Napoletano/Modi di dire

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Mmode 'e dicere (modi di dire)[modifica]

Nnapulitano Italiano (letterale) Italiano
Tené 'a capa fresca Aver la testa fresca Non aver altro a cui pensare
Tené 'a capa sciaqua Avere la testa sciaqua (senza sostanza) Essere sciocco/a
Tené 'a capa sulo pe spartere 'e rrécchie Avere la testa solo per dividere le orecchie Essere sciocco/a
Chille è l’urdeme lampione ‘e Foregrotta Quello è l'ultimo lampione di Fuorigrotta Non è nessuno [in passato Fuorigrotta era un quartiere isolato da Napoli]
Aró t’abbie? Dove ti avvii? Dove pensi di andare? / quello che hai appena detto è pura fantasia / chi ti credi di essere?
Facimme na cosa ‘e iuorne! Facciamo una cosa di giorno! Svelto!
Ogne ddoie e ttre Ogni due e tre Molto spesso
Pe vintinove e ttrende Per ventinove e trenta Per un pelo
Si brutte comme ô débbete/comme â fame 'e notte! Sei brutto/a come un debito/come la fame di notte Sei molto brutto/a
Ma che, hê 'a iì â vénnere o llatte! Devi andare a vendere il latte? Perché ti alzi/levi cosí presto?
Ma che staie facenne? 'O ppane? Ma che stai facendo? Il pane? Perché ci metti così tanto tempo?
Ma che s'hè date (dinte a sta càse) Ma che è successo (in questa casa) In particolare dopo una serie di eventi negativi
Famme veré! Fai proprio vedere Fai vedere a me
aggie fatte 'o ggialle Ha fatto il giallo Si è spaventato
Tutte o blocche Tutto il blocco In sintesi/In tutto ciò
O 'e rippe o 'e rappe -- In un modo o nell'altro
Ricette 'o pappece vecine â noce: damme tiembe ca te spertuse! Disse la tarma alla noce: dammi il tempo che ti buco Dammi tempo, che ti farò vedere...
Chiste s'arrecuorda d'ô cippo a Furcella Risale al tempo del ceppo di Forcella (quartiere napoletano dove anticamente venivano eseguite pene capitali) È ormai una cosa molto antica
Chiste s'arrecuorde ê tiempe de 'e Burbune Risale al tempo dei Borboni È ormai una cosa molto antica
Chisto s'arricorda ê tiempe 'e Pappagone Risale al tempo di Pappagone (Gaetano Pappagone, o semplicemente Pappagone, è un personaggio immaginario reso celebre da Peppino de Filippo nel 1966) È ormai una cosa molto antica
Me pare 'o nonno mìe Mi sembri mio nonno Ti vesti con uno stile obsoleto/Ti comporti in modo poco giovanile/come un anziano
Tene 'e capille nzevate Ha i capelli unti Ha i capelli sporchi
Tenge na sfaccimma 'e famma Ho così tanta fame (sfaccimma, Meut in napoletano, viene spesso usato come intercalare volgare, alla pari di "cazzo" in italiano) Ho una fame da lupi
E mo iamme a pareà...! (pareà vuol dire digerire o rilassarsi dopo una grande mangiata, correggete, "jammo a pareà" e uno slang volgare non nativo di Napoli) E adesso andiamo a divertirci! Divertiamoci!/È ora di vendetta!

Mannaggia a Bubbà[modifica]

"Mannaggia a Bubbà" (anche nelle varianti Mannaggia Bubbà[1] e Mannaggia beabà[2]) è una tipica esclamazione popolare napoletana, una volta frequente ma che con il tempo sta cadendo in disuso.

Significa “Maledizione a Bubbà” e si riferisce a Bubbà, un personaggio attivissimo dei bassifondi napoletani dell’800, noto per essere invischiato in qualsivoglia traffico o situazione incerta. Se allora qualcosa andava storto si poteva tranquillamente dar la colpa a Bubbà, sicuri che in qualche modo vi fosse implicato. Bubbà assunse quindi, a livello popolare, il ruolo del capro espiatorio e veniva citato in ogni occasione sfavorevole.

Un esempio di tale uso lo si ritrova nella commedia di Eduardo De Filippo del 1929, "Quei figuri di trent'anni fa" (trasposto in televisione con il titolo "Quei figuri di tanti anni fa"); nel film di animazione "Totò Sapore", il protagonista spesso usa questa esclamazione.

Bibliografia
  • Eduardo De Filippo, Teatro, Volume 1, Arnoldo Mondadori, 2000, p.595
  • Eduardo De Filippo; Anna Barsotti, Cantata dei giorni dispari Torino, Einaudi, 1998, p.778
  • Rivista italiana di dialettologia, Scuola, società, territorio, Edizione 1, Cooperativa libraria universitaria ed. Bologna, 1985, p.334
Note
  1. Annibale Ruccello, Luciana Libero, 1993
  2. Eduardo De Filippo, I capolavori di Eduardo, Volume 2, Einaudi, 1973, p.825


Altri progetti[modifica]