Disturbi mentali/Disturbi del tono dell'umore/Storia dalla melanconia al disturbo bipolare dell’umore

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Storia dalla melanconia al disturbo bipolare dell’umore Dall’antico concetto di melanconia si è passati a quelli di psicosi maniaco-depressiva e poi al distur bipolare dell’umore.

Grecia Antica[modifica]

basandosi sulla teoria dei 4 umori (sangue, bile gialla, bile nera e flegma), si pensava che un eccesso di bile nera fosse l’origine della melanconia ( = appunto “melanconia”)

fine del 700[modifica]

Pinel in Francia e Chiarugi a Firenze, basarono l’origine della melanconia sulla monomania (= “delirio triste” , idea fissa che assorbe ogni facoltà e che può diventare furiosa fino alla mania)

Falret[modifica]

definì questi quadri “follia circolare” proprio per il passaggio da una fase inibita a una eccitata.

Kraepelin[modifica]

basandosi sull’osservazione dei pazienti in manicomio, parlò di psicosi maniaco-depressiva includendoci tutte le alterazioni dell’umore (sia depressive che esaltate). Secondo lui mania semplice, melanconia e follia circolare potevano ripetersi e alternarsi senza condurre a un deterioramento mentale.

Fino a qualche anno fa...[modifica]

si parlava di depressione reattiva e depressione endogena, ma oggi questa distinzione non è più considerata utile perché ogni disturbo, anche clinicamente lieve, viene comunque considerato una “rottura” della personalità e quindi richiede una qualche terapia.

Dagli anni 60[modifica]

il concetto di psicosi maniaco-depressiva è stato sostituito da disturbo monopolare (disturbo dell’umore in cui la depressione generalm. grave e recidivante rappresenta la sola alterazione dell’umore); disturbo bipolare (disturbo dell’umore in cui la depressione si alterna a episodi di eccitamento maniacale). Di fronte a un soggetto depresso ma con precedenti di eccitamento, si diagnosticherà “episodio depressivo in disturbo bipolare”.

Altro concetto a cui si fa riferimento è quello di spettro dei disturbi affettivi che include oltre ai disturbi già elencati, anche disturbi psichiatrici come attacchi di panico, fobie, …, certi disturbi di personalità come personalità isterica, fanatica, … e alcune malattie somatiche come il colon irritabile, certe forme di cefalea,…