Antologia ebraica/Misericordia e Verità

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Festa di Shavuot (dipinto di Moritz Daniel Oppenheim 1800–1882)

Da uomo a uomo[modifica]

Nachman di Breslov
Ucraina, XVIII-XIX secolo

Ci sono uomini che soffrono angosce terribili e sono incapaci di esternare ciò che sentono nei loro cuori, e continuano per la loro strada e soffrono, soffrono. Ma se incontrano qualcuno dal volto ridente, costui li può far rianimare con la propria gioia. E far rianimare un uomo non è cosa da poco.

Compassione per le creature viventi[modifica]

da Talmud e Midrash
LE SOFFERENZE DI RABBI GIUDA IL PRINCIPE

Le sofferenze di Rabbi Giuda il Principe gli capitarono durante un certo episodio, e dopo un certo altro episodio se ne andarono.
Gli capitarono durante un certo episodio — come successe? Un vitello che veniva portato al macello gli si accostò e mise il suo capo nel grembo di Rabbi Giuda e pianse. Ma Rabbi Giuda disse: "Vai, tu sei stato creato per questo."
Allora si disse: "Poiché egli non ebbe misericordia, gli capiteranno sofferenze."
Dopo un certo altro episodio se ne andarono: Un giorno la domestica di Rabbi Giuda stava spazzando la casa e voleva spazzar via e cacciare alcuni cuccioli di donnola. Ma egli disse: "Lasciali stare; sta scritto: «Il Signore è buono con tutti; e le sue dolci misericordie ricoprono tutte le Sue opere»."
Allora si disse: "Poiché ha mostrato misericordia, misericordia gli sarà mostrata."

I PASTORI

"Il Signore mette alla prova il giusto." E dove lo mette alla prova? Facendogli pascolare le pecore.
Pertanto mise alla prova Davide con le pecore, e lo reputò un buon pastore; poiché egli teneva le pecore più grandi dietro alle più piccole e conduceva le più piccole per prime al pascolo cosicché potessero brucare le punte più tenere dell'erba. poi portava lì le pecore anziane, in modo che mangiassero il fili d'erba ordinari, e per ultime portava lì le pecore giovani, cosicché potessero brucare i gambi più duri.
Allora il Santo, che Egli sia benedetto, disse: "Colui che sa come pascolare le pecore, ciascuna secondo la sua forza, verrà a pascolare il mio popolo." Ciò è stato scritto: "Lo portò via dalle pecore che allattavano, per pascere Giacobbe suo popolo."[1]
Ed il Santo, che sia benedetto, mise alla prova Mosè, sempre alla maniera delle pecore. I nostri maestri dissero che una volta quando Mosè, nostro maestro, la pace sia con lui, stava pascolando il gregge di Jetro, vicino al deserto, un piccolo capro scappò. Allora gli corse dietro finché arrivò ad un dirupo roccioso. E quando ebbe raggiunto la sporgenza rocciosa, presso uno stagno, il capretto si fermò a bere. Quando Mosè gli si avvicinò, gli disse: "Oh, non sapevo che tu fossi scappato perché avevi sete. Ora sei stanco." Così se lo caricò sulle spalle e ritornò.
Allora Il Santo, che sia benedetto, disse: "Hai mostrato compassione così nel pascolare il gregge di colui che è fatto di carne e sangue. Di certo sarai tu che pascolerai il mio gregge, Israele!"

LA CREAZIONE DEL MONDO

"In principio Dio creò."[2]
Non sta scritto "Il Signore creò":
per primo gli venne in mente il piano
di creare il mondo con l'attributo di giustizia;
poi vide che così il mondo non poteva durare,
e vi mise prima l'attributo di misericordia e lo aggiunse all'attributo di giustizia.
Ecco perché [in seguito] sta scritto:
"Nel giorno in cui il Signore Dio fece la terra e il cielo."

L'IMITAZIONE DI DIO

Rabbi Hama ben Rabbi Hanina disse:
Sta scritto: "Seguirete il Signore, il vostro Dio."
Cosa significa questo? È possibile per l'uomo seguire la Presenza di Dio? Non sta forse scritto: "Poiché il Signore Dio tuo è un fuoco divorante"? Ciò che significa è che seguiremo gli attributi del Santo, che Egli sia benedetto.
Come Egli veste gli ignudi – poiché sta scritto: "E il Signore Dio fece all'uomo e alla donna tuniche di pelli e li vestì"[3] – così anche tu farai: vestirai gli ignudi.
Il Santo, che sia benedetto, visitò gli infermi, poiché sta scritto: "Poi il Signore apparve a lui alle Querce di Mamre."[4] Così farai anche tu: visiterai gli infermi.
Il Santo, che sia benedetto, confortò coloro che erano in lutto, poiché sta scritto: "E successe che dopo la morte di Abramo, Dio benedisse il figlio di lui Isacco."[5] Fai parimenti: conforta coloro che sono in lutto.
Il Santo, che sia benedetto, seppellì i morti, poiché sta scritto: "E fu sepolto nella valle, nel paese di Moab."[6] Fai parimenti: seppellisci i morti.
Rabbi Simlai spiegò:
La Torah: Inizia col dimostrare misericordia e finisce col dimostrare misericordia.
Inizia col dimostrare misericordia, poiché sta scritto:
"E il Signore Dio fece all'uomo e alla donna tuniche di pelli e li vestì."
Finisce col dimostrare misericordia, poiché sta scritto: "E fu sepolto nella valle, nel paese di Moab."

Amore del prossimo e di Dio[modifica]

Samuel Laniado

Il brutto strumento[modifica]

Da Derekh Eretz Rabbah

Il vero medico[modifica]

Asaph Judaeus

La moglie malata[modifica]

Solomon ben Isaac (Rashi)

Il servitore[modifica]

Mosè Maimonide

Una storia del ricco e del povero[modifica]

Dal Maasiyot

Dell'odio[modifica]

Jacob ben Wolf Kranz

Maldicenze e livore[modifica]

Yonah ben Abraham Gerondi

Il povero[modifica]

Da Talmud e Midrash

Note[modifica]

  1. Salmi 78:71.
  2. Secondo la tradizione talmudica, la parola Dio è interpretata a significare "attributo di giustizia" e Signore è inteso a significare "attributo di misericordia".
  3. Genesi 3:21.
  4. Genesi 18:1.
  5. Genesi 25:11.
  6. Deuteronomio 34:6.