Immagini interpretative del Gesù storico/Gesù e l'Ebraismo

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Christus im Gebet.jpeg
Ingrandisci
Cristo in preghiera di Ernst Hildebrand (1896)

Gesù e l'Ebraismo Carismatico[modifica]

I vangeli canonici descrivono Gesù come uno che esorcizza e guarisce i malati. Questa immagine di Gesù sembra essere la più persistente di tutte. Troviamo allusioni alle sue gesta notevoli nel Testimonium Flavianum: "...ἧν γὰρ παραδόξων ἔργων ποιητής" (Ant XVIII.63). La questione se questa parte fosse un'interpolazione cristiana in Flavio Giuseppe non ha bisogno di essere chiarita per capire da essa che Gesù era conosciuto come qualcuno che compiva azioni straordinarie. Sanders concluse che i miracoli non erano prove sufficienti per aiutarci a descrivere il tipo religioso di Gesù (Sanders 1985:172). Anche se questo può essere vero, i miracoli e gli esorcismi sono una ragione sufficiente per collocare il tipo religioso di Gesù all'interno dell'ebraismo carismatico.

Ebraismo carismatico[modifica]

Vermes usa il termine "ebraismo carismatico" per descrivere guaritori, esorcisti e santoni che operavano tra il popolo ebraico (Vermes 1983b:58-69). Secondo Crossan (1991:137), le persone descritte come carismatiche non erano vincolate al modo prescritto di relazionarsi con Dio. Potevano essere visti come concorrenza per la religione stabilita, legata al Tempio e alla Legge. Il loro modo di agire non incontrava l'approvazione dei Farisei o dei sacerdoti come abbiamo visto sopra.

I carismatici e le classi sociali inferiori[modifica]

Il fenomeno carismatico in sé per sua natura faceva parte delle classi inferiori (Theissen 1978:352). È difficile convalidare il rapporto delle figure carismatiche con le classi inferiori perché lavoriamo con la letteratura prodotta dalle classi superiori alfabetizzate. La letteratura quindi ci fornisce solo le opinioni di una certa parte della società che non si sentiva molto ben disposta nei confronti del fenomeno carismatico. Flavio Giuseppe, ad esempio, diede un breve accenno ai carismatici, ma sono sempre caratterizzati in modo tale che le loro attività non sono significative di per sé, ma solo come parte di una narrazione più ampia. Ciò significa che tutte le istanze di attività carismatica non sono a nostra disposizione e quelle che lo sono, sono molto unilaterali.

Possiamo presumere che il fenomeno carismatico abbia avuto il suo più grande seguito tra i contadini perché le figure carismatiche che conosciamo provenivano principalmente dai contadini (Horsley 1985:453-454). Elia ed Eliseo erano contadini (1 Re 17:1;19:19). Gesù ben Hananiah, di cui parleremo più avanti, era un plebeo (Flavio Gius. BJ 6.5.3 § 300).

Gesù è raffigurato come un artigiano (τέκτων Marco 6:3) e questo lo rese quindi parte delle classi inferiori. Passò la maggior parte del suo tempo in compagnia di persone delle classi inferiori.

Anche il modo in cui si comportarono alcune delle figure carismatiche era una minaccia per l'establishment. Molte figure come Giovanni Battista e Banus (Flavio Gius., Vit 2) si ritirarono nel deserto e vissero dei prodotti offerti dalla terra. Questi atti di isolamento furono diretti senza mezzi termini come critica contro la società. Nell'Antico Testamento troviamo numerosi esempi di critica oracolare diretta contro i capi del popolo. Flavio Giuseppe racconta il caso di Gesù ben Ananias (ישוע בן חנניה - Yeshua ben Hananiah). Prima della caduta di Gerusalemme, annunciò un giudizio contro la città e il Tempio. Ciò fece infuriare le classi superiori a tal punto che cercarono di zittirlo con una severa punizione fisica. Ma egli mantenne le sue condanne per sette anni e cinque mesi prima di essere ucciso durante l'assedio della città (Flavio Gius. BJ 6.5.3 § 300-309).

Luca descrive Gesù come qualcuno molto critico nei confronti dei ricchi (6:24-25). Questo punto di vista si trova anche negli altri vangeli canonici. Il movimento di Gesù nel suo insieme potrebbe essere visto come una critica carismatica contro i valori prevalenti della società (Theissen 1978:343-360).

Profeta e carismatico[modifica]

I primi esempi nell'Antico Testamento di carismatici sono generalmente considerati Elia ed Eliseo (Hengel 1981:16). Figure più vicine nel tempo a Gesù come Honi, Hanina e Giovanni Battista, furono tutte paragonate a Elia in un modo o nell'altro.

Le figure carismatiche si presentavano in diverse forme. Nella maggior parte dei casi venivano chiamati profeti nell'ambiente palestinese. Figure carismatiche che si comportavano allo stesso modo generale di quelle in Palestina, si trovavano in molte civiltà e religioni. I filosofi greci potrebbero essere visti come figure carismatiche nella società ellenistica. Hengel (1981:25) collega i filosofi greci agli sciamani indo-germanici la cui condotta era vicina a quella di persone come Honi e Hanina. Quando discutiamo del fenomeno carismatico dobbiamo tenere presente che l'ellenismo era la cultura predominante e che le diverse figure carismatiche avrebbero potuto influenzarsi a vicenda nelle società dominate dall'ellenismo. Il termine "carismatico" non dovrebbe quindi essere accoppiato a un solo tipo di persona come il chassid, il profeta o il filosofo.

Richard Horsley (1985:435-463) restringe a due i diversi tipi di profeti popolari in Palestina. I primi potrebbero essere descritti come profeti oracolari che interpretarono la situazione socio-politica più o meno allo stesso modo dei profeti dell'Antico Testamento. In secondo luogo, c'erano profeti che guidavano movimenti considerevoli. Non annunciavano semplicemente il giudizio di Dio, ma conducevano anche azioni di liberazione. Queste azioni corrispondevano tipologicamente ai grandi atti di liberazione di Mosè e Giosuè. Ci sono alcuni profeti di questo tipo che conosciamo per nome. Secondo Flavio Giuseppe, c'era un numero piuttosto elevato di tali persone (Flavio Gius. Ant 20.167b-168).

Il primo profeta di questo tipo che conosciamo per nome è Teuda che radunò un gruppo di persone intorno a sé:

« Un certo impostore di nome Teuda persuase la maggioranza delle masse a prendere i loro beni e a seguirlo fino al fiume Giordano. Egli affermò di essere un profeta e che al suo comando il fiume si sarebbe separato e avrebbe fornito loro un facile passaggio. Con questo discorso ingannò molti. »
(Flavio Gius. Ant 20.97)

Qui troviamo la chiara azione tipologica che ricorda la separazione dellle acque del Giordano sotto Giosuè.

Un secondo incidente di quasi lo stesso tipo di evento ebbe luogo sotto l'Egiziano:

« In questo periodo venne a Gerusalemme dall'Egitto un uomo che dichiarò di essere un profeta e consigliò alle masse della gente comune di uscire con lui verso la montagna chiamata Monte degli Ulivi, che si trova di fronte alla città a una distanza di cinque stadi. Poiché affermava di voler dimostrare da lì che al suo comando sarebbero cadute le mura di Gerusalemme, attraverso le quali promise di fornire loro un ingresso nella città. »
(Flavio Gius. Ant 20.169-170)

L'impresa dell'Egiziano tipologizza la caduta delle mura di Gerico sotto Giosuè. I profeti di questo tipo evocavano aspettative apocalittiche con le loro azioni tipologiche riecheggianti eventi biblici (Horsley 1985:461).

Dalla descrizione di Horsley è chiaro che le azioni di Gesù corrispondevano a quelle dei profeti oracolari. Egli non guidava un gruppo considerevole di seguaci, ma un gruppo relativamente esiguo di discepoli. Sebbene le sue parole e le sue azioni avessero implicazioni politico-religiose, la sua condotta non era la stessa di quella di Teuda e dell'Egiziano.

Horsley (1985:435) chiarisce che Gesù era visto come un profeta dal popolo. Ma Gesù si vedeva come un profeta? Nel Vangelo di Tommaso 31 Gesù dice:

« Nessun profeta è benvenuto nel proprio circondario; i dottori non curano i loro conoscenti. »

Questo aforisma è attestato indipendentemente dal primo strato al quarto (Marco 6:4; Matteo 13:57; Luca 4:23-24; Giovanni 4:44; POxy 31). Questa è una prova sicura che molto probabilmente Gesù avrebbe potuto definirsi un profeta. Anche Vermes (1983b:88) usa questi testi, per sottolineare lo stesso punto, ma non fa alcun tentativo di autenticare i detti.

Vermes (1983b:90) afferma che il chassid taumaturgo o si modellava su Elia o veniva almeno visto come un altro Elia dalla sua generazione. R.J. Miller (1988) ha fatto un'indagine sulla relazione tra Giovanni Battista, Elia e Gesù nel Vangelo di Luca. Dal suo studio diviene chiaro che Giovanni Battista era visto come Elia. Gesù stesso è paragonato a Elia, il che significa che in alcuni casi è stato messo in contrasto con Elia e in altri è stato visto in linea con lui (1988:620). Sebbene il sondaggio riguardi solo Luca, i risultati sono molto preziosi. Il fatto che Gesù sia paragonato a Elia mostra che era visto come un tipo di Elia anche se in contrasto. Il profeta oracolare e il chassid/uomo delle opere si adattano entrambi alla persona di Elia così come è raffigurata nella letteratura a nostra disposizione. Questo ci permette di collegare le immagini di chassid e di profeta oracolare.

Profeta e apocalittico[modifica]

In contrasto con il chassid taumaturgo, il tipo di profeta d'azione evocava reazioni apocalittiche da parte della gente, come abbiamo visto sopra. La ragione di ciò era il fatto che la loro condotta era sempre una di liberazione, liberazione che questi profeti promettevano. La loro accettazione da parte del popolo era sollecitata dalle loro affermazioni apocalittiche.

Il chassid non era un tipodi profeta d'azione. Da Elia a Hanina, il chassid non suscitò reazioni apocalittiche da parte del popolo. Solo dopo la sua morte Elia, ad esempio, divenne parte della tradizione apocalittica.

Le azioni dei chassidim erano comandate dalla loro situazione in quel momento. Non prevedevano futuri eventi apocalittici e non si consideravano agenti apocalittici. Non abbiamo motivo di collegare una visione del mondo apocalittica ai chassidim. L'uso del profeta in un contesto apocalittico non implica che tutti i profeti fossero visionari apocalittici.

Valutazioni[modifica]

Vermes raffigura Gesù come parte dell'ebraismo carismatico. Questa immagine è corroborata dalle circostanze sociologiche e politico-religiose al tempo di Gesù. Trova inoltre la condotta di Gesù in linea con quella di un chassid. I chassidim che servono come prototipi di Gesù erano Elia, Honi e Hanina.

La nostra indagine mostra che non abbiamo esempi nella letteratura disponibile di un Gesù chiamato chassid. Abbiamo casi in cui è stato chiamato profeta. Dall'opera di Horsley possiamo dedurre che generalmente nella mente delle persone, il profeta denotava una figura carismatica. La descrizione di Horsley pone Gesù più vicino ai profeti oracolari che ai capi che prospettavano la liberazione.

I miracoli di Gesù lo resero più di un semplice profeta oracolare, lo resero un tipo di Elia. Il fatto che non ci fosse una definizione esatta tra i diversi tipi di carismatici rende possibile scegliere il termine più neutro "chassid". Questo termine potrebbe quindi essere definito dai tratti carismatici di Gesù.

In questo modo chassid applicato a Gesù non significa che Gesù sia una replica di Elia, Eliseo, Honi o Hanina. Non dimostra che il popolo si aspettasse un profeta escatologico modellato su Elia, ma piuttosto che c'erano profeti che erano tipi di Elia e che il popolo li accettò. Il termine definisce soltanto il tipo in cui deve essere cercata l'identità di Gesù. Chiamare Gesù un chassid significherebbe quindi che Gesù fosse una figura carismatica che affrontava le necessità e le sensibilità delle classi inferiori con le sue parole e le sue azioni.

Searchtool.svg Per approfondire, vedi Serie cristologica e Serie misticismo ebraico.