Flora italiana/Cicadofite

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Guida alla Flora italiana


Generalità sul gruppo[modifica]

Le Cicadofite (Cycadophyta) sono un gruppo di piante simili superficialmente a piccole palme, che apparvero sulla terra nel Permiano (250-300 milioni di anni fa) e che quindi si possono considerare dei fossili viventi. Sono oggi rappresentate da circa 300 specie proprie dei climi tropicali e temperato-caldi.

Le Cicadofite viventi sono chiamate comunemente cicadi o cicadine (dal nome del genere più importante, Cycas).

Rimandiamo a wikipedia per maggiori informazioni di carattere generale.

Presenza in Italia[modifica]

Nessuna Cicadofita è spontanea in Italia.

Tuttavia, alcune specie sono largamente usate come piante ornamentali - dove il clima è sufficiententemente mite. La più diffusa, anche per ragioni climatiche, è Cycas revoluta, originaria del Giappone.

Descrizione e riconoscimento[modifica]

Cono femminile di Cycas revoluta, nella quale si vedono i grossi semi scoperti
Aspetto d'insieme d'una Cycas revoluta particolarmente alta (Egitto)
Cono maschile di Cycas revoluta
Per confronto, aspetto d'un gruppo di palme da datteri (Phoenix dactylifera)
Cycas revoluta, Kobe, Giappone

Le cicadi assomigliano a basse palme (alte tipicamente 1-2 m).

Le differenze sono peraltro numerose, basta farci caso.

Innanzitutto, le cicadi non producono veri frutti, come i datteri e le noci da cocco, ma invece coni vagamente paragonabili alle pigne delle conifere, proprio al centro del fusto (v. foto). Le piante hanno sessi separati; le piante maschili non producono semi, ma solo coni funzionalmente equivalenti a infiorescenze ricche di polline.

A prescindere dai coni, le foglie sono molto più coriacee e diversamente attaccate al fusto; in mancanza di coni, è presente alla sommità del fusto un ammasso di forma vagamente globosa, assai caratteristico.

Anche il fusto è diverso da quello delle palme.

Maggiori informazioni su wikipedia.