la creazione di immagini da parte dei giornalisti, che ha portato a una marcata riluttanza della critica letteraria ad impegnarsi direttamente coi suoi testi. Sin dal debutto letterario di Bernhard nel 1963 con il suo lungo romanzo, Frost, egli è stato rinomato per la messa in scena di acrobazie pubblicitarie, che vanno da aspre lettere alla stampa, a dichiarazioni sensazionali su personaggi pubblici di spicco.[9] Come Peter Handke con il suo famoso sfogo a Princeton nel 1966, Bernhard era l'austriaco di provincia determinato in una fase iniziale della sua carriera a lasciare il segno nel mondo letterario di lingua tedesca.[10] Ancor più di Handke, tuttavia, il corteggiamento dell'attenzione mediatica da parte di Bernhard ha portato a fattori extraletterari che oscurano i veri aspetti letterari del suo lavoro.

Stephen Dowden, nella sua monografia ben bilanciata ed estremamente utile, traccia un legame importante tra le esplosioni pubbliche di Bernhard e il suo acume commerciale:

« [Bernhard] is also a commercially successful writer, since 1965 a mainstay of West Germany's prestigious Suhrkamp publishing house. Bernhard’s popular reputation probably rests on his aggressive personal style; he liked to antagonize the prominent and the powerful. His popularity also stems in part from the exotically repulsive things he chose to write about: disease, isolation, madness, and death.[11] »

La "popolarità" di Dowden potrebbe essere definita più esattamente come la famigerata capacità di Bernhard di suscitare risposte polarizzate da critici letterari, giornalisti e persino membri del pubblico austriaco.[12] Bernhard non fu affatto solo popolare; fu messo alla gogna dai membri della stampa e dalle sezioni dell'Establishment letterario, molti dei quali aveva denigrato in dichiarazioni pubbliche, come discorsi, lettere ai giornali e trasmissioni televisive e radiofoniche. Queste ostilità servivano solo a far conoscere Bernhard sempre di più agli occhi del pubblico e avevano l'effetto di far risaltare la sua reputazione letteraria. Molti dei primi resoconti critici di Bernhard affermano che egli fosse sì uno scrittore importante e prominente, ma quasi niente viene fornito dei suoi testi quale testimonianza a supporto di tali affermazioni.

Non sorprende che le irriverenti, a volte maliziose, invettive di Bernhard contro lo stato austriaco lo abbiano trasformato in una sorta di enfant terrible tra alcuni intellettuali austriaci. Bernhard manipolò sottilmente la sua posizione esteriore nei confronti del suo paese natale: le sue dichiarazioni provocatorie sulla parte tenuta dall'Austria durante la seconda guerra mondiale (in opere come Auslöschung [1986] e Heldenplatz [1988]) significarono che egli occupasse un'impareggiabile posizione morale sulla colpa della guerra, certamente per quanto riguardava la maggior parte dei critici e dei commentatori al di fuori dell'Austria. Per il mondo esterno, Bernhard era un nichilista cupo e difficile; per molti austriaci, tuttavia, era anche un fastidioso piantagrane. In una lettera a Claus Peymann, il direttore del Burgtheater, in occasione delle prove per Heldenplatz, un membro del pubblico fece un confronto diretto tra Bernhard e Hitler, suggerendo seriamente che Bernhard venisse mandato in un manicomio per un trattamento correttivo.[13] Tuttavia, la fama di Bernhard e i molti riconoscimenti (tra cui il Premio Btichner e una nomination per il Premio Nobel) fecero sì che le autorità austriache spesso chiudessero un occhio sulle sue polemiche per sfruttare il suo alto profilo all'estero: nello stesso articolo che denunciava Heldenplatz come "grobe Beleidigung des österreichischen Volkes", Kurt Waldheim, l'allora presidente federale, venne citato che descriveva Bernhard come "diesen großen Dichter".[14] Inoltre, lo stato austriaco dal quale si allontanò così spietatamente nel suo testamento (nessuna sua opera doveva essere pubblicata, nessuna opera teatrale eseguita in Austria dopo la sua morte) ora sovvenziona il mantenimento del suo lascito letterario nell'ordine di oltre centomila euro ogni anno.[15] Fu la combinazione del desiderio di Bernhard di scioccare il pubblico (in racconti orribili, in cui l'inevitabilità della morte portava a un esilio doloroso, ermetico e autoimposto [Gelo] o in cui i genitori si suicidavano lasciando i loro figli bloccati in una casa vuota [Amras]) e il suo astuto senso commerciale che lo resero una sorta di artista delle lettere e celebrità, o "Kunstfigur" (Schmidt-Dengler). Bernhard gestì sempre la sua carriera letteraria con molta attenzione, spesso usando i suoi editori come una cortina fumogena protettiva e oscurante, come in molte controversie pubbliche (come l'affare Onkel Franz o la confisca di Holzfällen), durante i quali il suo editore tedesco (Siegfried Unseld di Suhrkamp) o austriaco (Wolfgang Schaffler di Residenz Verlag) erano sempre al suo fianco in interviste e incontri ufficiali.[16]

Fuori dall'Austria, dove le animosità locali, politiche e personali erano comunque meno immediate, i critici si concentrarono maggiormente sugli aspetti esistenziali e letterari della produzione di Bernhard.[17] Una prima recensione dei romanzi fatta da D.A. Craig riconosce l'aspetto sociale della prosa bernhardiana: "[Nei romanzi di Bernhard degli anni ’60] l'Austria è in uno stato finale di decadenza e la gente di quel paese è vittima di tale decadimento."[18] Tuttavia, Craig riserva il suo plauso critico al modo in cui Bernhard scrive:

« The primary attraction of Bernhard is no doubt his individual and compulsive style, the extraordinary gift he has, like Kleist, of capturing the reader in the first phrases and taking him through, almost breathless, to the end of the work. [...] One feels confronted by a long pent-up confession to which one feels the obligation to give complete attention.[19] »

Nei tre capitoli principali di questo studio, discuterò alcuni dei metodi che Bernhard utilizza per ottenere la "completa attenzione" del lettore. Molti resoconti giornalistici e accademici sulla prosa di Bernhard non danno un'idea della qualità della sua prosa. Mentre spero di dare un resoconto critico e accademico delle narrazioni in prosa qui in discussione, intendo anche trasmettere un senso di come Bernhard conferisca alla sua prosa una dimensione creativa e letteraria.

È un altro critico anglofono, che questa volta scrive dopo la morte di Bernhard e attira l'attenzione sul lato serio e letterario della prosa di Bernhard. Nel sollecitare il lettore ad avvicinarsi all’œuvre di Bernhard da una nuova prospettiva, Dowden identifica tre elementi influenti: in primo luogo, una corrente sotterranea morale che guida la severità nell'opera di Bernhard; in secondo luogo, alcune preoccupazioni biografiche, ovviamente la malattia polmonare per tutta la sua vita, e in terzo luogo, la natura insolita e "musicale" della sua prosa.[20] Non vi è dubbio che le preoccupazioni biografiche e stilistiche abbiano un ruolo importante in qualsiasi descrizione dettagliata degli scritti bernhardiani. Tuttavia, per comprendere l'apparente tristezza delle sue opere come qualcosa di più del nichilismo monomanico, l'aspetto più importante secondo Dowden è l'impulso morale di Bernhard. L'impeto morale dietro l'apparente amarezza nei suoi scritti aiuta a rispondere a una domanda in gran parte senza risposta sull'opera di Bernhard: come può importare sufficientemente a un presunto nichilista scrivere descrizioni dettagliate e angosciose sulla miseria umana? I commenti di Dowden possono essere visti come una spiegazione convincente: "L'inesauribile rancore di Bernhard è quello di un moralista oltraggiato. [...] La sua amarezza fornisce la misura di aspettative gravemente deluse e pretese impossibilmente impegnative sulla natura umana."[21] Usando il termine "moralista", Dowden si riferisce qui a Bernhard non come membro di una specifica ideologia o sistema morale, ma come individuo pensante che osserva il suo ambiente umano e fa dichiarazioni e giudizi personali al riguardo. Come Bernhard confida inequivocabilmente a Krista Fleischmann: "Innere Vorgänge, die niemand sieht, sind das einzig Interessante an Literatur überhaupt. [...] Das was niemand sieht, das hat einen Sinn aufzuschreiben."[22] Anche nelle sue dichiarazioni politiche, Bernhard non cercò mai veramente di fornire soluzioni specifiche a questioni politiche e sociali esistenti; preferì invece provocare: Heldenplatz, ad esempio, non fornisce al pubblico risposte pratiche ai presunti mali dell'Austria; piuttosto, provocatoriamente continua a ricordare allo spettatore i suoi delitti passati e i problemi attuali. Vedere gli sfoghi vetriolici di Bernhard come il risultato di standard personali e valori morali delusi getta una luce diversa sulle sue narrazioni, una luce più positiva. Dowden parla di un "paradossale effetto umanizzante".[23] Gli aspetti della speranza discussi nei tre capitoli principali di questo mio studio esplorano e sviluppano tale aspetto umano nei romanzi di Bernhard, un aspetto che è stato ampiamente trascurato nei resoconti critici delle opere in esame. Come mostrano le sezioni sulla ricezione critica della pentalogia autobiografica (1975-82), Beton (1982) e Auslöschung, alcuni critici hanno accennato a elementi positivi nella prosa di Bernhard, ma nessuno li ha esplorati in profondità.

Nonostante gli articoli apparsi nel decimo anniversario della morte di Bernhard nel 1999, pochi sono stati i progressi fatti in questa direzione. Sigrid Löffler, una critica costantemente negativa delle opere di Bernhard nel corso degli anni, tempera le sue critiche in una rivalutazione pubblicata su Die Zeit e aggiunge: "Zehn Jahre nach dem Tode Thomas Bernhards ist die Zeit reif für eine Revision seines Werkes."[24] Esistono inoltre prove nella sua recensione che sia occorso uno spostamento della critica bernhardiana verso questioni biografiche e politiche, senza dubbio ispirato in parte al grande impatto di Auslöschung. Tuttavia, Löffler rimane scettica sul valore delle opere di Bernhard, probabilmente perché ha trascurato di analizzare in profondità i suoi testi principali. Wolfgang Schreiber, scrivendo nella Süddeutsche Zeitung, apre il suo articolo con le parole: "War er der Geist [sic] der stets verneint?".[25] C'è un piccolo ma evidente cambiamento nell'approccio critico, proprio nel fatto che Schreiber metta in discussione il nichilismo di Bernhard, generalmente accettato dalla maggioranza. Schreiber si concentra anche sulle influenze biografiche (ciò che definisce "die schon frühe Amalgamierung von Leben und Werk").[26] Tuttavia, egli smonta il tentativo di reinterpretazione segnalato dalle sue parole iniziali quando afferma, contrariamente a quanto riportato da molti amici di Bernhard, che Bernhard era un uomo amaro e freddo nella vita reale. Posso personalmente affermare l'esatto contrario. Schreiber cita brani terribilmente critici delle prime opere e discorsi di Bernhard per giustificare questa opinione.[27] L'articolo poteva andare bene all'inizio degli anni ’70; non viene considerata la prospettiva più ottimistica e umana della prosa bernhardiana scritta alla fine degli anni ’70 e ’80.

Nella sua tardiva commemorazione della morte di Bernhard, anche Christiane Zintzen, scrivendo sul Neue Zürcher Zeitung, suggerisce un cambiamento nella critica bernhardiana a partire dal 1989; indica un approccio più storico ai testi di Bernhard che non è incentrato sulla sua personalità e immagine: "Dass man den Dichter allmählich distanzierter und historischer zu sehen beginnt, belegen mehrere Publikationen".[28] Vi sono tuttavia pochi cambiamenti nella posizione fondamentale sulle opere di Bernhard assunta in questi articoli scritti dieci anni dopo la sua morte. Persistono molti dei tratti noti nella critica di Bernhard. Löffler, Schreiber e Zintzen, per esempio, si divertono tutti a inventare giochi di parole sui titoli Bernhard ("Die Auslöschung der Realitäten durch Literarisierung ist noch nicht gelungen" (Löffler): "Von der Kälte in den Frost" (Schreiber), e "Es wäre Bernhard damit gewissermaßen Am Ziel angelangt" (Zintzen)).[29] Questo linguaggio allusivo e idiosincratico, dove il critico si aspetta che il lettore capisca il gioco di parole, è una caratteristica particolare della critica bernhardiana e conferma l'affermazione di Chambers sull'imitazione dello stile. Inoltre, caratterizza una marcata riluttanza a confrontarsi con i testi stessi e la continua preoccupazione di gran parte della critica letteraria ad interessarsi di polemiche non letterarie.

Metodo[modifica]

Nel 1975, Bernhard decise di fare il punto della sua vita sotto forma di una lunga autobiografia della sua infanzia e adolescenza; il progetto durò sette anni (1975-1982). La pentalogia risultante [Die Ursache (1975), Der Keller (1976), Der Atem (1978), Die Kälte (1981) ed Ein Kind (1982)] aiuta a delimitare due periodi distinti nella produzione letteraria di Bernhard: il primo (1963-75) consiste dei primi anni della sua prolifica carriera di scrittore, durante la quale Bernhard si affermò come una voce letteraria austriaca di spicco i cui paesaggi narrativi erano segnati dall'isolamento umano, dal dolore e dalla morte; nel secondo (1975-89), troviamo uno scrittore più calmo, meno disposto a concentrarsi sui suoi problemi e più intento a trovare un modo di vivere felicemente con se stesso e gli altri. Tale felicità si riflette nelle narrative in prosa di questo periodo successivo (in particolare, la pentalogia, Beton e Auslöschung). Laddove le opere precedenti erano difficili da seguire, queste narrazioni successive mostrano uno stile di prosa più limpido e preoccupazioni più centrate sull'uomo e più ottimistiche.

In un frammento del 1969, pubblicato nel decimo anniversario della morte di Bernhard, Ingeborg Bachmann lodò l'intensità prepotente delle opere in prosa di Bernhard sostenendo che leggerle dalla prima all'ultima pagina per lei un compito troppo arduo; fa riferimento a: "Seiten [in Prosa (1967), Verstörung (1967) e Watten (1969)], die so peinigend zu lesen sind, daß ich nicht beschwören möchte, alle gelesen zu haben, auch nicht imstande bin, alle zu lesen".[30] Bachmann sceglie di evidenziare l'alto pedigree letterario di Bernhard: "die großte Schönheit, Genauigkeit, Art, Tiefe und Wahrheit".[31] Secondo lei, Bernhard è uno scrittore dello scrittore. Come Bachmann, Stephen Dowden ritiene che il vero valore delle narrazioni di Bernhard risieda nelle loro qualità letterarie: "[Scrittori di tesi e articoli accademici su Bernhard spesso] forzano un sistema di pensiero estraneo su uno scrittore creativo altamente individuale e idiosincratico".[32]

Le critiche di Dowden in merito al materiale secondario esistente su Bernhard sono riprese da un altro eminente studioso di Bernhard: nel 1994 ad un simposio su Bernhard a Londra, Wendelin Schmidt-Dengler fece una dichiarazione audace. Parlando cinque anni dopo la morte di Bernhard, espresse il desiderio che i critici mettessero da parte le questioni periferiche e iniziassero a concentrarsi sulla lettura e l'interpretazione delle narrazioni.[33] È un segno di quanto le critiche letterarie su Bernhard si fossero allontanate dall'analisi dei testi che Schmidt-Dengler sentì il bisogno di dare un simile consiglio; dopo tutto, la lettura attenta del testo di uno scrittore è un prerequisito fondamentale o, almeno, un punto di partenza per il suo trattamento critico. I critici di Bernhard, continua a sostenere Schmidt-Dengler, si basano su speculazioni sulla sua vita e lavori in assenza di accurati documenti personali e biografici:

« Trotz der Flut von literaturwissenschaftlichen Texten kann von einer Bernhard-Philologie im strengen Sinne nicht gesprochen werden; dazu verfügen wir über zu wenig Unterlagen. Die Materialgrundlagen sind wenig abgesichert; die Entstehungsgeschichte der meisten Werke liegt völlig im Dunkel, und man wird lange auf Spekulationen angewiesen bleiben.[34] »

In questo articolo del 1997, Schmidt-Dengler sostiene che gli scandali che hanno accompagnato Bernhard durante la sua vita hanno eclissato le sue opere. La sua logica conclusione è che raramente è stata intrapresa la necessaria e stretta analisi dei testi bernhardiani:

« Gesichert ist das Gelande der Wirkung [von Bernhards Schriften], der Rezeption, und das ist ja einer der beliebtesten Tricks der neueren Literaturwissenschaft, die die Auseinandersetzung mit dem Primärtext scheut und daher das Interesse auf die Rezeption lenkt. Die Frage nach dem Text selbst und den Problemen, die sich aus ihm ergeben, wird so ausgelagert.[35] »

Lo scopo di questo mio studio è di dare un contributo originale a tale lavoro correttivo intraprendendo un esame incentrato sul testo degli scritti in prosa selezionati (metodo di Schmidt-Dengler), portando a un'indagine approfondita degli aspetti letterari e creativi di Bernhard (scopo desiderato da Dowden). Questa indagine si sforza di ridefinire alcune nozioni stereotipate sui testi scoprendo temi ricorrenti di comunicazione e speranza che possono aiutarci a comprendere e leggere diversamente le opere in esame.

Il metodo di Schmidt-Dengler e l'obiettivo di Dowden sono complementari. Leggendo attentamente le narrazioni, il lettore scopre non solo che i testi di Bernhard sono documenti letterari riccamente gratificanti, ma anche che i suoi narratori sono ansiosi di comunicare con il proprio lettore. Ci sono molti indizi stilistici e tematici che rivelano un impulso autoriale a coinvolgere il lettore nella narrazione. Dopo il 1975, ci sono prove crescenti nei protagonisti di Bernhard di una maggiore socievolezza e desiderio di comunicare. Nonostante la sua diffusa reputazione di essere un triste profeta di sventure, una lettura attenta delle narrazioni qui in discussione attesta uno scrittore che non vuole assolutamente che il suo lettore metta giù il libro. Lungi dall'insistere inutilmente sul nichilismo, Bernhard crea un equilibrio produttivo e positivo tra il contenuto e la forma delle sue narrazioni, o come dice Dowden: "La tensione interiore tra ciò che Bernhard dice e come lo dice, è centrale [per contestare il nichilismo esterno che egli propone]."[36] Concentrandosi sulla complessità letteraria e creativa dei testi, emerge un testo più comunicativo e pieno di speranza, e il lettore trova necessariamente che il "nichilismo esteriore", per il quale Bernhard è famoso, viene smontato.

La seguente sinossi espone e chiarisce la struttura dei capitoli. Il CAPITOLO 1 è diviso in quattro sezioni: "Ricezione critica"; "Bernhard e l'autobiografia"; "Comunicazione" e "Speranza". La prima sezione, "Ricezione critica", traccia le opere separate della pentalogia autobiografica di Bernhard [Die Ursache (1975), Der Keller (1976), Der Atem (1978), Die Kälte (1981) e Ein Kind (1982)] e la loro ricezione sia nella stampa sia nel mondo accademico. Ciò dimostra che, sebbene un ristretto gruppo di critici abbia scoperto speranza e desiderio di comunicare in queste cinque opere, nessuno ha affrontato seriamente questi temi in materiale critico sulla pentalogia. La seconda sezione di questo capitolo, "Bernhard e l'autobiografia", si concentra sugli obiettivi autobiografici di Bernhard attraverso un'esplorazione dei temi dell'autoconoscenza (ulteriormente suddivisi in ricostruzione, ordinamento e auto-miglioramento), verità e processo di scrittura. In questa sezione, esamino gli impulsi personali e morali che guidano il progetto e il metodo autobiografico di Bernhard. La mia esposizione critica è aiutata dal riferimento al concetto di "Durcharbeiten" di Freud e all'idea di "verità narrativa" formulata da Donald F. Spence, un teorico americano della psicoanalisi; l'applicazione di un modello psicoanalitico suggerisce come i protagonisti di Bernhard cerchino e ottengano in parte una liberazione dall'infelicità passata. Dopo aver considerato lo scopo alla base della pentalogia, la mia argomentazione si rivolge alla ricerca di autoconoscenza di Montaigne nelle Essais (1580-95), indotta dalle rispettive allusioni di Bernhard nell'autobiografia. La terza sezione di questo capitolo, "Comunicazione", esamina in dettaglio il modo in cui Bernhard stabilisce una relazione stretta con il suo lettore, vagliando il suo uso insolito di tempi verbali in parti della pentalogia e analizzando il suo impiego a volte idiosincratico e rivelatore del frase "einerseits ... andererseits" e la parola chiave "naturgemäß". La parte finale di questo primo capitolo affronta i temi dell'idealismo decaduto e dell'affermazione di vita sotto il titolo di "Speranza": questa sezione approfondisce la questione ampiamente trascurata della testarda determinazione di Bernhard a vivere, sebbene afflitto da gravi infermità polmonari. I protagonisti della pentalogia (e in particolare Der Atem e Die Kälte) si aggrappano alla vita nonostante apparentemente denigrino la sua insensatezza. Qui dimostro che l'idealismo contrastato alimenta le critiche di Bernhard alle persone e alla natura umana; per quanto disillusi, questi protagonisti di Bernhard non perdono il loro istinto idealistico e le loro speranze. Lungi dal ripetere i suoi messaggi disperati presenti nella prosa degli anni sessanta e primi anni settanta, emergono chiari segni nella pentalogia che l'adolescente malato e solitario ha superato o "elaborato", per usare il termine di Freud, i suoi travagli per emergerne persona più forte, più felice, e nettamente meno negativa, anche se molti degli indicatori di questo cambiamento si trovano solo in indizi narrativi.

Nel CAPITOLO 2, indago su Beton (1982) applicando e sviluppando i risultati del primo capitolo. A prima vista, il narratore-protagonista, Rudolf, sembrerebbe essere strettamente legato ai suoi predecessori nella prosa bernhardiana: è malato, frustrato, infelice e solo. Tuttavia, uno sguardo più ravvicinato alla narrazione rivela che questo miserabile essere solitario e vacillante è, in effetti, un uomo che impara a cercare il miglioramento di sé e che alla fine riesce a capire come trovare la felicità. Dopo una sezione sull'accoglienza critica, che descrive non solo il modo in cui il testo è stato interpretato all'ombra dei precedenti lavori di Bernhard, ma anche quanto Beton sia stato (ed è tuttora) trascurato dai recensori e dalla critica accademica, ci sono altre cinque sezioni: "Contatto umano"; "Perfezionismo, speranza e imperfezione"; "Musica e letteratura"; "Presentazione del narratore" e "La storia di Anna". La sezione sul contatto umano indica una nuova preoccupazione nella prosa di Bernhard degli anni ’80: Rudolf può sì criticare severamente tutti i suoi conoscenti, ma alla fine mette amici e parenti davanti al suo progetto intellettuale, in particolare Anna Härdtl, che incontra a Palma e, di conseguenza, impara a guardare nella sua stessa vita da una nuova prospettiva. Nella terza sezione di questo capitolo, "Perfezionismo, speranza e imperfezione", mostro come il tema del perfezionismo, che aveva afflitto molti dei protagonisti ossessivi di Bernhard, prende una svolta insolitamente positiva. Attraverso la memoria di un'opera di Mendelssohn, Rudolf impara non solo ad accettare l'imperfezione, ma a considerarla desiderabile. Si rende conto che l'interazione con gli altri può essere un'esperienza positiva e vitale e raggiunge quello che un critico, Martin Chalmers, ha definito un "potenziale d'umanità".[37] Sottolineando l'importanza dell'esperienza di Mendelssohn da parte di Rudolf, dimostro come altri indizi nel testo si incastrino al loro posto. Nella quarta sezione del capitolo, "Musica e letteratura", collego la comprensione che Rudolf acquisisce dell'imperfezione umana al suo importantissimo progetto musicologico e alle sue allusioni letterarie, in particolare allo Zadig di Voltaire (1747). Il riferimento improvviso e senza preavviso a Zadig segna un importante passo avanti nel resoconto di Rudolf: vive un momento completamente naturale di felicità, senza le lotte emotive, mentali e fisiche dalle quali è altrimenti perseguitato. Nella penultima sezione, "Presentazione del narratore", sostengo che Bernhard pone una traccia coerente di indizi su Rudolf che rafforzano la mia graduale interpretazione dello sviluppo del narratore. Prospettive narrative mutevoli e inaffidabilità espositive spesso rivelano le vere intenzioni di Rudolf — ciò che Bernhard chiamava "paesaggi interiori".[38] La mia analisi e interpretazione delle incoerenze nel racconto di Rudolf rivela una figura che sottilmente, spesso indirettamente sostiene valori umani positivi e dignitosi, non un nichilista deciso a denigrare e distruggere tutto ciò che lo circonda. Nella sezione finale, "La storia di Anna", l'influenza della disperata condizione di un altro essere umano è collegata alla situazione di Rudolf: a differenza del ciclo autobiografico, in cui l'autocontemplazione ha portato alla conoscenza di sé, qui Rudolf impara a conoscere se stesso attraverso un'altra persona. Di conseguenza, mette da parte brevemente le sue preoccupazioni per fare un "nuovo inizio" speranzoso. Rudolf condivide molto con i precedenti protagonisti bernhardiani, ma la sua storia segna un'importante dipartita: la speranza e il potenziale di felicità vengono realizzati, sebbene in brevi scorci di intuizione.

Solo quando si arriva a Auslöschung (1986), ampiamente riconosciuto come il magnum opus di Bernhard, questi scorci diventano più duraturi. Il CAPITOLO 3 analizza la storia di Murau in tre sezioni: "Ricezione critica", "Valori personali e alterità" e "Scrivere contro la morte". Nella prima sezione, "Ricezione critica", una panoramica dettagliata delle reazioni critiche a questo testo mostra che aspetti importanti della comunicazione autoriale e narrativa sono stati ampiamente trascurati. Come per la pentalogia e per Beton, alcuni critici riconoscono apertamente la sotterranea corrente ottimistica e le fiduciose prospettive del testo, ma nessuno lo ha davvero esplorato. Intendo quindi affrontare queste domande critiche nel CAPITOLO 3. Nella seconda sezione, "Valori personali e alterità", la cerchia di amici e conoscenti di Murau viene analizzata una ad una al fine di mostrare, aggiungendo prove testuali dettagliate, quanto questo protagonista di Bernhard sia diverso da uno qualsiasi dei suoi predecessori. Viene esaminato l'uso di alcune parole di Bernhard, come "Mensch" e "naturgemäß", e viene delineato uno sviluppo chiaro delle opere precedenti (pentalogia e Beton). Murau è felice a Roma, il suo "paradiso", e affronta psicologicamente i ricordi e i problemi associati al ritorno forzato a Wolfsegg, la sede di famiglia in Austria. L'ultima sezione di questo Capitolo, "Scrivere contro la morte", è divisa in tre sottosezioni: "Wolfsegg e Roma", "Obliterazione" e "Critica sociale". In "Wolfsegg e Roma", esaminerò i riferimenti al contrasto tra il Nord e il Sud (riflesso nei severi confronti tra Wolfsegg e Roma) che tradiscono più di quanto non sembri. Ad esempio, i ricordi dell'amato zio umanista di Murau e la fiducia psicologica che la sua vita a Roma gli dà, gli consentono di confrontarsi con la sua famiglia e le esperienze passate a Wolfsegg quando torna per il funerale dei suoi genitori e fratello recentemente deceduti in un incidente. Nella seconda sottosezione, "Obliterazione", la mia stretta analisi testuale mostrerà che l'obliterazione può, in effetti, essere esattamente l'opposto di ciò che sembra essere: "cancellando" la sua casa d'infanzia e adolescenza (eliminandola e cancellandola dalla sua mente), Murau è paradossalmente in grado di preservare la sua identità e la sua felicità a Roma. È in grado di guardare a un futuro più positivo e pieno di speranza. Nella sottosezione finale, "Critica sociale", attiro l'attenzione sul rinnovato e positivo esito degli attacchi di Murau al nazionalsocialismo e al cattolicesimo. Nelle precedenti opere di prosa di Bernhard, il commento politico era stato limitato alla satira accidentale (Amras 1964, per esempio) o alle escursioni imbarazzanti (come nella pentalogia e Beton). Murau, invece, affronta direttamente le domande sulla storia recente dell'Austria che si interseca con il suo passato; è quindi in grado di effettuare una "elaborazione" più completa dei suoi ricordi rispetto a tutti i precedenti protagonisti bernhardiani, poiché riunisce l'espiazione della sua identità personale e nazionale nell'atto unico di rinuncia a Wolfsegg, che donerà alla Comunità ebraica di Vienna. Rudolf finisce per essere un essere sociale reintegrato che non ha permesso ai suoi alti standard e grandi aspettative di distruggerlo. È sopravvissuto e la sua sopravvivenza non è solo fisica; è anche una vittoria emotiva (la sua vita a Roma) e morale (cessione di Wolfsegg alla Comunità ebraica).

La CONCLUSIONE riunisce le questioni di comunicazione e speranza esplorate nel corpo principale del mio studio e traccia uno sviluppo delle opere in discussione, mostrando quanto siano complementari questi due concetti. Viene comprovato che la pentalogia segna l'inizio della speranza; Beton rappresenta una figura che si allontana dai suoi sforzi intellettuali e si concentra sulle persone, finendo per raggiungere momenti limitati ma reali di felicità. Le circostanze personali di Murau ad Auslöschung sono del tutto più tranquille e la speranza è molto più di una semplice possibilità o di un lontano ricordo; più di tutti i suoi predecessori nella prosa di Bernhard, Murau raggiunge l'autosufficienza e una comunicazione umana positiva.

In sintesi, lo scopo dello studio è quello di esporre e analizzare gli aspetti della comunicazione e della speranza ricorrenti nelle opere in prosa di Barnhard dopo il 1975. Questo risultato è ottenuto attraverso una lettura approfondita rafforzata da testimonianze biografiche, letterarie e personali pertinenti al fine di rivalutare la narrativa ultima di uno scrittore la cui ricezione sensazionale e immagine pubblica hanno troppo spesso messo in ombra le sue qualità letterarie. Si spera che, intraprendendo un esame critico delle narrazioni selezionate, questo Wikibook riempia una lacuna critica nel consistente materiale secondario su Bernhard.

Note[modifica]

  1. Si veda Hans Holler, Thomas Bernhard (Reinbek bei Hamburg: Rowohlt, 1993), p.7; Bernhard Sorg, Thomas Bernhard, Beck'sche Reihe, Autorenbücher, 627, II ed., rev. dall'autore (Munich: Beck, 1992), p.7. In questo, e nei capitoli successivi, dove il genere maschile viene usato per riferirsi al lettore, si deve sempre e comunque considerare ed includere il genere femminile. Il genere femminile è pertanto stato omesso solo per facilità di lettura. Parimenti, per facilità di lettura e, se del caso, "egli" o "uomini" sono usati per riferirsi al genere umano o a "uomini e donne" dove Bernhard usa semplicemente "Mensch" o "Menschen".
  2. Per una riproduzione fotocopiata del testamento di Bernhard si veda: Thomas Bernhard - Karl Ignaz Hennetmair: Em Briefwechsel 1965-1974, cur. Peter Bader in collaborazione con Karl Ignaz Hennetmair (Weitra: Bibliothek der Provinz, 1994), pp. 12-14.
  3. Ci sono molti resoconti sulla posizione ambigua di Bernhard nei confronti dell'Austria. Un buon esempio dell'iperbole e delle risposte emotive polarizzate suscitate dalle sue esplosioni antiaustriache si trova in: Dieter Kindermann, "Das darf man sich nicht gefallen lassen", Neue Kronen Zeitung, 10 ottobre 1988. Per una difesa di Bernhard come patriota, vedi: Friedrich Heer, "Bin österreichischer Patriot", in Thomas Bernhard: Portraits, Bilder und Texte, cur. Sepp Dreissinger (Weitra: Bibliothek der Provinz, 1991), pp. 47-9.
  4. Si veda: Fritz Rumler, "Alpen-Beckett und Menschenfeind", Der Spiegel, 31 luglio 1972, p.98.
  5. Helen Chambers, "Thomas Bernhard", in After the "Death" of Literature: West German Writing of the 1970s, cur. Keith Bullivant (Oxford: Berg, 1989), pp. 197-211 (p.208).
  6. Queste conclusioni si basano su accertamenti fatti da Walter Weiss ('zugleich Verzerrung und Erhellung der Wirklichkeit'): Walter Weiss, "Thomas Bernhard — Peter Handke: Parallelen und Gegensätze", in Literarisches Kolloquium Linz 1984. Thomas Bernhard: Materialien, cur. Alfred Pittertschatscher & Johann Lachinger (Linz: ORF Landesstudio Oberosterreich, 1985), pp.1-17 (p.14). Wendelin Schmidt-Dengler discute delle necessità di Bernhard "die Welt zu entstellen, um sie kenntlich zu machen". Si veda: Wendelin Schmidt-Dengler, Der Übertreibungskünstler: Zu Thomas Bernhard, II ed., rev. dall'autore (Vienna: Sonderzahl, 1989), p. 104.
  7. Si veda int. al.: Hans Joachim Piechotta, '"Naturgemäß": Thomas Bernhards autobiographische Bücher', Text + Kritik 43 (1982), 8-24; o la sezione intitolata '"Anschauung", "Künstlichkeit", "Übertreibung"' in: Alfred Pfabigan, Thomas Bernhard: Ein österreichisches Weltexperiment (Vienna: Zsolnay, 1999), pp.249-57; l'analisi specifica della parola "Auslöschung" in: Silke Schlichtmann, Das Erzählprinzip "Auslöschung": Zum Umgang mil Geschichte in Thomas Bernhards Roman "Auslöschung: Ein Zerfall", Trierer Studien zur Literatur, 27 (Frankfurt: Peter Lang, 1996), pp.23-31. Esiste anche un breve appunto sull'argomento: Ernst Strouhal, "Naturgemäß", in Der Bernhardiner. Ein wilder Hund: Tomaten, Satiren und Parodien über Thomas Bernhard, cur. Jens Dittmar (Austria [n.p.]: Edition S, 1990), pp.80-2. Questo volume contiene trentanove pezzi e altri articoli umoristici che confermano molti dei pregiudizi sul negativismo e l'illegibilità tradizionalmente associati all'opera di Bernhard.
  8. Schmidt-Dengler, Übertreibungskünstler, pp.93-4.
  9. Ibid., pp.93-106. Questo capitolo (intitolato "Bernhards Scheltreden: Um-und Abwege der Bernhard-Rezeption") fornisce un utile riassunto della maggiori controversie incentrate su Bernhard; apparso originalmente in: Pittertschatscher e Lachinger, pp.89-112. Per una seria introduzione alla provocazioni pubbliche di Barnhard, si veda: Holler, Thomas Bernhard, pp. 7-17. Per resoconti più dettagliati, in forma di lunghe conversazioni sul comportamento imprevedibile ed eccentrico di Bernhard, si vedano le segg. opere: Maria Fialik, Der konservative Anarchist: Thomas Bernhard und das Stoats-Theater (Vienna: Löcker, 1991) e: Maria Fialik, Der Charismatiker: Thomas Bernhard und die Freunde von einst (Vienna: Löcker, 1992).
  10. Per un introduzione, molto succinta ma utile, alla scena letteraria postbellica in Austria, si veda: Stephen D. Dowden, Understanding Thomas Bernhard (Columbia, SC: University of South Carolina Press, 1991), pp.11-15. Per uno studio aggiornato e dettagliato: Wendelin Schmidt-Dengler, Bruchlinien: Vorlesungen zur österreichischen Literatur 1945 bis 1990 (Salzburg e Vienna: Residenz, 1996).
  11. Dowden, p.2 [corsivo nell'originale].
  12. L'ultimo grande atto di provocazione di Bernhard fu la sua opera teatrale Heldenplatz (1988). Il furore pubblico si riversò sui giornali. Per una selezione delle reazioni, tra cui il famigerato Neue Kronen Zeitung, si veda: Burgtheater [s.a.], Heldenplatz: Eine Dokumentation (Vienna: Burgtheater, 1989), p.251.
  13. Burgtheater, Heldenplatz, p. 124.
  14. Ibid., p.34. Per l'articolo originale, si veda: Kotanko Kittner, "Waldheim: In der Burg kein Platz für Heldenplatz", Kurier, 11 ottobre 1988.
  15. Per ulteriori dettagli, si veda: Sigrid Loffler, "Wiederganger und Kultfigur", Die Zeit, 11 febbraio 1999 (ma in vecchi scellini).
  16. L'affare Onkel Franz è discusso nel Capitolo 1; la controversia di Holzfällen con Gerhard Lampersberg, ex-amico e mecenate di Bernhard, è spiegata all'inizio del Capitolo 3.
  17. Ciò è particolarmente vero per il mondo anglofono; si veda, per esempio, il compendio delle recensioni nordamericane e inglesi fino al 1988, in: Donald G. Daviau, "The Reception of Thomas Bernhard in the United States", Modern Austrian Literature, 21 (1988), 3/4, 243-66.
  18. D.A. Craig, "The Novels of Thomas Bernhard: A Report", German Life and Letters, 25 (1971-2), 343-53.
  19. Ibid.,p. 348.
  20. Un certo numero di critci hanno fatto un collegamento tra la formazione musicale di Bernhard e la natura musicale della sua prose narrativa, come ho tra l'altro enunciato nel mio Wikibook: Thomas Bernhard. Si veda anche: Andrea Reiter, "Thomas Bernhards «musikalisches Kompositionsprinzip»", Literaturmagazin, 23 (1989), 149-68; Andreas Herzog, "Thomas Bernhards Poetik der prosaischen Musik", Zeitschrift für Gennanistik: Neue Folge, 4 (1994), 35-44.
  21. Dowden, pp.7-8.
  22. Krista Fleischmann, Thomas Bernhard – Eine Begegnung: Gespräche mit Thomas Bernhard (Vienna: Edition S, 1991), p.274 [corsivo nell'originale].
  23. Dowden, p. 8.
  24. Löffler, "Wiedergänger und Kultfigur".
  25. Wolfgang Schreiber, "Von der Kalte in den Frost", Süddeutsche Zeitung, 12 febbraio 1999.
  26. Ibid.
  27. Bernhard non era affatto un solitario del tutto asociale; riceveva regolarmente amici, tra cui Karl Ignaz Hennetmair, Claus Peymann e Wieland Schmied, nonché il sottoscritto, nella sua casa di Ohlsdorf. Si veda, ad esempio, la sezione "Freunde" (fotografie con alcuni testi) nella vasta e impressionante collezione di cimeli di Bernhard tenuta dall'artista austriaco de:w:Sepp DreissingerSepp Dreissinger, tra cui fotografie, citazioni, resoconti personali e articoli: Dreissinger, Thomas Bernhard: Portraits, pp. 163-76. Cfr. anche il breve ma brillante riferimento personale di Krista Fleischmann nello stesso volume (p. 203). Altre utili fonti di informazioni sull'interazione con gli amici nella vita reale di Bernhard, sono disponibili in: Gerda Maleta, Seteais: Tage mit Thomas Bernhard (Weitra: Bibliothek der Provinz, 1992) e: Bader, Thomas Bernhard – Karl Ignaz Hennetmair.
  28. Christiane Zintzen, "Nach dem Skandal: Neue Annäherungen an Thomas Bernhard", Neue Zürcher Zeitung, 8/9 maggio 1999.
  29. Si veda: Löffler, "Wiedergänger und Kultfigur"; Schreiber, "Von der Kälte in den Frost", e : Zintzen, "Nach dem Skandal: Neue Annäherungen an Thomas Bernhard".
  30. Ingeborg Bachmann, "Gläserne Ruhe im Umgang mil einer zerbröckelnden Welt", Die Zeit, 11 febbraio 1999. Questo frammento inedito, che risale al 1969, fu ricostruito dalle carte postume della Bachmann da Monika Albrecht e Dirk Gottsche.
  31. Ibid.
  32. Dowden, p.xiii [corsivo nell'originale].
  33. Il documento di Schmidt-Dengler, originalmente intitolato 'Zurück zu den Texten: ein Versuch Thomas Bernhard neu zu lesen", appare tra i documenti della conferenza tre anni dopo con un titolo differente e più specifico: Wendelin Schmidt-Dengler, "Zurück zum Text: Vorschläge für die Lektüre von Thomas Bernhards Frost", in Thomas Bernhard: Beiträge zur Fiktion der Postmoderne. Londoner Symposion, Publications of the Institute of Germanic Studies, University of London, 69, cur. Wendelin Schmidt-Dengler, Adrian Stevens, e Fred Wagner (Frankfurt: Peter Lang, 1997), pp.201-20.
  34. Schmidt-Dengler, "Zurück zum Text', pp.202-3. Per un resoconto esaustivo degli articoli recenti e informazioni su sul carteggio postumo di Bernhard e la decisione di Peter Fabjan (suo fratellastro) di aprire gli archivi contro le ultime volontà di Bernhard espresse nel suo testamento, si veda: "Testament und Stiftung – Thomas Bernhard". Fachdienst Germanistik 6 (1998), 2-3.
  35. Ibid., p.203.
  36. Dowden, pp.9-10 [corsivo nell'originale].
  37. Si veda: Martin Chalmers, "Introduction" in: Thomas Bernhard, Concrete, trad. (EN) David McLintock (London: Quartet, 1989) p.v. Non ci sono numeri di pagina; vengono usati numeri romani per riferirsi al testo di Chalmers nell'introduzione. Questa traduzione (EN) venne pubblicata per la prima volta nel Regno Unito cinque anni prima: Thomas Bernhard, Concrete, trad. David McLintock (London: Dent, 1984). La mia edizione (EN) è di Faber & Faber del 2013.
  38. Fleischmann, Thomas Bernhard – Eine Begegnung, p. 15.