Peeragogia/Modelli ed Euristica

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

PENSARE A MODELLI[modifica]

Uno schema é qualcosa che avviene ripetutamente. Nel contesto della “Peeragogy” intendiamo che spesso accade che anche a noi piace, vogliamo o pensiamo sia necessario per qualche scopo. Cose che succedono spesso, ma non sono gradite, vengono denominate anti-modello! Non esitate a segnalare sia modelli che anti-modelli che notate nel corrente contesto o qualsiasi cosa che vi possa venire in mente o che osservate in un apprendimento simile o in simili esperienze produttive.

Cosa é un caso d’uso?[modifica]

Un caso d’uso descrive qualcuno (o qualcosa) che utilizza un dato sistema o uno strumento per raggiungere uno obiettivo. La stesura di un caso d’uso si presenta con un titolo (che serve come breve riassunto), un attore principale e uno scenario di successo. Possono essere aggiunte nuove caratteristiche, ad esempio percorsi alternativi di interazione che portano ad un cambiamento del risultato. I casi d’uso e gli schemi sono legati tra di loro, in questo caso un modello dovrebbe generalmente essere utile per qualcosa. Un caso d’uso può indicare come funziona. (Una lista di casi d’uso rivolta alla tecnologia è presente nella sezione Tecnologie, Servizi e Piattaforme.)

Cosa si ottiene mettendo assieme i due elementi?[modifica]

Mettendo assieme modelli e casi d’uso si inizia ad ottenere qualcosa chiamato “linguaggio modello”. Vedi la sezione “Modelli ed Euristica”, qui di seguito, per una tale rappresentazione (facendo riferimento alle relazioni tra modelli per l’organizzazione di apprendimenti simili e conosciute tecniche per la risoluzione di problemi). Questo approccio potrebbe essere utile per capire la curva di apprendimento di un individuo all’interno di un determinato dominio, come una sorta di “mappa”, nel quale possiamo notare un più elevato modello di sviluppo ( o almeno un piú elevato modello di attenzione). Guardare al sezione “Reasearching Peeragogy” per ulteriori informazioni riguardo a questi temi.

Modelli ed Euristiche[modifica]

Questa sezione evidenzia alcuni parallelismi tra “le euristiche di Minskian per risolvere i problemi” e i nostri modelli di “Peeragoy” (vedi sotto).

Le euristiche (di cui Marvin Minskian discute in alcuni punti nel progetto One Laptop Per Child) possono essere riassunte con il seguente schema: Possiamo vedere dei legami con i modelli di “Peeragogy” che abbiamo identificato, in primo luogo riassunti con un'immagine, secondariamente nel testo riportato qui sotto (potete cliccare su uno dei punti dello schema, in questo modo verrete collegati alla pagina che descrive il modello). In poche parole per elaborare: - semplifichiamo le cose per il Nuovo arrivato. (In particolare questo significa che non ci aspettiamo che il nuovo arrivato usi un alto livello di elaborazione.)

Cambiamo l’obiettivo utilizzando una Tabella di marcia che ci guidi passo dopo passo. Inoltre il progetto “Heartbeat” ci porta a lasciare perdere il nostro obiettivo in un certo momento, e riprenderlo con un altro punto di vista successivamente. Cambiamo la descrizione utilizzando un “Wrapper” (Involucro) che descrive il nuovo stato del progetto. Per il progetto Peeragogy, questo spesso significava riassumere i punti piú importanti che abbiamo visto in un dato periodo di tempo. Sembra possibile che con un Linguaggio modello abbastanza ricco, la descrizione sará fatta di per sé in termini di modelli. Dividere il lavoro non solo “orizzontalmente” tra i diversi Ruoli, ma anche “temporaneamente” utilizzando un piano d’azione. Chiunque vada avanti con un Piano d’azione, é probabile che stia “lavorando all’avanguardia”. Quando troviamo un’analogia, stiamo fondamentalmente Creando una guida di qualche tipo. Questo puó essere utilizzato come forma di “esplorazione”, quando vediamo come una forma di impegno possa o non possa tracciare altre forme di impegno. Quando chiediamo aiuto, potremmo approfittare di un servizio di Moderazione che deciderà come gestire la nostra richiesta. Un modo semplice per chiedere aiuto é “Polling for Ideas”. Ovviamente, nel momento in cui si inizia a chiedere aiuto, stiamo lavorando in un regime di “impegno collaborativo”. Se si conosce la risposta, allora si può essere in grado di riutilizzarla (che é l’idea di base descritta in Praxis vs Poesis, anche se il titolo risulti un pó incomprensibile). Qualcuno che conosce la risposta e che é bravo a darsi un'auto spiegazione, dovrebbe anche avere una buona idea su come arrivare dallo stato attuale all’ obiettivo; in alternativa questo può essere suddiviso in passaggi con un piano d’azione secondario, e spostandosi passo dopo passo mostrerebbe “una progressiva risoluzione dei problemi”. E’ importante dargli una pausa in modo da non stancare troppo se stesse, sovraccaricando la propria Capacità di Carico o in alternativa travolgendo il gruppo. Sembra che un delle cose che faccino gli esperti sia Discernere un Modello. Questo gli permette di semplificare la loro elaborazione Infine, ancora una volta, se si conosce il motivo che lo rende difficoltoso, allora potremmo essere in grado di Creare una Guida che austerità a girarsi attorno o almeno ad affrontare meglio le difficoltà.

Modelli di “Peeragogy”[modifica]

Qui trovate il nostro indice dei modelli menzionati, ognuno dei quali é collegato ad unapagina che trovate qui sotto:

  • “Heartbit”
  • Capacitá di carico
  • Creare una guida
  • Discernere un modello
  • Moderazione
  • Nuovo arrivato
  • Modello di linguaggio
  • “Polling for ideas”
  • Praxis vs Poesis
  • Tabella di marcia
  • Ruoli
  • “Wrapper” (colui che tiene unito)

Casi d’uso di “Peeragogy”[modifica]

Abbiamo anche una vasta gamma di casi d’uso da esplorare:

  • Dalla pari produzione al pari apprendimento
  • C’est la vie
  • Gestione del progetto di distribuzione
  • Migliore adattabilitá
  • Milgiorare l’efficacia del finanziamento alla ricerca
  • Giornalista entra nella “Whispering Gallery”
  • Vivere il sogno OER
  • Rendere propri i nostri strumenti
  • Peeragogy
  • Simile apprendimento sul margine tecnico
  • Prolegomeni per qulsiasi ambiente futuro di apprendimento della matematica
  • Peeragogy aiuta a risolvere problemi complessi
  • Avviare una societá
  • Rubare questo libro
  • Strategia come apprendimento
  • Noi siamo l’ uno percento
  • Giovani aspiranti blogger vogliono evitare la fame

Anti modelli per la Peeragogia[modifica]

E alcuni anti modello (cose da non fare!)

  • ISOLAMENTO
  • PARERE MAGICO
  • INCASINARSI CON CHI STA A GUARDARE
  • IL POTERE DELL’INCOMPRENSIONE
  • OSSERVARE IL PUNTO CENTRALE
  • INERZIA
  • RIMANERE FERMI AL LIVELLO DEI LEGAMI DEBOLI

Esempi[modifica]

I casi d’uso e i modelli riportati sopra rendono la “storia” astratta; e per quanto riguarda concreti casi di “Peeragogy” in azione? Si consideri:

OpenHatch.org “un comunitá aperta di ricerca con il fine di aiutare i nuovi arrivati a trovare la loro strada in liberi progetti di software”. L’associazione FREE TECHNOLOGY é un giovane progetto con aspirazioni per certi versi simili a quelle di OpenHatch, ma in questo caso orientata non solo all’abbinamento di nuovi arrivati con un mentore, ma abbinare il cliente ai fornitori di servizi. “L’idea é che noi, come gruppo, faremo dei progetti utili per i nostri membri o soggetti esterni e sul lavoro noi consigliamo e apprendiamo e miglioriamo”. (Dal momento che si tratta di un nuovo progetto, la fase di costruzione del progetto stesso, é un esempio di nascente “Peeragogy”. Molti esempi sono riportati nella pagina ESEMPI.

Ricerche e Referenze[modifica]

The TIMELSS WAY OF BUILDING (Pagina di Wikipedia)

Un elegante libro (come la maggior parte dei libri di Cristopher Alexander). Se lo riesci a trovare nella tua libreria, ne vale la pena leggerlo. Se vuoi iniziare con qualcosa di piú leggero, c’é un buon saggio di Christopher Alexander chiamato A city is not a tree disponibile on line:

http://dreamsongs.net/Files/PatternsOfSoftware.pdf

Questo é un famoso libro scritto da Richard Gabriel, che mette in pratica il concetto di “modelo” per linguaddi software e di programmazione.