Messianismo Chabad e la redenzione del mondo/Una persona molto speciale

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Frierdiger Rebbe.tif
Ingrandisci
Yosef Yitzchok Schneersohn, il Frierdiker Rebbe di Chabad-Lubavitch (c. 1935)


LO ZADDIQ COLLEGA CIELO E TERRA

« Per quanto ci riguarda, noi possiamo pregare il Rebbe
e lui può trattare con Dio a nome nostro. »
(Un membro della sede centrale della sinagoga Lubavitch, Crown Heights, New York[1])

Una persona molto speciale, che esercita influenza non solo sulla Terra[modifica]

L'intero lavoro della Tanya è incentrato sull'intermedio, il beinoni, mentre la dottrina dello zaddiq, o leader chassidico, non viene molto enfatizzata. Tuttavia, poiché il leader chassidico era una delle principali caratteristiche innovative dello chassidismo, è necessario indagare su ciò che Zalman ha da dire sullo zaddiq. Inoltre, il ruolo dello zaddiq è stato accademicamente paragonato a quello di una figura messianica. Lo zaddiq ha un ruolo redentore, combinato con il ministero del sommo sacerdote, del re Messia e del profeta.[2] È come una sorta di Messia che media tra cielo e terra. Questo ci aiuterà a capire perché le aspettative messianiche siano rivolte al leader chassidico — come era all'inizio del chassidismo e come troviamo ancora testimonianze tramite il movimento Chabad-Lubavitch.

In primo luogo, non tutti possono diventare zaddiqim.[3] Lo zaddiq è uno che è stato addestrato sin dalla sua giovinezza a raggiungere questo livello, dove la radice del suo servizio deriva dall'amore di Dio.[4] Zalman spiega che ci sono due tipi di amore, e coloro che meritano lo stato di "grande amore" (amore estatico) sono chiamati zaddiqim. Questo è un regalo per chi è perfetto nel timore di Dio. Gli zaddiqim sono motivati dall'amore[5] e il loro male innato si è trasformato in santità.[6] Il mondo non potrebbe resistere senza gli zaddiqim, motivo per cui Dio li ha creati. Attraverso di loro Dio rivela il divino.[7] Secondo Zalman solo lo zaddiq può essere chiamato "servo di Dio", che è un titolo già guadagnato.[8]

Essere uno zaddiq è completamente diverso dall'essere una persona normale, perché lo zaddiq non ha mai pensieri superflui che potrebbero venirgli da se stesso. Se ha pensieri del genere, provengono da altri.[9] Egli ama davvero la natura del Mondo a venire, anche già qui sulla terra. Zalman dice che questo è il significato del versetto di Numeri 18:7 "Io vi dò l'esercizio del sacerdozio come un dono".[10] Lo zaddiq può occuparsi di questioni esoteriche (in contrasto con l'intermedio beinoni).[11] Nel chassidismo in generale si crede che lo zaddiq sia in grado di annientare il peccato tra i suoi seguaci ma, cosa interessante, Zalman ha insegnato che il dono più grande dello zaddiq viene dopo la sua morte. Finché è sulla terra, la sua grandezza è limitata al mondo fisico perché il suo corpo è qui, ma dopo la sua morte non è più limitato. È allora che, in maniera perfetta, può elevare a Dio la comunità ebraica.[12]

Quando Zalman scriveva questo, si trovava nel contesto della morte del suo rebbe, Rabbi Menachem Mendel di Vitebsk. Zalman scriveva per consolare i chassidim in Terra d'Israele, dove si era stabilito Rabbi Menachem Mendel di Vitebsk, con le parole dello Zohar III: 71b, che riporta: "Quando lo [zaddik] se ne va, egli si può ritrovare in tutti i mondi al di là della sua vita." Spiega ciò dicendo che "L'uomo giusto vive nella fede",[13] il che significa che la vita dello zaddiq non è carnale, ma comprende aspetti spirituali come fede, amore e timore. Quindi, quando lo zaddik muore, egli è in grado di lasciare la fede, l'amore e il timore con quei chassidim che gli sono vicini.[14] Il motivo per cui possono partecipare a questi attributi quando sono vicini allo zaddiq, è che questi aspetti non sono più nel loro vaso originale. Cioè lo spirito (רוח ruach) dello zaddiq rimane con i suoi seguaci. Anche secondo lo Zohar, il mondo perdura grazie alle preghiere degli zaddiqim nel mondo superiore, motivo per cui proteggono il mondo ancora di più dopo la loro morte. Poiché il mondo materiale, secondo la visione mistica universale, è il mondo dell'azione, lo zaddiq è instillato di una luce sempre crescente quando i chassidim agiscono in questo mondo.[15]

Coloro che hanno letto i racconti chassidici (come quelli riportati da Buber) potrebbero trovare la dottrina dello zaddiq aliena e incompatibile con la loro visione del chassidismo. L'importanza spirituale e il significato dello zaddiq per il chassid non è sempre evidente nelle storie popolari chassidiche. Joseph Dan sostiene che questa potrebbe essere la ragione della grande sorpresa del mondo non chassidico riguardo all'emergere dei potenti leader chassidici contemporanei. Lo zaddiq si muove liberamente tra lo spirituale e il mondano, il che significa che provvede ai suoi seguaci sia a livello spirituale che materiale. La comunità chassidica assiste e rafforza il potere mistico dello zaddiq avendo fede in lui e provvedendo ai suoi bisogni mondani.[16]

Note[modifica]

Searchtool.svg Per approfondire, vedi Le strutture basilari del pensiero ebraico e Non c'è alcun altro.
  1. Citato in Haaretz, 17 aprile 2008.
  2. Lenowitz 1998:199-201.
  3. Tanya cap. 14. Un beinoni a volte può funzionare come uno zaddiq, anche se non ha ancora raggiunto il livello dello zaddiq. In effetti, continua Steinsaltz, si nasce con l'abilità unica di padroneggiare l'anima animale, e senza quell'abilità nessuno può diventare uno zaddiq. Non ci si aspetta che tutti perseguano questo livello, mentre tutti possono e devono essere in grado di raggiungere il livello del beinoni... La definizione di zaddiq è, in breve, uno che non ha lotta interiore, ma la cui anima animale è stata totalmente annullata dall'anima divina. Steinsaltz 2003:5, 267, 308, 333.
  4. Sha’ar ha-Yichud, Chinukh Katan.
  5. Sha’ar ha-Yichud, Chinukh Katan. Il secondo amore ("amore eterno", cfr. Tanya cap. 43) può essere ottenuto da qualsiasi ebreo che, in profonda contemplazione, prende parte nel cuore all'amore per Dio.
  6. Tanya cap. 10; 29; 43.
  7. Sha’ar ha-Yichud cap. 5. Si veda anche Tanya cap. 1 che espone la visione dello zaddiq come fondamento del mondo (Proverbi 10:25) e poiché ce ne sono così pochi, Egli li ha posti in ogni generazione.
  8. 'Tanya cap. 15.
  9. Tanya cap. 28.
  10. Sha’ar ha-Yichud, Chinukh Katan.
  11. Tanya cap. 39. Zalman sembra non comprendersi in questo gruppo. Gli zaddiqim possono occuparsi di materie esoteriche perché sono nella categoria mistica "veicolo" – nei palazzi ( היכלות heikhalot) di santità. (Cfr. anche Tanya cap. 29.)
  12. Iggeret ha-Kodesh cap. 27. Si veda anche Ehrlich 2000:48.
  13. Abacuc 2:4.
  14. Gli enunciati contemporanei di Chabad-Lubavitch insegnano che lo zaddiq è riconoscibile attraverso il suo rapporto speciale con Dio e con le persone. Lo zaddiq è pieno di un potente amore per Dio, che lo spinge ad amare la creazione di Dio. Grazie alla sua posizione speciale con Dio, lo zaddiq ha poteri speciali tramite i quali può influenzare Dio. Questo, per esempio, potrebbe significare che Dio mostri misericordia verso una persona malata. Schochet spiega che lo zaddiq ha sempre avuto questa capacità: non fu solo ai tempi biblici o talmudici, ma piuttosto ogni generazione presenta queste persone speciali con abilità straordinarie. Schochet 1995:III 89-91.
  15. Iggeret ha-Kodesh cap. 27; Lessons in Tanya, V:162-165; Zohar II:16b; III:70b; 71b. Si veda anche Salmi 97:11.
  16. Dan 1999:82, 78-80. Dan dice che lo stesso vale per il Messia, per cui l'assistenza cosmica del Messia si trasforma in un'interdipendenza tra il chassid e il suo leader nella vita di tutti i giorni.