Messianismo Chabad e la redenzione del mondo/Meritare la venuta del Messia

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Torath2.jpg
Ingrandisci
Torah: Discorso Chabad della 2ª Generazione. Frontespizio del Toras Chaim di Rabbi Dovber Schneuri, Varsavia, 1866


IL MESSAGGIO DI RABBI YOSEF YITZCHOK

Meritare la venuta del Messia[modifica]

Passaporto di Rabbi Yosef Yitzchok Schneersohn
« Cosa aspetta la gente? Si sta ritardando la
Redenzione! È già il pomeriggio di
erev Shabbos! »
(Rabbi Yosef Yitzchok, 1949[1])

Affinché il Messia potesse venire, il mondo doveva essere preparato ed era responsabilità delle persone. Citando il Talmud gerosolimitano e il Midrash Deuteronomio Rabbah, Rabbi Yosef Yitzchok elenca cinque cause di redenzione, basate su come il popolo ebraico fu salvato dalla schiavitù d'Egitto. Queste cinque cause sono a) angoscia, b) pentimento (תשובה teshuvah), c) il merito dei patriarchi, d) misericordia ed e) keitz, cioè il tempo stabilito per porre fine all'esilio. Di queste, dice che il pentimento è la più importante.[2] Parla spesso di "meritare la venuta del Messia e la redenzione", il che significa che la redenzione non verrà se gli ebrei non parteciperanno attivamente nel portarla.

Segue le parole del rabbino mishnaico, Rabbi Eliezer, che si oppone a Rabbi Yehoshua. Quest'ultimo è dell'opinione che la redenzione arriverà al momento stabilito, indipendentemente dallo stato del popolo ebraico, mentre Rabbi Eliezer indica la necessità del pentimento. Secondo lui Dio determinerà le circostanze per la redenzione. Gli ebrei, si pentiranno per forza, se non capiscono di doversi pentire da soli. Fintanto che gli ebrei non si pentiranno, rimarranno in esilio, ma Dio provvederà a farli pentire e porterà alla redenzione.[3] La redenzione verrà solo attraverso il pentimento, sottolinea Rabbi Yosef Yitzchok.[4]

Meritare la venuta del Messia si ottiene tramite il pentimento, e in particolare il pentimento sincero, e l'avvento riceve ulteriore potere tramite mesirat nefesh. Il miracolo di Purim, quando gli ebrei furono salvati dalle mani di Aman, fu il risultato del totale sacrificio di sé del popolo per la Torah e i comandamenti, che furono causati dalla richiesta di pentimento da parte di Mordechai. Le persone a quel tempo si sacrificarono per l'ebraismo nella speranza che Dio li avrebbe salvati e, secondo Rabbi Yosef Yitzchok, le persone di oggi hanno bisogno di rafforzare in modo simile la loro fede nella redenzione tramite il Messia, per vedere adempiute le loro speranze rapidamente.[5] Quegli ebrei che si pentono con fiducia sincera "meriteranno di accogliere prontamente" il Messia. È anche di assoluta importanza pensare e parlare della venuta del Messia affinché possano accoglierlo.[6] In diversi punti Rabbi Yosef Yitzchok usa la frase "meritare rapidamente" di accogliere o salutare il Messia. Quindi, dire che una persona che attende la venuta del Messia con tutto il cuore e con fede e pentimento semplici e altruisti, non solo renderà il mondo pronto per la redenzione, ma in realtà accelererà la venuta del Messia. È importante notare qui che Rabbi Yosef Yitzchok non parla di questo solo in relazione all'Olocausto, ma come mostra la citazione introduttiva nel Capitolo IV.2, la sua retorica messianica era forte anche nel 1928.

In questo modo vediamo come, per Rabbi Yosef Yitzchok, il pentimento, il sacrificio di sé e la redenzione siano fortemente legati insieme. È già stato stabilito che i concetti di redenzione (cioè la venuta del Messia) e sacrificio di sé sono ben fondati nella Tanya. Ma come si connette con il coinvolgimento attivo dell'uomo nel meritarsi il Messia? La Tanya parla di accelerare la venuta del Messia, non in relazione diretta con il pentimento, ma piuttosto secondo Rabbi Yosef Yitzchok la carità è del valore più alto, perché "avvicina la redenzione".[7] Si potrebbe quindi sostenere che, poiché l'intera opera della Tanya è centrata sul tema della rinnovata obbedienza al comandamento — cioè il pentimento — anche il sacrificio di sé e il pentimento sono mezzi per avvicinare la redenzione. Zalman afferma che, questa volta, l'avvento del Messia è un tempo in cui l'atto di carità è il servizio devozionale principale, perché Israele sarà redento solo attraverso la carità.[8] La cosa buona della carità è che può essere diffusa senza limiti, afferma Rabbi Yosef Yitzchok, ed è anche preferibile al sacrificio. Tutti i difetti del mondo superiore e inferiore, causati dai peccati dell'uomo, possono essere corretti per mezzo della carità.

Zalman e Rabbi Yosef Yitzchok sembrano divergere su questo argomento. È il dono della carità o il pentimento che accelererà la venuta del Messia? La cosa più importante in questo contesto non è effettivamente ciò che farà arrivare il Messia, ma la convinzione che la sua venuta possa essere accelerata. Le situazioni e contesti in cui i due leader si trovavano erano molto diverse e vedevano esigenze diverse nei loro tempi rispettivi. Per Zalman il bisogno connesso alle speranze messianiche era l'immigrazione dei chassidim in Israele. Queste erano persone bisognose di denaro, e per Zalman divenne essenziale sostenere il loro percorso e far arrivare così il Messia, perché l'immigrazione in Israele era una fase nella linea temporale messianica.[9] La situazione era molto diversa per Rabbi Yosef Yitzchok: la sua missione era prima di tutto quella di risvegliare gli ebrei americani, spiritualmente impoveriti, alla vita della Torah.[10] La sua connessione con la Tanya nell'ammonire gli ebrei di diventare osservatori è evidente: l'intero messaggio della Tanya è focalizzato sull'aiutare l'individuo a vedere il suo potenziale nell'obbedire ai comandamenti, basati su Deuteronomio 30:14:

« Questa parola è molto vicina a te, è nella tua bocca e nel tuo cuore, perché tu la metta in pratica. »
(Deuteronomio 30:14)

Ciò, a sua volta, ha lo scopo di attirare il divino sui mondi inferiori per preparare il Mondo per il Messia.[11]

Anche se la Tanya non mette esplicitamente pentimento e redenzione nella stessa frase, il pentimento è comunque un argomento centrale nella Tanya, considerando che una delle parti è interamente dedicata all'argomento (Iggeret ha-Teshuvah). Zalman afferma che le buone azioni costituiscono pentimento e vengono compiute per "restaurare la porzione del Signore alla Fonte e alla Radice di tutti i mondi". La Tanya insegna che si dovrebbe essere in uno stato di pentimento per tutta la vita, perché questa è la fuga dall'esilio, cioè l'arrivo dell'era messianica.[12] Rabbi Yosef Yitzchok asserisce: "Teshuvah significa tornare al modo in cui ci si aspetta di vivere secondo la Torah" e nella stessa sezione continua, "teshuvah ci prepara a salutare rapidamente il giusto Moshiach".[13] Nel Capitolo precedente ho reso chiaro che le buone azioni, cioè l'adempimento dei comandamenti, hanno un impulso messianico, e quindi quando Rabbi Yosef Yitzchok afferma che il pentimento farà venire il Messia più velocemente, egli sta semplicemente facendo riferimento alla Tanya. Quando gli attivisti di Chabad aiutano gli ebrei non osservanti a compiere i comandamenti, in realtà li stanno aiutando a pentirsi — il che a sua volta si crede che affretti l'avvento del Messia, proprio come credevano sia Zalman che Rabbi Yosef Yitzchok.

Note[modifica]

Searchtool.svg Per approfondire, vedi Guida maimonidea e Torah per sempre.
  1. From Exile to Redemption, vol. I:108.
  2. Schneersohn 2001:249-250; Deuteronomio Rabbah 2:23
  3. Schneersohn 1999:99; Isaia 30:15.
  4. Schneersohn 2001:230.
  5. Schneersohn 2001:278-280. "Non solo si pentirono, ma durante tutto l'anno dimostrarono un totale sacrificio di sé per l'ebraismo [Torah Or, p. 97a, 102b], nella speranza che Dio stesso li avrebbe salvati dalla loro terribile situazione. Ciò avvenne nel secondo periodo di Purim, con il miracolo di Purim. [...] Nel nostro tempo [in cui le nostre speranze tornano ad essere] di redenzione, possa Dio renderci fortunati con la Sua Divina assistenza, ché ci pentiamo e dal profondo del nostro cuore lamentiamo ciò che abbiamo reso mondano. Possiamo noi adempiere la Torah e le mitzvos in completa verità e rafforzare la nostra fede nella completa Redenzione attraverso il nostro giusto Moshiach. E possiamo vedere di nuovo le nostre speranze realizzate rapidamente." Schneersohn 2001:280.
  6. Schneersohn 1999:7,18, 97, 113, 131, 193, 203.
  7. Iggeret ha-Kodesh cap. 21: גדולה צדקה שמקרבת את ההגאולה , citazione da Bava Batra 10a.
  8. Tanya cap. 9: ישראל נגאלין אלא בצדקה ("E tutto Israele..."); Shabbat 139a e Sanhedrin 98a.
  9. Iggeret ha-Kodesh capp. 6, 14, 21.
  10. Elior 1998:384, 387-395; Ehrlich 2000:252-253.
  11. Tanya capp. 1, 36.
  12. Tanya cap. 31.
  13. Schneersohn 2001:251-252.