Sardo/Sostantivi

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Classi[modifica]

Il sostantivo, nel sardo, è compreso in sei classi distinte: il plurale si forma aggiungendovi la -s, eccettuate la 2ª e la 6ª terminanti più specificatamente in -os.

Prima[modifica]

Classe di lemmi terminanti in -A. I sostantivi maschili sono stati acquisiti recentemente: ad es., su problema/sos problemas, su papa/sos papas, su sistema/sos sistemas etc. Quelli femminili sono invece numerosi e di ben più antico retaggio: ad es. sa rosa/sas rosas, sa temporada/sas temporadas etc.

Seconda[modifica]

Classe di lemmi terminanti in -U. Predominano i sostantivi maschili (su campu/sos campos, etc.), mentre quelli femminili sono solo tre (s'acu/sas acos, sa ficu/sas ficos, sa manu/sas manos).

Terza[modifica]

Classe di lemmi terminanti in -E. Scarsa la presenza di sostantivi femminili (es. sa muzere/sas muzeres), sono invece numerosi quelli maschili; fra questi, figurano quelli di agente (es. su gherradore, su cantadore etc.) resi, nel femminile, in -a (sa gherradora/sa cantadora).

Quarta[modifica]

Classe di lemmi terminanti in -O. Scarsamente rinvenibili i sostantivi maschili (es. su coro/sos coros, su sero/sos seros, su tesoro/sos tesoros etc.), l'unico femminile è sa domo/sas domos.

Quinta[modifica]

Classe di lemmi terminanti in -ERI. Alcuni vocaboli indicanti oggetti e luoghi (es. su pratteri/sos pratteris, su tzilleri/sos tzilleris etc.), molti la professione (es. su barberi/sos barberis, su carabineri/sos carabineris etc.) o finanche condizione (es. su presoneri/sos presoneris); in femminile, sono resi in -a (es. sa presonera/sas presoneras).

Sesta[modifica]

Classe di lemmi terminanti in -US e -IS; sono pochi vocaboli, benché molto usati (es. Deus, Zesus, su pettus, su corpus, su sidis), figurandovi anche giorni della settimana quali lunis, martis e mércuris.

NOTE[modifica]

  • Per i nomi di piantagioni, coltivazioni, etc. prevale il singolare collettivo. Es. su predinzanu (le melanzane), sa fae (le fave), s'achina (l'uva), su barracocco (le albicocche) etc.