Sloveno/Prima e seconda declinazione neutra

Wikibooks, manuali e libri di testo liberi.
Jump to navigation Jump to search

Prima declinazione neutra[modifica]

(desinenza genitivo singolare -a)

esempi mesto (città) e polje (campo)

Questa declinazione riguarda i sostantivi di genere neutro con desinenza -o oppure -e, per esempio mesto (città) e polje (campo):

caso singolare duale plurale
1 mest-o polj-e mest-i polj-i mest-a polj-a
2 mest-a polj-a mest polj mest polj
3 mest-u polj-u mest-oma polj-ema mest-om polj-em
4 mest-o polj-e mest-i polj-i mest-a polj-a
5 o mest-u o polj-u o mest-ih o polj-ih o mest-ih o polj-ih
6 z mest-om s polj-em z mest-oma s polj-ema z mest-i s polj-i

Come si vede, le desinenze sono uguali sia che il sostantivo termini in -o che in -e. Differiscono solo in quanto la -o- muta in -e- dopo la consonante del gruppo c, j, č, š, ž, come detto nel modulo Gruppi di consonanti.

Prolungamento della base[modifica]

La declinazione di alcuni sostantivi richiede un prolungamento della base del vocabolo, cioè l'inserimento di una sillaba tra base e desinenza. Si deve inserire:

  • una -et- per i sostantivi che indicano qualcosa o qualcuno molto giovane o non ancora sviluppato, esempio dete (neonato) o žrebe (pulledro),
  • una -en- per i sostantivi che finiscono in -me, esempio pleme (clan) ,
  • una -es- solo per i seguenti sostantivi: črevo (budello), drevo (albero), kolo (ruota), oje (timone del carro), oko (occhio), pero (penna), slovo (commiato), telo (corpo), uho (orecchio), tutti tranne črevo accentati sull'ultima vocale.

Di questi ultimi, oko e uho palatalizzano la consonante finale della base, cioè la -k- e la -h- diventano rispettivamente -č- e -š-, come sotto riportato.

caso singolare duale plurale
1 det-e det-et-i det-et-a
2 det-et-a det-et det-et
3 det-et-u det-et-oma det-et-om
4 det-e det-et-i det-et-a
5 pri det-et-u pri det-et-ih pri det-et-ih
6 z det-et-om z det-et-oma z det-et-i
caso singolare duale plurale
1 plem-e plem-en-i plem-en-a
2 plem-en-a plem-en plem-en
3 plem-en-u plem-en-oma plem-en-om
4 plem-e plem-en-i plem-en-a
5 pri plem-en-u pri plem-en-ih pri plem-en-ih
6 s plem-en-om s plem-en-oma s plem-en-i
caso singolare duale plurale
1 drev-o drev-es-i drev-es-a
2 drev-es-a drev-es drev-es
3 drev-es-u drev-es-oma drev-es-om
4 drev-o drev-es-i drev-es-a
5 pri drev-es-u pri drev-es-ih pri drev-es-ih
6 z drev-es-om z drev-es-oma z drev-es-i
caso singolare duale plurale
1 uh-o uš-es-i uš-es-a
2 uš-es-a uš-es uš-es
3 uš-es-u uš-es-oma uš-esom
4 uh-o uš-es-i uš-es-a
5 pri uš-es-u pri uš-es-ih pri uš-es-ih
6 z uš-es-om z uš-es-oma z uš-es-i

Nota: Il duale di uho si usa solo in caso si voglia esplicitare che si tratti di due esemplari di orecchio. Normalmente parlando, si usa il plurale, per cui una persona ha ušesa (non ušesi) e ascolta con ušesi (non ušesoma).

Eccezione[modifica]

Il vocabolo oko ha due significati. Se significa occhio come organo della vista, ha solo il singolare ed il plurale (similmente a uho), ma al plurale diventa di genere femminile con la forma oči (seconda declinazione, esempio stvar). La declinazione sotto riportata per il duale ed il plurale con inserimento di -es- si adopera se la parola viene usata in senso figurato, il che si ha principalmente in due occasioni: viene detta oko anche l'escrescenza del tubero che germoglia, e viene detto kurje oko (letteralmente occhio di gallina) il callo tra le dita dei piedi conosciuto come occhio di pernice.

caso singolare duale plurale plur. fem.
1 ok-o oč-es-i oč-es-a oč-i
2 oč-es-a oč-es oč-es oč-i
3 oč-es-u oč-es-oma oč-es-om oč-em
4 ok-o oč-es-i oč-es-a oč-i
5 pri oč-es-u pri oč-es-ih pri oč-es-ih pri oč-eh
6 z oč-es-om z oč-es-oma z oč-es-i z oč-mi

.

Gruppi consonantici prima della desinenza[modifica]

Per la formazione del genitivo duale e plurale (senza desinenza), bisogna fare attenzione ai sostantivi che hanno un gruppo consonantico prima della desinenza, ad esempio mesto (città), pismo (lettera), poslopje (palazzo).

  • Se ambedue le consonanti del gruppo sono sonore o ambedue sorde, la declinazione è regolare: mesto fa mest, igrišče (campo giochi) fa igrišč.
  • Se il gruppo è costituito da una consonante sorda e una sonora del gruppo m n l r v, bisogna inserire una -e- (letta ə, semisuono): pismo (lettera) fa pisem, okno (finestra) fa oken, deblo (tronco dell'albero) fa debel, jadro (vela) fa jader, moštvo (squadra) fa moštev.
  • Se il gruppo è costituito da una consonante non sonora e la -j- sonora, bisogna inserire una -i-: poslopje fa poslopij, morje (mare) fa morij. Questa regola va leggermente modificata se si tratta dei gruppi -lj- e -nj-, dove i genitivi si formano semplicemente senza desinenza e la -i- va inserita solo nelle parole che si reputano composte: così abbiamo povelje (comando) che fa povelj, stanovanje (abitazione) che fa stanovanj, ma per esempio pročelje (facciata) che fa pročelij.
caso singolare duale plurale
1 mest-o mest-i mest-a
2 mest-a mest mest
1 igrišč-e igrišč-i igrišč-a
2 igrišč-a igrišč igrišč
1 pism-o pism-i pism-a
2 pism-a pisem pisem
1 okn-o okn-i okn-a
2 okn-a oken oken
1 debl-o debl-i debl-a
2 debl-a debel debel
1 jadr-o jadr-i jadr-a
2 jadr-a jader jader
1 moštv-o moštv-i moštv-a
2 moštv-a moštev moštev
1 poslopj-e poslopj-i poslopj-a
2 poslopj-a poslopij poslopij
1 morj-e morj-i morj-a
2 morj-a morij morij
1 povelj-e povelj-i povelj-a
2 povelj-a povelj povelj
1 stanovanj-e stanovanj-i stanovanj-a
2 stanovanj-a stanovanj stanovanj
1 pročelj-e pročelj-i pročelj-a
2 pročelj-a pročelij pročelij -

Singolarità[modifica]

Ci sono due pluralia tantum con qualche particolarità: tla (pavimento) e drva (legna da ardere). Per drva esiste anche il singolare (drvo, pezzo di legno), ma è dialettale. Si declinano così:

caso tla drva
1 tla drva - leggi dərva con la ə accentata
2 tal drvì (drv - leggi dəru con la ə accentata)
3 tlom drvèm
4 tla drva - leggi dərva con la ə accentata
5 pri tleh pri drvèh (pri drvih - leggi dərvih con la ə accentata)
6 s tlemi z drvmì (z drvi - leggi dərvi con la ə accentata)

Seconda declinazione neutra[modifica]

(forma aggettivale):

Include i sostantivi derivati da aggettivo, ad esempio dobro (il bene) che sottintende e significa dobro dogajanje (buon avvenimento). Analogamente fanno parte di questo gruppo i nomi propri di luoghi terminanti in -sko o -ško (desinenza aggettivale), ad esempio Tirolsko, Krško.

Si declinano come aggettivi.