Peeragogia/Come organizzare un MOOC

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Connettivismo in Practice - Come organizzare un MOOC[modifica]

Massive Open Online Courses (MOOCs) sono eventi di apprendimento on-line che possono avvenire in modo sincrono o in modo asincrono anche per mesi. I partecipanti si riuniscono per ascoltare, vedere e partecipare alla comunicazione backchannel durante le lezioni dal vivo. Hanno letto gli stessi testi, allo stesso tempo secondo un calendario. L'apprendimento avviene attraverso reti auto-organizzate di partecipanti, ed è una metodologia quasi completamente decentralizzata: individui e gruppi creano blog o wiki commentando il lavoro degli altri, e ogni individuo o gruppo pubblica il loro feed RSS, che sono aggregati automaticamente da un (liberamente disponibile) attrezzo speciale, gRSShopper. Ogni giorno, una e-mail va a tutti i partecipanti, aggregando i flussi di attività da tutti i blog e wiki che impegnano materiale di quella settimana. I MOOCs sono una applicazione pratica di una teoria dell'apprendimento noto come "connettivismo" che colloca l'apprendimento nelle reti di connessioni effettuate tra gli individui e tra i testi.

Non tutti MOOCs sono MOOCs (a volte chiamato cMOOCs ). Piattaforme come Coursera, EDX e Udacity notoriamente offrono MOOCs che seguono un approccio centralizzato più tradizionale (a volte chiamato xMOOCs ). In quei xMOOCs un professore è in prima linea e l'apprendimento-esperienza è organizzato dall'alto verso il basso. Tuttavia, alcuni xMOOCs sembrano adottare un approccio più omogeneo. Per esempio, il corso di E-learning e "culture digitali" farà uso di spazi online oltre l'ambiente e la piattaforma Coursera incrementando la partecipazione a questo corso coinvolgendo un social web più ampio.

In questo capitolo ci concentreremo sui cMOOCs. Ci si potrebbe chiedere perché un corso vorrebbe essere 'massiccio'. Il pioniere dei cMOOC- Stephen Downes spiega che la sua attenzione è rivolta allo sviluppo di una struttura di rete, al contrario di una struttura di gruppo, per la gestione del corso. In una struttura di rete non vi è alcun punto centrale, per esempio, una discussione centrale. Questa è anche la ragione per cui egli ritiene che la cifra di 150 (partecipanti attivi), numero di Dunbar, è la linea di demarcazione per parlare di 'massa':

Perché il numero di Dunbar? La ragione è che rappresenta il numero massimo (teorico) di persone con cui una persona può ragionevolmente interagire. Quanti blog può una persona leggere, seguire e rispondere a? Forse intorno ai 150, se Dunbar è corretto. Il che significa che se abbiamo 170 blog - quindi i blog non costituiscono un 'core' - la gente comincia a essere selettiva e decide i blog che leggerà, o quelli che diverse sottocomunità (e interagenti) possono formare.

Introduzione[modifica]

Tradizionalmente, gli studiosi distinguono tre principali categorie di teorie dell'apprendimento: comportamentismo, cognitivismo e costruttivismo. Qualcuno potrebbe aggiungerne una quarta: il connettivismo, ma questo punto è ancora contestato. Una interessante applicazione del connettivismo, una teoria di apprendimento e la pratica per l'era digitale, è il MOOC corso online.

Una teoria dell'apprendimento per l'era digitale[modifica]

La teoria connettivista descrive l'apprendimento come un processo di creazione di connessioni e sviluppo delle reti. Esso si basa sul presupposto che la conoscenza esiste nel mondo, piuttosto che all'interno della mente di un individuo. Il connettivismo vede la rete come metafora centrale per l'apprendimento, con un nodo della rete che è un concetto (dati, sentimenti, immagini, ecc.) che può essere significativamente correlato ad altri nodi. Non tutte le connessioni sono di pari forza in questa metafora, infatti molte connessioni possono essere molto deboli.

A livello pratico, questo approccio suggerisce che l'apprendimento dovrebbe concentrarsi su dove trovare informazioni (flussi), e come valutare e di mash up quei flussi, piuttosto che cercare di entrare in un sacco di (deperibili) le informazioni nel proprio cranio. Conoscere i tubi è più importante di sapere cosa esattamente ogni tubo contiene in un dato momento.

Stephen Downes e George Siemens promuovono l'idea del connettivismo. Essi praticano all'organizzazione di nuovi Massive Aperte Corsi online (MOOCs): ad esempio. Le persone sono libere di partecipare a volontà. Ogni settimana un tema è discusso durante le sessioni sincrone che vengono rilevate e caricate come riferimento sul sito Change11. Il sito comprende anche un archivio delle newsletter giornaliere e feed RSS del blog e tweet da parte dei partecipanti.

I MOOCs tendono ad essere molto partecipati. Le persone sono incoraggiate a perseguire i propri interessi e a collegarsi con altre persone che potrebbero aiutarle. Ma la natura distribuita e libera dei progetti porta anche a reclami. I partecipanti spesso confondono le metodologie e i ruoli tentando di seguire tutte le discussioni (i facilitatori non dovrebbero cercare di seguire tutti i contenuti).

Stephen Downes spiega che cos'è il connettivismo: "Questo implica una pedagogia che:

  • (a) si propone di descrivere le reti 'di successo' (così come individuare le loro proprietà, che sono caratterizzate da diversità, l'autonomia, l'apertura, e la connettività) e;
  • (b) cerca di descrivere le pratiche che portano a tali reti, sia nel singolo che nella società (caratterizzato dal modello e fasi dimostrative (da parte di un insegnante) e la pratica e la riflessione (da parte di uno studente). "

George Siemens dice che il connettivismo è una "teoria dell'apprendimento per l'era digitale".

Connettivismo in pratica[modifica]

Un esempio di un MOOC che pretende di incarnare la teoria connettivista è change.mooc.c una. Il " come funziona ", sezione del sito spiega che cosa significa in pratica connettivismo.

Gli organizzatori Mooc sviluppato un certo numero di modi per combinare la natura distribuita delle discussioni con la necessità di un quadro costantemente aggiornato e per una struttura federata. Quindi, se la tua squadra vuole organizzare un corso online aperto, questi sono cinque punti da tenere in considerazione:

Non c'è il corpo del contenuto i partecipanti devono memorizzare, ma i risultati di apprendimento da attività che intraprendono. Le attività sono diverse per ogni persona. Un programma del corso con letture consigliate, le assegnazioni per le sessioni sincrone o asincrone è prevista (utilizzando i fogli di calcolo di Google Documenti internamente, Google Calendar esternamente - si potrebbe anche usare un wiki), ma i partecipanti sono liberi di scegliere. Normalmente non è un argomento, le attività, le risorse di lettura e spesso un ospite per ogni settimana. Uno dovrebbe anche riflettere sulla questione se una data di inizio e fine sono effettivamente necessari. E 'fondamentale per spiegare la particolare filosofia di questo tipo di MOOC, e questo fin dall'inizio, perché è probabile che gli studenti verranno con le aspettative informati dal loro esperienze di apprendimento più tradizionali.

E 'importante discutere gli aspetti "interni", come l'auto-motivazione: cosa fanno i partecipanti vogliono raggiungere, qual è il loro grande obiettivo? E quali sono le loro intenzioni quando selezionano determinate attività (piuttosto che altre possibilità)? Ognuno ha il suo esito previsto. Suggeriscono che i partecipanti meditare su tutto questo e di annotare i loro obiettivi. E come possono evitare di diventare stressato e sempre depresso perché ritengono di non poter "tenere il passo con tutto questo?" I facilitatori dovrebbero avere una buona occhiata a queste motivazioni, anche se è impossibile assistere ogni partecipante individualmente (per MOOCs larga scala ). Idealmente, i partecipanti devono preparare per questo corso con l'acquisizione delle necessarie competenze digitali. Quali competenze sono "necessari" possono essere decise dal gruppo stesso in anticipo. E 'tutto sulla selezione, la scelta, remixando - detto anche "curatela". Ci sono un sacco di strumenti che è possibile utilizzare per questo: blog, social bookmarks, wiki, forum, mappe mentali, cruscotti, le reti sociali come Twitter, con le loro possibilità, come hashtag e liste. Forse questi strumenti sono evidenti per alcuni, ma non necessariamente per tutti i partecipanti. Il corso non si trova in un posto, ma è distribuito in tutto il web: su vari blog e piattaforme di blogging, sui vari gruppi e reti online, su foto e video-sharing piattaforme, sulle mappe mentali e altre piattaforme di visualizzazione, su vari strumenti per il sincrono sessioni. Questa grande varietà è di per sé un importante elemento di apprendimento. Ci sono sessioni sincrone settimanali (usando Lavagna collaborare, o simile strumento di chat di gruppo). Durante queste sessioni, esperti e partecipanti danno presentazioni e avviare discussioni. Gruppi di partecipanti hanno anche incontri sincroni presso altre sedi (come Second Life). Cercate di pianificare questo con largo anticipo! Molti partecipanti altamente apprezzano gli sforzi per dare una visione d'insieme del procedimento. In particolare, il quotidiano Newsletter è una sorta di hub, un giornale della comunità. In quel giorno c'è anche un elenco dei post del blog che citano il cartellino del corso-specifico (ad esempio "Change11"), anche i tweet con hashtag # change11 sono elencati nel quotidiano. Naturalmente, il MOOC ha un sito in cui le sessioni, newsletter e altre risorse sono archiviati e thread di discussione possono essere letti. Fin dall'inizio del corso, è necessario spiegare l'importanza di codifica dei vari contributi, per suggerire un hashtag.

Per la raccolta di tutti questi contenuti distribuiti, Stephen Downes sostiene l'uso di gRSShopper , che è un ambiente web personale che unisce l'aggregazione di risorse, un spazio di dati personali, e personal publishing (Downes lo ha sviluppato e vorrebbe costruire una versione hosted - eventualmente finanziati tramite Kickstarter ). Il gRSShopper può essere trovato su una pagina di registrazione, che è utile in primo luogo per l'invio della newsletter. Esso consente di organizzare i tuoi contenuti online qualsiasi modo si desidera, per importare il contenuto - il proprio o altri '- da siti remoti, di remixare e riutilizzare, e di distribuirlo come RSS, le pagine web, i dati JSON, o feed RSS. Downes : "Per esempio, il gRSShopper raccoglitrice raccoglierà un link da un dato mangime. Una persona, se lui o lei ha i privilegi di amministratore, può trasformare questo collegamento in un post, aggiungendo i propri commenti. Il messaggio conterrà le informazioni circa l'autore del link originale e ufficiale. Contenuto in gRSShopper è creata e manipolata attraverso l'uso del codice di sistema che permette agli amministratori di vendemmia, mappa, e la visualizzazione dei dati, nonché di collegare e creare i propri contenuti. gRSShopper è destinato anche a fungere da strumento di pubblicazione a tutti gli effetti. "(per le alternative, vedere la sezione ulteriori tecnologie on).

Alternative per iscrizioni: Google Groups per esempio. Ma le regole specifiche sulla privacy dovrebbero essere affrontate: quale sarà lo stato dei contributi? In questo MOOC lo stato è pubblico e aperto per impostazione predefinita, per Downes questo è un elemento importante del corso.

Tecnologie[modifica]

Alcuni MOOCs uso Moodle, ma Downes non piace l'aspetto centralizzazione e non è aperto come potrebbe essere, ad esempio "le persone si sentono meglio scrivere nel proprio spazio." Altre possibilità di ricerca: Google Gruppi, WordPress, Diigo, Twitter, Facebook pagina, Second Life , ma ogni corso utilizza diverse miscele dei tanti strumenti di là fuori. Le persone scelgono il loro ambiente - se si tratta di WoW o Minecraft. Gli studenti usano Blogger, WordPress, Tumblr, Posterous come strumenti di blogging.

Elemento fondamentale è la raccolta RSS

Dare ai partecipanti un mezzo per contribuire con il loro blogfeed. In " Aggiungi un nuovo feed , "Downes spiega come ottenere questa struttura e spiegazioni aggiuntive (tramite video), al fine di contribuire con il loro feed del blog. L'amministratore in questo caso utilizza gRSShopper per elaborare il contenuto e metterlo in una banca dati, elaborarli e inviarlo ad altre persone. In alternativa si può usare Google Reader (l'elenco dei feed è disponibile come file OPML - che può essere importato in altre piattaforme). C'è anche un plug-in per WordPress che consente di utilizzare un foglio di calcolo di Google Doc per i feed, allora Wordpress per l'aggregazione). Molti altri sistemi di gestione dei contenuti hanno RSS caratteristiche di raccolta.

Ogni individuo potrebbe correre il proprio aggregatore, ma Downes offre come servizio. Ma aggregatori sono necessari, sia individuale, centralizzata o entrambi.

Ambienti sincroni[modifica]

Piattaforme sincroni includono Blackboard Collaborate (usato ora Change11); Adobe Connect, Big Blue Button; WiZiQ, Fuze, WebX, webcasting, web radio, videoconferenze con Skype o Google Hangout in collaborazione con Livestream o ustream.tv. Oppure prendere la Skype / Hangout audiostream e broadcast è come webradio. Impostare e testare prima del tempo, ma non esitate a sperimentare.

Newsletter o Feed[modifica]

I feed sono molto importanti (vedi discorso di prima circa la newsletter giornaliera). È possibile utilizzare Twitter o una pagina di Facebook, Downes utilizza la posta elettronica, crea anche una versione RSS attraverso gRSShopper e lo invia attraverso Ifttt.com torna a Facebook e Twitter. Per il resto di noi non vi è WordPress, che è possibile utilizzare per creare un notiziario e-mail lettera . Downs suggerisce anche questa pratica guida su come progettare e costruire una newsletter senza perdere la vostra mente !

Considerare l'utilizzo di un sistema di gestione dei contenuti e di basi di dati per mettere fuori pagine specializzate e la newsletter in modo elegante, ma richiede una curva di apprendimento. In caso contrario, usare i blog / wiki.

Commenti[modifica]

I partecipanti sono caldamente invitati a commentare sui blog di ogni altri 'e di lanciare thread di discussione. In questo modo si pratica una fondamentale abilità di social media - reti di sviluppo commentando vari luoghi e di impegnarsi in conversazioni. E 'importante avere attività e convincere la gente di essere coinvolti, piuttosto che sedersi.

Per una presentazione approfondita, si prega di dare un'occhiata al Facilitare un Massive Aperto Corso online di Stephen Downes, in cui egli si concentra su temi di ricerca e di indagine, preparando eventi, e altri elementi essenziali.

Risorse[modifica]

Nozioni di base

  • Come funziona questo Corso
  • Che cosa è un MOOC
  • Il successo in un MOOC
  • La conoscenza in una MOOC
  • Introduzione e invito

Ulteriori letture[modifica]

  • Downes & Siemens MOOC site
  • What Connectivism Is by Stephen Downes
  • An Introduction to Connective Knowledge by Stephen Downes
  • Facilitating a Massive Open Online Course, by Stephen Downes
  • gRSShopper
  • Connectivism: A Learning Theory for the Digital Age by George Siemens
  • A Connectivism Glossary
  • Rhizomes and Networks by George Siemens
  • Rhizomatic Education: Community as Curriculum by Dave Cormier
  • Knowing Knowledge, a book by George Siemens
  • Net Smart, Howard Rheingold (about internal and external literacies for coping with the ‘always on’ digital era)
  • Massive Open Online Courses: Setting Up (StartToMOOC, Part 1)
  • Literature review