Messianismo Chabad e la redenzione del mondo/Il Messia

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Rabbi Menachem Mendel Schneerson1B.jpg
Ingrandisci
Rabbi Menachem Mendel Schneerson – il Rebbe Lubavitcher – alla parata di Lag BaOmer, Brooklyn, New York
(17 maggio 1987)


IL MESSAGGIO DI RABBI SCHNEERSON

Il Messia[modifica]

Né la Tanya né Rabbi Yosef Yitzchok danno alcuna descrizione della figura messianica. Rabbi Schneerson invece dice di più sul Messia. Secondo la Bibbia, il Messia può venire in due modi possibili: "sulle nubi del cielo"[1] o "cavalcando un puledro d'asina".[2] Il Rebbe interpreta queste scritture dicendo che il Messia sarà glorificato potentemente nei cieli e umile come colui che cavalca un asino.[3] Sarà più esaltato di Mosè e insegnerà le dimensioni mistiche interiori della Torah. Per questo motivo il Messia è chiamato mentore, la cui saggezza sostituirà quella di re Salomone.[4] È anche chiamato re perché quando verrà ci sarà una trascendenza invisibile su tutte le anime di Israele. In qualità di re, il Messia sarà nella posizione di giudicare. Il Messia sarà un discendente della casa di Davide, che Rabbi Schneerson vede come ovvio, poiché tale è il casato reale. Si dice anche che il Messia provenga dal seme di Salomone, che ha un significato proprio. Vale a dire, a differenza del re Davide, Salomone regnò in pace e con lo stesso spirito il Messia regnerà in un tempo di pace perfetta sulla terra. Il motivo per cui Salomone regnò in pace fu dovuto alla sua saggezza, che era molto apprezzata dai regni circostanti. Allo stesso modo il Messia avrà saggezza (o in effetti sarà ancor più saggio di Salomone) e insegnerà la Torah.[5]

Negli insegnamenti del Rebbe il Messia è paragonato a Mosè, che fu il primo redentore di Israele, ed è nel suo spirito che il Messia sarà l'ultimo redentore di Israele. Si dice che Mosè sarà il primo e l'ultimo redentore, ma Rabbi Schneerson spiega che non può essere perché Mosè è della tribù di Levi, e il Messia sarà della tribù di Giuda e discendente del re Davide. Il Messia sarà come Mosè nella misura in cui la Torah è passata tramite Mosè, e la capacità di redimere Israele deriva dalla Torah. Inoltre, la connessione tra Mosè e il Messia è ulteriormente dimostrata dal valore numerico del nome Mosè (משה Moshe) e dalla parola per l'unità di Dio, uno (אחד echad), che sono uguali alla parola Messia (משיח moshiach).[6]

Il Messia sarà "L'Ultimo Monarca Ebraico", regnando come re in Israele sugli esiliati raccolti durante l'era messianica. (Dopo di che verrà inaugurato "il Mondo a venire", ha-'olam ha-ba העולם הבא‎, e avrà luogo la risurrezione dei morti.) "Il Re Messia" sorgerà e ripristinerà la dinastia davidica, proprio come era durante la vita di Davide, e redimerà il popolo ebraico dall'esilio, mettendolo in una terra dove tutti potranno studiare la Torah e vivere secondo la Torah, in pace — anche riguardo agli aspetti che, fino ad oggi, sono stati carenti nell'esilio, cioè i rituali sacrificali. Il ripristino della dinastia davidica implica che, in quanto re, il Messia completerà la conquista della Terra di Israele, assicurerà la pace in quella Terra e inizierà la costruzione del Tempio, proprio come fece Davide ai suoi tempi.[7]

Rabbi Schneerson spiega quelle che chiama le quattro profezie menzionate da Maimonide riguardo al Messia. Queste sono tutte prese da Numeri ("Bamidbar") 24:17-18 sulla profezia di Balaam:

« Io lo vedo, ma non ora,
io lo contemplo, ma non da vicino:
Una stella spunta da Giacobbe
e uno scettro sorge da Israele,
spezza le tempie di Moab
e il cranio dei figli di Set,
Edom diverrà sua conquista
e diverrà sua conquista Seir, suo nemico,
mentre Israele compirà prodezze. »
(Numeri 24:17-18)

Ogni profezia riguarda due re unti: il re Davide e il Messia. Le profezie si muovono quindi su due livelli contemporaneamente, secondo Rabbi Schneerson, cioè nello stesso modo in cui Davide salvò Israele, il Messia salverà Israele alla Fine dei Giorni. Le prime due profezie sono (dai versetti supra): "Io lo vedo, ma non ora; lo contemplo, ma non da vicino" e "Una stella spunta da Giacobbe, uno scettro sorge da Israele". Il primo, dice il Rebbe, si riferisce all'esistenza del re Davide e del Messia, mentre il secondo mostra che le profezie riguardanti il ​​Messia superano quelle del re Davide. Rabbi Schneerson dice che "stella" si riferisce solo alla grandezza di una persona, mentre "scettro" si riferisce all'autorità. Similmente, la prima parte parla di "Giacobbe", mentre la seconda parte menziona "Israele" — che indica maggiori meriti, secondo Rabbi Schneerson, perché Israele era il nome che Giacobbe ricevette successivamente.[8] In primo luogo, le profezie dimostrano la dottrina del messia — qualcuno che sarà come Re Davide. In secondo luogo, mostrano che i ministeri di Davide e del Messia sono simili, ma il compito del Messia è ancora più grande quanto a autorità e contenuto. Davide è paragonato alla stella, che nell'interpretazione di Rabbi Schneerson indica solo di grandezza terrena, mentre lo scettro indica l'autorità del Messia che sostituisce quella di Davide. Pertanto, Rabbi Schneerson ha stabilito la dottrina sul Messia come sovrano.

Firma di Rabbi Menachem Mendel Schneerson

La terza profezia, "Egli schiaccerà tutti i principi di Moab, abbatterà tutti i discendenti di Seth", dove "Seth" si riferisce al Messia e implica il dominio su molti popoli, che il Rebbe indica con 2 Samuele 8:2. La quarta profezia: "Edom sarà demolito; il suo nemico, Seir, sarà distrutto", è interpretato con riferimento a 2 Samuele 8:6 e 8:14. L'ultima profezia parla del dominio totale del Messia e di come tutte le nazioni del mondo apprezzeranno la sovranità di Dio e accetteranno il Messia come re.416 In questa seconda serie di profezie, Rabbi Schneerson stabilisce come sarà esteso il regno del Messia su tutta la terra e come distruggerà effettivamente i suoi nemici, non solo sottomettendoli, come nel caso di Edom durante il regno di re Davide.

Rabbi Schneerson insegna che la redenzione verrà tramite il Messia, che è il vero e giusto redentore, chiamato "Moshiach Tsidkeinu" (il nostro zaddiq il Messia). Quando arriva il Messia, il suo incarico è duplice: ricostruirà il Tempio a Gerusalemme e radunerà tutti gli ebrei nella Terra d'Israele. In Israele si raduneranno nel cortile del terzo ed eterno Tempio. Quando verrà la redenzione, il mondo sarà portato alla perfezione definitiva perché la terra sarà colma della conoscenza di Dio, proprio come le acque coprono la terra, come dice il profeta Isaia.[9]

La Tanya, d'altra parte, non scrive molto sul Messia, tranne che arriverà in un momento inaspettato e che circonciderà i cuori degli uomini.[10] La Tanya, tuttavia, dice alcune cose sul tempo del messia. L'era messianica è descritta semplicemente come la rivelazione della luce divina di Ein Sof nel mondo materiale.[11] Inoltre, afferma che nell'era messianica Dio sarà rivelato a tutti, perché vivrà sulla terra e riempirà effettivamente il terra. Nel mondo fisico Dio è nascosto, o occultato, ma nell'era messianica sarà rivelato senza impedimenti.[12] La Tanya non mira a tracciare un'immagine accurata né del Messia né dell'era messianica, ma va sottolineato che l'opera è piena di aspettativa messianica, anche se non lo esprime con tante parole specifiche. Inoltre, può essere visto nella visione del mondo e nell'urgenza con cui la Tanya parla di questioni escatologiche, come anche nell'appello ardente per le questioni riguardanti la Terra di Israele e il fare la carità. Sia lo Zalman della Tanya che Rabbi Schneerson, quindi, aspettano con ansia il momento in cui Dio riempirà la terra con la Sua conoscenza e la Sua presenza.

Basato sull’Hilchot Melachim di Maimonide, dai capitoli 11 e 12 della Mishneh Torah, Rabbi Schneerson dice che sembra che ci saranno due fasi nell'era messianica. La prima è associata alla venuta del Messia e in quel momento prevarrà l'ordine mondiale naturale, il che tra le altre cose significa che non ha importanza se il Messia abbia o meno la capacità di compiere miracoli. Quindi, secondo Rabbi Schneerson, l'identità del Messia non è stabilita sui criteri della capacità di compiere miracoli. Piuttosto, tutte le promesse che si riferiscono ai miracoli durante questa fase devono essere interpretate allegoricamente, mentre la fase successiva sarà un'era di miracoli, uno dei quali sarà la risurrezione dei morti. Lo scopo della venuta del Messia, quindi, secondo il Rebbe, è che "il mondo in generale sarà elevato a uno stadio perfetto di conoscenza e pratica".[13] Pertanto, la missione del Messia è quella di creare un mondo in cui lo studio della Torah e l'osservanza dei comandamenti sono possibili senza alcun ostacolo. Rabbi Schneerson dice anche che secondo Maimonide questo significa che il Messia "ripristinerà la monarchia, costruirà il Beis HaMikdash [il Tempio] e riunirà il popolo ebraico",[14] e afferma che ciò avverrà durante l'ordine naturale del mondo.[15]

Rabbi Schneerson divide così l'era messianica in due ordini, uno in cui persisterà l'ordine mondiale naturale e un altro ordine mondiale dei miracoli. Espone questi argomenti con l'aiuto dell'acclamato Maimonide. Il fatto è che Rabbi Schneerson si basa su una percezione che è esposta nella Tanya. Proprio come Rabbi Yosef Yitzchok, Rabbi Schneerson non cita esplicitamente la Tanya, ma si rivolge piuttosto alle autorità tradizionali ebraiche e tra loro Maimonide. La Tanya separa la redenzione fisica da quella spirituale ed è la risurrezione dei morti che segna la differenza tra i due. Pertanto, secondo Zalman, al tempo del Messia il mondo sarà ancora sotto le leggi naturali come anche la legge della Torah, e l'ordine mondiale dei miracoli avverrà con la risurrezione dei morti. La redenzione fisica che avrà luogo alla venuta del Messia significa che Israele sarà liberato dalle nazioni. Il ruolo dello studio della Torah sarà quello di conoscerne gli aspetti segreti, perché tutti conosceranno già la Torah rivelata in modo innato.[16] Il Rebbe dice che non ci saranno quindi ostacoli per lo studio della Torah.

Quindi quali sono i criteri per giudicare se una persona è il Messia o no, secondo Rabbi Schneerson? La risposta è molto breve: egli ripristinerà e stabilirà la completa osservanza della Torah e dei comandamenti. Quando ciò accadrà, verrà l'era della redenzione.[17] La redenzione non implica l'annullamento di questo ordine mondiale o la perdita di cose buone acquisite in questo mondo, ma piuttosto la redenzione sarà un tempo di perfezione totale; non ci saranno malattie perché Dio le rimuoverà affinché l'uomo possa essere pienamente in grado di studiare la Torah.[18]

5201-king-david-in-prayer-pieter-de-grebber.jpg
Ingrandisci
Re Davide in preghiera, di Pieter de Grebber (1640)

Note[modifica]

Wikibooks-logo.svg Serie maimonidea Brockhaus and Efron Jewish Encyclopedia e10 513-0.jpg
Libri nella serie: Guida maimonidea  •  La dimensione artistica e cosmologica della Mishneh Torah  •  Antologia ebraica  •  Torah per sempre  •  Non c'è alcun altro  •  Virtù e legge naturale  •  Essenza trascendente della santità  •  Pensare Maimonide  •  Ebrei e Gentili  •  Le strutture basilari del pensiero ebraico  •  Pluralismo religioso in prospettiva ebraica
Bibliografie & Glossari: 1  •  2  •  3  •  4  •  5  •  6  •  7  •  8  •  9  •  10  •  11
  1. Daniele 7:13.
  2. Zaccaria 9:9.
  3. From Exile to Redemption, vol. II 1996:6.
  4. From Exile to Redemption, vol. II 1996:8.
  5. Igros Kodesh, vol. IV 1987:181; From Exile to Redemption, vol. II 1996:7-10. Si veda anche Isaia 11:9.
  6. From Exile to Redemption, vol. II 1996:10-15. Fa anche riferimento a Esodo Rabbah 2:2.
  7. I Await His Coming Every Day 1992:33-36; 2 Samuele 7:1; Hilchot Melachim 1:2; Divrei HaYamim capp. 28-29. Quanto agli esiliati che verrano alla Terra d'Israele, ascenderanno "sulle nubi del cielo", come descritto in Daniele 7:13. Si veda From Exile to Redemption, vol. II 1996:32.
  8. I Await His Coming Every Day 1992:38-39.
  9. Schneerson 1979:98, 137, 249, 287; Isaia 11:9.
  10. Igeret ha-Kodesh cap. 4.
  11. Tanya cap. 37. Si veda l'inizio del cap. 37. Cfr. anche Iggeret ha-Kodesh cap. 14.
  12. Tanya cap. 36. Si dice nei Tikkunim che "Non ci fu luogo dal quale Egli non parlò loro" nel dare il Decalogo. Cfr. anche Lessons in Tanya II:482-483.
  13. I Await His Coming Every Day 1992:60.
  14. I Await His Coming Every Day 1992:60.
  15. I Await His Coming Every Day 1992:37, 59-61.
  16. Tanya cap. 26.
  17. I Await His Coming Every Day 1992:37-38.
  18. From Exile to Redemption, vol. I 1992:119; I Await His Coming Every Day 1992:80-81.