Sardo/Aggettivi

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.

Classi degli aggettivi[modifica]

L'aggettivo è ripartito in tre classi: la prima terminante in -u / -a (corrispondente alla 2ª classe dei sostantivi), la seconda terminante in -e in ambedue i generi (corrispondente alla 3ª classe dei sostantivi), la terza terminante in -eri / -era (dunque analoga alla 5ª classe dei sostantivi).

  • Zente malintragnada ; Soriche mannu
  • Omines fortes
  • Pranta furistera

Aggettivazione composta[modifica]

Sono frequenti gli aggettivi composti, à la latina, da un sostantivo ed un aggettivo. Pertanto la traduzione, almeno letterale, in italiano risulta spesso una perifrasi. La vocale finale del sostantivo, che precede sempre l'aggettivo, muta in -i.
Così, ad esempio: Pilu + Canu / -a = Pilicanu / -a (canuto/-a); Barba + Longu / -a = Barbilongu (dalla lunga barba); Coro + Tostu / -a = Coritostu / -a (lett. "dal cuore duro").

Gradi dell'aggettivo[modifica]

Analogamente all'italiano, il sardo non presenta una gradazione semplice dell'aggettivo, ma composta:

  • Prus (più) + agg. = magg.
  • Meda (molto) + agg. = magg.
  • Prus pacu (meno) + agg. = min.

Nel sardo si sono, tuttavia, conservate tali forme derivanti dal latino:

Bonu /-a (buono /-a) → Menzus (migliore , meglio) → Ottimu /-a (ottimo /-a)
Malu /-a (cattivo /-a) → Pejus (peggiore, peggio) → Pessimu /-a (pessimo /-a)
Mannu /-a (grande) → Majore♦ , Mazore♦
→ Prus mannu /-a (più grande)
→ Massimu /-a (massimo /-a)
Minore (piccolo /-a) → Prus minore (più piccolo /-a) → Minimu /-a (minimo /-a)
Meda (molto) → Prus (più)

♦Le forme Majore e Mazore sono relittuali: la prima è presente solo nei nomi di luogo (es. Sa via majore, l'attuale "Corso Garibaldi" di Nuoro), l'altra è presente nella locuzione sos mazores (gli anziani, gli antenati).

Inoltre esiste una forma relittuale di superlativo latino, ma nel sardo ha valore positivo e si riferisce solo a bestie di sesso femminile: prossima (gravida).

Aggettivi dimostrativi[modifica]

  • Custu-Custos/Custa-Custas = questo-questi/questa-queste (vicinanza al locutore)
  • Cussu-Cussos/Cussa-Cussas = codesto-codesti/codesta-codeste (vicinanza all'ascoltatore)
  • Cuddu-Cuddos/Cudda-Cuddas = quello-quelli/quella-quelle (lontananza dal locutore e dall'ascoltatore)

Aggettivi possessivi[modifica]

  • Meu/Mea = mio/mia
  • Tou/Tua = tuo/tua
  • Sou/Sua = suo/sua
  • Nostru/Nostra = nostro/nostra
  • Bostru = vostro/vostra
  • Issoro = (di) loro

Aggettivi indefiniti[modifica]

  • Unos/-as cantos/-as = alcuni/-e
  • Cada = ciascuno/-a
  • Donzi = ogni
  • Carchi = qualche
  • Carchidunu/-a = qualcuno/-a
  • Atteretantu/-a = altrettanto/-a
  • Atteru/-a = altro/-a
  • Nessunu/-a = nessuno/-a
  • Perunu/-a = alcuno/-a
  • Tantos/-as = tanti/-e
  • Paritzu/-a = parecchio/-a
  • Tzertu/-a = certo/-a
  • Calicunu/-a = qualcuno/-a
  • Anzenu/-a = altrui

Aggettivi interrogativi[modifica]

  • Itte? = che?
  • Cale/-es? = quale/quali?
  • Cantu/-a , cantos/-as? = quanto/-a , quanti/-e?

Aggettivi di località[modifica]

La maggior parte degli aggettivi riportanti appartenenza ad una località termina in esu /-a, ma ve ne sono molti formati anche con inu /-a ed incu /-a. Ad es.:

S'aligaresu /-a = algherese , di Alghero
Orunesu /-a = orunese , di Orune
Bittichesu /-a = bittese , di Bitti
Tiesinu /-a = thiesino /-a, di Thiesi
Ozastrinu /-a = ogliastrino /-a, dell'Ogliastra
Bosincu /-a = bosano /-a, di Bosa
Lurisincu /-a = lurese, di Luras

Costruzioni perifrastiche ed aggettivi di esclamazione[modifica]

Il sardo si serve di perifrasi, aventi bonu / mal(u) a + infinito, in sostituzione di aggettivi specifici. Ad es.:

Maladia mal'a sanare = malattia incurabile
Pitzinnos malos a ghirare = bambini restii a tornare (a casa)

Esiste inoltre una costruzione esclamativa tanto usata, da essersi anche ben mantenuta nell'italiano dei sardi: bètte + sostantivo = che gran ... !

Bette preda ses!
Bette votu (piccau in iscola)!
Bette favula!