Messianismo Chabad e la redenzione del mondo/Una guerra spirituale

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search
Indice del libro
Shua1875.jpg
Ingrandisci
Frontespizio dello Shulchan Aruch di Shneur Zalman di Liadi, pubblicato a Varsavia nel 1875


IL MESSAGGIO DI RABBI YOSEF YITZCHOK

Una guerra spirituale: pentimento[modifica]

Yosef Yitzchok Schneersohn, il Frierdiker Rebbe di Chabad-Lubavitch
« Non ci resta che lucidare i bottoni delle nostre
uniformi in modo da essere pronti per uscire
e salutare Moshiach il Giusto. »
(Rabbi Yosef Yitzchok, 1928[1])

I tempi difficili furono interpretati da Rabbi Yosef Yitzchok come una guerra spirituale attraverso la quale Dio avrebbe fatto tornare il popolo a lui affinché venisse l'era messianica. Egli spiega che il "grande giorno" di cui parla il profeta Geremia (vedere il versetto introduttivo a IV) si riferisce all'ultimissima fase dell'esilio quando viene condotta la guerra di Gog e Magog. In tale momento non ci sarà un paese che non affetto dall'inimicizia verso il popolo ebraico durante l'esilio, ma l'ira di Dio finalmente divorerà il nemico. Durante la Seconda Guerra Mondiale, Rabbi Yosef Yitzchok disse che a causa degli eventi in Occidente, il nome di Dio sarà glorificato e la santa riverenza sorgerà tra le persone come conseguenza di eventi in Oriente (senza fare ulteriore riferimento a quali siano questi eventi). Ciò porterà gli ebrei al pentimento, cioè a teshuvah, che letteralmente significa "ritorno/ritornare". Tuttavia, finché Sion si trova in uno stato di distruzione, questo significa che il redentore non è ancora arrivato. Allo stesso tempo, fino all'arrivo del redentore, tutti gli edifici nella Terra d'Israele saranno classificati come rovine. Inoltre, Rabbi Yosef Yitzchok avverte che la redenzione non verrà perché la Terra di Israele è stata ricostruita, ma solo per mezzo del pentimento. Piuttosto, il compito principale del redentore è ricostruire la Terra di Israele in una condizione durevole.[2] Quando Rabbi Yosef Yitzchok scrisse questo durante la Seconda Guerra Mondiale, lo Stato di Israele non aveva ancora ottenuto la sua indipendenza, ma ovviamente Eretz Israel veniva ricostruito in altri modi.

In Osea 6:1 le persone sono incoraggiate a tornare al Signore. Ciò significa, secondo Rabbi Yosef Yitzchok, che una persona che ha il cuore spezzato e si rammarica sinceramente dei misfatti del passato e che di conseguenza è colma del desiderio di studiare la Torah, diventa osservante (soprattutto osserva lo Shabbat) e prega (indossa i tefillin). Il significato più profondo del pentimento è diventare migliori. Questo spesso implica disdegnare il proprio vecchio stile di vita, lo "stile di vita animalesco". Questo tipo di risveglio per fare teshuvah può effettivamente venire dall'"alto" se una persona non riesce a risvegliare da sola una sensazione di teshuvah. Questa sensazione può prendere una persona molto all'improvviso e garantisce che tale persona sia considerata buona nel Giorno dell'Espiazione (Yom Kippur).[3]

Quando Rabbi Yosef Yitzchok scrive del cuore spezzato significa che, in quanto legittimo pentimento, è essenziale l'insegnamento di Zalman sullla qelipah e sulla qelipat noga. L'anima animale,[4] deriva dalla qelipah (קליפה)[5] — un guscio che deve essere rotto per liberare il bene nell'anima animale che proviene dalla qelipat noga (נוגה קליפת). Questo viene fatto per mezzo di pentimento e intensa concentrazione e devozione nella preghiera (כַּוָּנָה kavanah), secondo la Tanya.[6] Si crede che l'anima animale sia situata nel cuore dell'uomo. Quindi, per rompere il guscio della qelipah il cuore deve essere spezzato.[7] Ecco perché Rabbi Yosef Yitzchok sottolinea la necessità di essere contrariati dal proprio stile di vita "animalesco".

Inoltre Zalman spiega in Iggeret ha-Kodesh che esiste un tipo di circoncisione del cuore che avverrà solo nell'era messianica, quando Dio stesso circonciderà i cuori degli uomini.[8] Questo è il punto in cui tutto ciò che deriva da qelipah viene convertito in santità. Israele fu esiliato a causa dei cuori divisi e dell'odio, insieme al ritiro della Shekhinah nel suo esilio.[9] La divisione dei cuori è il cuore che viene diviso tra qelipah e qelipat noga.

La teshuvah può anche essere imposta alle persone a causa di dolore e angoscia. Dio infliggerà rimproveri e punizioni se le persone non si pentono in modo tale da essere indotte a tornare da Lui e alla yiddishkeit, conducendo una vita ebraica osservante. Questi due modi per arrivare al punto di teshuvah sono descritti da Rabbi Yosef Yitzchok come un padre dedito a bambini che si comportano male. All'inizio, il padre agisce gentilmente nella speranza che questo possa persuadere il bambino a scegliere la cosa giusta, ma se ciò non dovesse funzionare, il padre si occuperà più severamente del bambino.[10] L'angoscia delle persone non deve essere vista come punizione per i peccati, anche se le afflizioni aumenteranno in conformità coi peccati del popolo. Piuttosto, Rabbi Yosef Yitzchok preferisce vedere Dio come un padre che porta i suoi figli a uno stato mentale in cui egli può beneficiarli, cioè porre fine all'esilio e accogliere il Messia, che porterà a una terra perfetta in modo che Dio possa farne la Sua dimora.[11] Parimenti, Zalman ha una visione positiva di Dio come Colui che aiuta l'uomo a superare i suoi peccati: "Il Santo, che Egli sia benedetto, Colui che viene in aiuto alla buona natura".[12] La Tanya afferma che senza questo una persona non sarebbe in grado di superare l'inclinazione al male. Quando si contempla la grandezza di Dio, si acquista forza per la propria anima divina.[13]

Chi non crede nelle questioni escatologiche, cioè la risurrezione dai morti e il Mondo a venire, è peggio di un animale che vive solo per gratificare i desideri del corpo e non ha uno scopo più alto nella vita, secondo Rabbi Yosef Yitzchok. Tuttavia, Dio ha dato all'uomo la capacità di superare i tratti caratteriali più atroci e di trasformarli in buone qualità. Una persona deve ignorare la sua inclinazione al male e fare teshuvah invece di essere immersa nel mondo materiale, perché quando qualcuno implora sinceramente il pentimento arriverà alla completa redenzione. Inoltre, "invocandoLo [Dio] in verità" si alleggeriranno le doglie del parto del Messia: "le afflizioni di questi tempi servono come risveglio al pentimento" che, a sua volta, introdurrà la redenzione. Pertanto, la preghiera e la supplica a Dio sono la battaglia da combattere, perché solo in questo si può vincere l'inclinazione al male e pentirsi in un vero senso spirituale. La teshuvah ha quindi un significato spirituale, non fatta solo per i peccati passati: l'anima raggiunge infatti altezze maggiori e ritorna allo stato precedente alla sua discesa sulla terra.[14] Come già accennato, Zalman disse anche nella Tanya, capitolo 1, che la qelipah è vinto mediante un'intensa preghiera; e nei capitoli 29 e 30, Zalman spiega il ruolo centrale della preghiera nello spezzare la natura malvagia. Il pentimento per Zalman ha due livelli, dove il secondo livello è quello in cui l'essenza effettiva del peccato viene trasformata, in modo che l'atto si converta in un fenomeno positivo.[15] Rabbi Yosef Yitzchok dice che quando il peccato viene trasformato, l'anima viene completamente purificata — pura come lo era prima di venire sulla terra.

Il tempo della guerra tra Gog e Magog è chiamato la vera ragione della salvezza, tempo durante il quale non c'è solo una guerra fisica, ma anche una battaglia spirituale che si svolge all'interno dell'uomo — vale a dire durante la preghiera. Ciò è quando l'inclinazione al male deve essere vinta dall'inclinazione al bene. L'anima divina ravviverà le preghiere e indurrà una persona a implorare Dio per pentimento. Ogni ebreo, indipendentemente dal fatto che sia religioso o no, anche colui che viola con disprezzo la Torah, deve pentirsi. Rabbi Yosef Yitzchok esorta: "Tutti devono pentirsi per meritare la redenzione".[16] La Tanya sottolinea anche il fatto che l'anima divina è in grado di sopprimere e sublimare le inclinazioni o gli impulsi malvagi (יצר הרא yetzer hara) che sono inerenti a tutti e che provengono dall'anima animale.[17]

Similmente, Rabbi Yosef Yitzchok sottolinea l'importanza di ogni ebreo, anche di quelli che potrebbero non pensare di essere molto. Afferma che il Messia si distinguerà per la sua suprema umiltà, il che significa che il Messia non discriminerà tra le persone, ma insegnerà a tutti, "anche alla gente semplice". Allo stesso modo la Tanya incoraggia i suoi lettori a raggiungere il livello del beinoni, che chiunque può ottenere in qualsiasi momento.[18] Per colui che raggiunge tale livello, il male diventa inattivo,[19] e non guadagna mai così tanto potere da far peccare questa persona.[20] Tali persone saranno persino invidiate dagli studiosi, secondo Rabbi Yosef Yitzchok, perché il Messia proverà una gioia speciale per gli ebrei non accademici, ma altruisti, su cui si basa realmente la Torah. Quando il Messia verrà, anche i grandi uomini dell'antichità cercheranno di rallegrarsi con i semplici ebrei, gli ebrei ordinari: Mosè si unirà in danza con loro e Re Davide li prenderà per mano.[21] Rabbi Yosef Yitzchok esortò ad osservare la Torah coi suoi comandamenti in semplicità e fede assoluta in Dio, invece di stare a razionalizzare o ragionare futilmente.[22]

Rabbi Yosef Yitzchok si basa fermamente sulla visione del mondo della Tanya e sulla fede nell'anima animale, e sulla necessità di spezzare il potere della qelipah, cosa che avviene mediante il pentimento, quando l'anima diventerà pura com'era prima della sua discesa sulla terra. In linea con Zalman, egli sa anche che Dio verrà ad assistere in questo processo. Soprattutto, entrambi enfatizzano la capacità dell'individuo di vincere il male con intense preghiere e petizioni, indipendentemente dal fatto che una persona sia o meno studiosa. L'ideale del beinoni, che di per sé non è menzionato da Rabbi Yosef Yitzchok, risalta ancora sia per Zalman che per lui stesso.

Note[modifica]

Searchtool.svg Per approfondire, vedi Guida maimonidea e Torah per sempre.
  1. From Exile to Redemption, vol. I:109. Rabbi Yosef Yitzchok spiega questa espressione sullo Shabbat, dicendo: "L’erev Shabbos del mondo è un giorno impegnativo di preparazione per il giorno imminente del santo Shabbos".
  2. Schneersohn 2001:247-248. "L'inimicizia verso il popolo ebraico [durante l'esilio] sarà così diffusa da interessare tutti i paesi, come un fiume che trabocca dalle sue sponde provocando inondazioni incontrollate. Ma l'ira Divina alla fine consumerà il nemico [Rashi, Metzudas Tziyon, Isaia 59:19], e il Nome Divino sarà santificato come risultato degli eventi in Occidente. In tale tempo, la santa riverenza che scaturirà dagli eventi in Oriente travolgerà l'umanità. Gli ebrei allora faranno teshuvah, momento in cui ‘un redentore verrà a Sion e a quelli in Yaakov che si pentono della [loro] trasgressione, dice il Signore". Schneersohn 2001:247.
  3. Schneersohn 2001:243-245, 251.
  4. Si veda Tanya cap. 9.
  5. Tanya cap. 1.
  6. Tanya cap. 1. Il cap. 7 spiega come la qelipat noga sia una categoria intermedia tra il completamente impuro e le qelipot peccaminose.
  7. Tanya cap. 9. Si veda inizio capitolo.
  8. Tanya cap. 4. Si veda 30:6.
  9. Iggeret ha-Kodesh cap. 32.
  10. Schneersohn 2001:249-250.
  11. Schneersohn 2001:275.
  12. Tanya cap. 13.
  13. Tanya cap. 13. Nella Tanya si fa riferimento a Kiddushin 30b.
  14. Schneersohn 1999:94, 97, 106-107, 131, 196, 203. L'autore si riferisce qui a Isaia 40:5.
  15. Tanya cap. 7. Si vedano anche Tanya cap. 25, Iggeret ha-Teshuvah cap. 4 e Steinsaltz 2003:191-201, 331.
  16. Schneersohn 1999:99-100, 106; Isaia 30:15; Sanhedrin 97b; Yoma 86a; Hilchot Teshuvah 7:5 (di Maimonide).
  17. Tanya cap. 9, 28.
  18. Tanya cap. 14.
  19. Tanya cap. 13.
  20. Tanya cap. 12. Lessons in Tanya I:185 spiega che a volte possono sorgere i desideri malvagi, ma l'anima divina del beinoni previene costantemente questi desideri nel pensiero, parola e azione.
  21. From Exile to Redemption, vol. II 1996:5, 13, 24.
  22. Igros Kodesh by the Rebbe Rayatz, vol. I 1986:488.