Napoletano/Preposizioni

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.

La preposizione è una particella che si antepone ad un sostantivo o a un pronome (o ad un verbo all'infinito), mettendo in relazione due parti della frase.

Preposizioni semplici[modifica]

Rispetto all'italiano, il napoletano ha un numero inferiore di preposizioni semplici.

Le preposizioni vere e proprie sono:

Napoletano Italiano
a a
'a da
cu con
d' / 'e di
pe per
tra tra / fra
'nfino fino a
addu presso

La variante della preposizione a (dal latino ad) implica il raddoppiamento consonantico della parola successiva; per esempio: me votto a mmare.

Preposizioni articolate[modifica]

Esempi:

  • Vaco â posta a pavà 'e bullette (Vado alla posta a pagare le bollette)
  • Fernesco 'e faticà ê quatto e vengo addu te â via d'e nove (finisco di lavorare alle quattro e vengo da te verso le nove)
  • ’O pesce frisco s'accatta ô mercato (il pesce fresco si compra al mercato)
  • â = a + 'a = alla
  • ê = a + 'e = ai, agli, alle
  • ô = a + 'o = al, allo
  • dâ = de + (l)a = della
  • dô = de + (l)o = dello
  • dê = de + (l)e = delle, degli

Alcuni autori hanno anche usato le forme alternative a', e', ed o' per indicare le preposizioni articolate indicate qui sopra.

Preposizioni improprie (incompleto)[modifica]

Napoletano Italiano
a a
'a da
addu da/presso
addereto, areto dietro
abbecino, vecino vicino
cuntro, nfaccia contro
cu con
d'/'e [1] di
dinto, into, adinto dentro
fora, afora fuori
'a coppa, 'n coppa, coppa sopra
'nfino, fino fino
pe per
asotto, abbascio sotto
'n miezo, intra tra

Note[modifica]

  1. d' è usato davanti a parola o articolo iniziante con una vocale, 'e è usato davanti a consonante.