Napoletano/Pronomi

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Pronomi personali[modifica]

Pronomi personali soggetto[modifica]

I pronomi personali soggetto sono pronomi che sostituiscono e indicano la persona che compie un'azione.

Napoletano Italiano
je (talvolta abbreviato in i') / ij / jo / yo io
tu tu
éssa ella/lei
isso egli/lui
nuje noi
vuje voi
llòro essi/loro

Pronomi personali complementi[modifica]

Àtoni[modifica]

I pronomi atoni non hanno un accento tónico e la vocale finale non è pronunciata (schwa).

Napoletano Italiano
me me/mi
te te/ti
se/ce/nce a ciò/a lui/a lei
lle a lui/a lei
l' lo/la compl. ogg.
ne di ciò/da lì
ce/nce di noi/a noi
ve voi/a voi
lle/le a loro

I pronomi átoni sono usati prima del verbo. Appaiono invece dopo il verbo, ma uniti ad esso, nei modi imperativo, infinito, participio passato e gerundio.

Esempi:

  • Nce steva na vota (c'era una volta)
  • Jescetene! (esci da lì)

Tonici[modifica]

I pronomi tonici hanno un accento tónico e la vocale finale viene pronunciata.

Napoletano Italiano
mé, mme me
té, tte te
éssa lei
isso lui
'o, lo , lu lui/ciò
'a, la lei
nuje, nuie noi
vuje, vuie voi
lloro loro
'e li/le

I pronomi tonici sono usati prima o dopo il verbo e possono essere preceduti da una preposizione.

Esempi:

  • 'o veco lloco (lo vedo là in fondo)
  • 'e ssaccio (le conosco)

Pronomi riflessivi[modifica]

Napoletano Italiano
me me stesso
te te stesso
se esso/a stesso/a
ce noi stessi
ve voi stessi
se essi stessi

I pronomi riflessivi vengono usati prima del verbo.

Esempi:

  • Je me lavo (Io mi lavo)
  • Nuie ce capimmo (Noi ci capiamo)

Pronomi determinativi[modifica]

Napoletano Italiano
Singolare 'o stesso, 'a stessa lo stesso, la stessa
Plurale 'e stesse le stesse

Esempio:

  • Fratemo s'ha accattato na machina e ij voglio 'a stessa. (Mio fratello si è comprato una macchina e io voglio la stessa.)

Pronomi comitativi[modifica]

Napoletano Italiano
cummico con me
cuttico con te

Pronomi relativi[modifica]

I pronomi relativi mantengono in relazione relativa un nome o pronome precedentemente nominato.

  • ca , che si usa avanti a parola iniziante con consonante
  • ch' si usa dinanzi a parole che iniziano con vocale e o i
  • c' si usa dinanzi a parole che iniziano con vocale a, o oppure u

Esempio:

  • 'A segnora ca venette - 'A segnora che benette (La signora che venne)
  • 'A segnora ch'è vvenuta (La signora che è venuta)
  • Ma che haje fatto, che hê cumbinato ? (Cosa hai fatto? Cosa hai combinato?)
  • 'O tuosto p'addò s'ammarcia (La carreggiata dove si cammina)

Pronomi dimostrativi[modifica]

Napoletano Italiano
Neutri singolari chesto questo
Neutri plurali chesti questi
Maschili singolari chisto, chillo questo, quello
'o ciò
Maschili plurali chiste, chille (chisti, chilli) questi, quelli
'e -
Femminili singolari chesta, chella questa, quella
'a -
Femminili plurali cheste, chelle (chesti, chelli) queste, quelle
'e -


Per quanto riguarda il dimostrativo con valore neutro e singolare il napoletano ricorre al singolare chesto oppure alla particella ce (a ciò). La particella 'o viene usata anche nel caso neutro e impone il raddoppio della consonante del verbo che segue.
Esempi:

  • Chesto te piace (questo ti piace)
  • 'E chesto nun me ne fotte, nu' mme mporta (di questo, di ciò non m'importa)
  • Nun ce pozzo penzà (non ci posso pensare/credere)
  • Nossegnore, nce vole jodizio pe scrivere 'e sti ccose. Zoè nce vo bona crianza e pratteca assaje. (Nossignore, ci vuole giudizio per scrivere di queste cose, di questi argomenti. Cioè ci vuole buona creanza e tanta pratica.)
  • Nun me dicere ca nun 'o capisco (Non mi dire che non capisco ciò)
  • Chella guagliona tene 'a sguezia. Mammeta 'a tene pùre. (Quella ragazza ha il mento allungato. Anche tua madre lo tiene.)