Roccia/Nodi/Doppio inglese

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
< Roccia‎ | Nodi
Jump to navigation Jump to search
CopertinaRoccia/Copertina
  1. MaterialiRoccia/Materiali
    1. CordaRoccia/Materiali/Corda
    2. ImbragoRoccia/Materiali/Imbrago
    3. MoschettoniRoccia/Materiali/Moschettoni
    4. RinviiRoccia/Materiali/Rinvio
    5. DiscensoriRoccia/Materiali/Discensori
    6. CordiniRoccia/Materiali/Cordino
    7. ScarpetteRoccia/Materiali/Scarpette
  2. Nodi per l'alpinismoRoccia/Nodi
    1. Nodo a otto ripassatoRoccia/Nodi/Nodo otto ripassato
    2. Nodo bulinoRoccia/Nodi/Nodo bulino
    3. Nodo doppio ingleseRoccia/Nodi/Doppio inglese
    4. Nodo galleggiante
    5. Nodo fettuccia
    6. Nodo semplice
    7. Nodo semplice copiato
    8. Asola di bloccaggio
    9. Asola ripassata
    10. Nodo barcaioloRoccia/Nodi/Nodo barcaiolo
    11. Nodo mezzo barcaioloRoccia/Nodi/Nodo mezzo barcaiolo
    12. PrusikRoccia/Nodi/Nodo prusik
    13. MachardRoccia/Nodi/Machard
    14. Longe CAIRoccia/Nodi/Longe
  3. Nozioni base
    1. Cos'è una cordata
    2. Cos'è una sosta
    3. Preparazione di una cordataRoccia/Nozioni/Preparazione di una cordata
    4. Legarsi in cordata
    5. Progressione
    6. Attrezzi e modalità di assicurazione
    7. Discesa in moulinetteRoccia/Nozioni/Moulinette
    8. Discesa in corda doppiaRoccia/Nozioni/Corda doppia
  4. Progressione col metodo Caruso
  5. Soccorso
    1. Cenni per il soccorsoRoccia/Soccorso/Cenni per il soccorso
    2. FeritiRoccia/Soccorso/Feriti
    3. Trasportare i feriti
    4. Posizionare i feriti
    5. Rianimazione
    6. Emorragia
    7. Fratture e contusioni
    8. Morso di viperaRoccia/Soccorso/Morso di vipera
    9. Colpo di soleRoccia/Soccorso/Colpo di sole
    10. CongelamentoRoccia/Soccorso/Congelamento
    11. Assideramento
    12. Disturbi d'alta quota
    13. Valanghe
  6. Alimentazione
    1. Prima di partireRoccia/Alimentazione/Prima
    2. Durante l'escursione
  7. Topografia e orientamento

Il doppio inglese è un nodo di giunzione che viene spesso usato in alpinismo per creare un anello con un Cordino.

Preparazione[modifica]

preparazione del nodo doppio inglese

Il nodo doppio inglese si esegue mettendo parallelamente i due capi di corda e facendo scorrere per circa 20 cm gli stessi (chiamati da qui in avanti "A" e "B").

  1. Prendere il capo A e fare due giri del ramo B in direzione di questo capo. (Fig. 1) Infilare il capo A nelle cavità appena create e tirare dolcemente il capo per stingere un po' il nodo.
  2. Capovolgere sull'asse orizzontale la corda in modo che il nodo appena fatto vada a finire dall'altra parte (se è stato fatto da un destrimane probabilmente il nodo si troverà con il capo in avanzo a destra, va perciò portato a sinistra, viceversa per un mancino).
  3. Ripetere la stessa procedura per l'altro capo (Fig 2). Far combaciare perfettamente i due nodi e stringerli bene facendo molta forza per serrarli bene (Fig.3).

Anche se non è obbligatorio, il capovolgimento della corda è necessario, almeno le prime volte, in quanto una volta fatto un nodo, col capovolgimento basta ricordarsi i movimenti appena fatti e replicandoli il nodo verrà perfetto. Col tempo e l'esperienza questo capovolgimento non sarà più necessario.

Evoluzione dell'uso[modifica]

In passato il doppio inglese veniva utilizzato per giuntare due corde dello stesso diametro, quando la lunghezza di una sola non era abbastanza, ad esempio in una discesa in corda doppia di 80 m, avendo però a disposizione due corde da 50 metri. Per questo utilizzo oggi viene preferito il Nodo galleggiante, in quanto ha meno probabilità di incastrarsi tra le rocce. In ogni caso, nonostante questa piccola pecca, il nodo inglese rimane lo standard tra i nodi di giunzione, specialmente quando non si prevede uno scorrimento su roccia o su terreno. Lo scioglimento risulta estremamente semplice, anche nel caso in cui sia stato sottoposto a carichi piuttosto elevati (una persona di 80 kg sorretta solo da questo nodo). Inoltre risulta efficace anche con corde o spezzoni di diametro differente.