Roccia/Soccorso/Congelamento

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Croce bianca e rossa.svg

Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo: non sono riferibili né a prescrizioni né a consigli medici - Leggi il disclaimer

CopertinaRoccia/Copertina
  1. MaterialiRoccia/Materiali
    1. CordaRoccia/Materiali/Corda
    2. ImbragoRoccia/Materiali/Imbrago
    3. MoschettoniRoccia/Materiali/Moschettoni
    4. RinviiRoccia/Materiali/Rinvio
    5. DiscensoriRoccia/Materiali/Discensori
    6. CordiniRoccia/Materiali/Cordino
    7. ScarpetteRoccia/Materiali/Scarpette
  2. Nodi per l'alpinismoRoccia/Nodi
    1. Nodo a otto ripassatoRoccia/Nodi/Nodo otto ripassato
    2. Nodo bulinoRoccia/Nodi/Nodo bulino
    3. Nodo doppio ingleseRoccia/Nodi/Doppio inglese
    4. Nodo galleggiante
    5. Nodo fettuccia
    6. Nodo semplice
    7. Nodo semplice copiato
    8. Asola di bloccaggio
    9. Asola ripassata
    10. Nodo barcaioloRoccia/Nodi/Nodo barcaiolo
    11. Nodo mezzo barcaioloRoccia/Nodi/Nodo mezzo barcaiolo
    12. PrusikRoccia/Nodi/Nodo prusik
    13. MachardRoccia/Nodi/Machard
    14. Longe CAIRoccia/Nodi/Longe
  3. Nozioni base
    1. Cos'è una cordata
    2. Cos'è una sosta
    3. Preparazione di una cordataRoccia/Nozioni/Preparazione di una cordata
    4. Legarsi in cordata
    5. Progressione
    6. Attrezzi e modalità di assicurazione
    7. Discesa in moulinetteRoccia/Nozioni/Moulinette
    8. Discesa in corda doppiaRoccia/Nozioni/Corda doppia
  4. Progressione col metodo Caruso
  5. Soccorso
    1. Cenni per il soccorsoRoccia/Soccorso/Cenni per il soccorso
    2. FeritiRoccia/Soccorso/Feriti
    3. Trasportare i feriti
    4. Posizionare i feriti
    5. Rianimazione
    6. Emorragia
    7. Fratture e contusioni
    8. Morso di viperaRoccia/Soccorso/Morso di vipera
    9. Colpo di soleRoccia/Soccorso/Colpo di sole
    10. CongelamentoRoccia/Soccorso/Congelamento
    11. Assideramento
    12. Disturbi d'alta quota
    13. Valanghe
  6. Alimentazione
    1. Prima di partireRoccia/Alimentazione/Prima
    2. Durante l'escursione
  7. Topografia e orientamento

Il congelamento è una lesione dovuta al freddo, dove vento e umidità fungono da aggravanti. Per questi motivi il congelamento può avvenire anche a quote basse. Solitamente le parti del corpo più colpite sono quelle periferiche, come dita delle mani e dei piedi, orecchie, naso, ecc.

Inizialmente il congelamento si presenta come un dolore, che poi tende a scomparire unitamente alla sensibilità, pallore delle pelle e formicolio. Mentre il dolore si presenta sempre, il formicolio e il pallore, non è detto che si presentino. Se il congelamento non viene prontamente trattato, sfocia in necrosi della parte colpita, a causa di un blocco della circolazione sanguigna, il cui unico rimedio è quello di asportare chirurgicamente la parte colpita (amputazione). Se la parte in via di congelamento viene prontamente riscaldata, ogni pericolo di danni permanenti viene scongiurato. Per questo motivo bisognerebbe scendere di quota o rifugiarsi al caldo non appena si ha un sospetto di congelamento, se però ve ne accorgete quando la parte ha già perso sensibilità dovete andare al più vicino centro attrezzato, dove l'unico modo per guadagnare tempo, è quello ti togliere anelli, catene, orologi, o tutto ciò che può ostacolare la circolazione e immergere la parte colpita in acqua calda (35°-45 °C).

Da evitare[modifica]

  1. Perforare le eventuali vesciche che verranno a crearsi con il congelamento.
  2. Somministrare alcolici: questi creano una vasodilatazione favorendo in questo modo la dispersione del calore corporeo.
  3. Frizione con la neve: il suo unico fine è quello di raffreddare ulteriormente la parte colpita.
  4. Riscaldare con calore secco: usare marmitte o fuochi può provocare ustioni gravi, questo perché non è possibile controllarne la temperatura.

Prevenzione[modifica]

L'unico modo per prevenire il congelamento, è quello di indossare indumenti di buona qualità, i quali proteggono ed impediscono il più possibile al calore di disperdersi. Soprattutto proteggere le parti più esposte con indumenti impermeabili a vento ed acqua. Non appena questi indumenti risultassero umidi, apprestarsi a cambiarli con altri asciutti.