Disturbi mentali/Disturbi del tono dell'umore/Fattori di vulnerabilità

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

eredità[modifica]

Sembra che non si erediti una malattia ma una condizione di maggiore suscettibilità. Al momento non risulta essere stata prodotta una spiegazione definitiva. La cultura psicodinamica, quella fenomenologico-esistenziale, la psicoterapia dialettica e in genere le terapie a orientamento psicologico prediligono una spiegazione della genesi del disturbo che individua cause di natura psicologica, nell'ovvia considerazione che il fattore psicologico altera i dati neuroendocrini e nel tempo anche quelli neuroanatomici. La spiegazione biologica privilegia invece spiegazioni che individuano in primis cause di tipo organico.

Aspetti neuromorfologici: lesioni dell'emisfero cerebrale dx sono spesso associate a disturbi dell'umore di tipo depressivo, mentre lesioni dell'emisfero sx provocano frequentemente disinibizione e fatuità. Aspetti neurochimici e farmacologici: *La serotonina, fondamentale nella regolazione del tono dell'umore, controlla molte altre funzioni come l'appetito, il desiderio sessuale, la socialità. Per questo il sistema serotoninergico è considerato centrale nella patologia dell'umore. *Altra ipotesi biochimica riguarda il neuropeptide Y (grossa proteina che si trova nel S.N.) dotato di azione neurotrasmissiva che interviene nella regolazione dei ritmi circadiani a livello ipotalamico e che sarebbe distribuito, in base alle caratteristiche genetiche, in maniera diversa tra soggetti depressi e normali.

Aspetti neurofisiologici[modifica]

Studi sul flusso cerebrale con la SPECT e studi compiuti con la PET su pazienti con disturbo dell'umore evidenziano una disfunzione a livello della corteccia prefrontale di sx con una più generale disfunzione dell'emisfero di sx. *Studi neuropsicologici con EEG hanno evidenziato in pazienti depressi alterazioni funzionali dell'emisfero dx. *Studi sul sonno mediante l'EEG hanno mostrato come nel corso della depressione si modifichino le caratteristiche del sonno fino alla deprivazione della fase REM (quella durante la quale si sogna)… che riappare alla fine dell'episodio depressivo.

Aspetti endocrinologici[modifica]

Il sistema ipotalamo-ipofisario è fondamentale nella risposta allo stress. In pazienti depressi i livelli ematici dell'ormone della crescita GH sono ridotti durante la notte; prolattina PRL e melatonina mostrano valori inferiori alla media con normalizzazione alla guarigione Aspetti psicologici: Mentre prima si riteneva che l'individuo caratterialmente triste o euforico fosse da considerarsi solo come "una persona fatta così", si è visto che queste caratteristiche psicologiche corrispondono a un preciso substrato biologico. *Comuni a determinati temperamenti sono la variazione tra mattina e sera del tono dell'umore e del funzionamento cognitivo, le alterazioni del sonno o anche del comportamento sociale o alimentare. Da sottolineare che la personalità del candidato alla depressione non è "debole" anzi, appare fortemente caratterizzata. D'altra parte la depressione non è una debolezza del carattere ma un disturbo ben preciso, e come tale può affliggere chiunque.